Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

IL RAPPORTO 2015 DI NESSUNO TOCCHI CAINO
L'evoluzione positiva verso l'abolizione della pena di morte in atto nel mondo da oltre quindici anni, si è confermata nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015.

I Paesi o i territori che hanno deciso di abolirla per legge o in pratica sono oggi 161. Di questi, i Paesi totalmente abolizionisti sono 103; gli abolizionisti per crimini ordinari sono 6; quelli che attuano una moratoria delle esecuzioni sono 6; i Paesi abolizionisti di fatto, che non eseguono sentenze capitali da oltre dieci anni o che si sono impegnati internazionalmente ad abolire la pena di morte, sono 46.
I Paesi mantenitori della pena di morte sono scesi a 37 (al 30 giugno 2015) rispetto ai 39 del 2013.
Nel 2014, i Paesi che hanno fatto ricorso alle esecuzioni capitali sono stati 22, come nel 2013 e 2012, mentre erano stati 20 nel 2011, 22 nel 2010, 19 nel 2009 e 26 nel 2008.
Nel 2014, le esecuzioni sono state almeno 3.576, a fronte delle almeno 3.511 del 2013, delle almeno 3.967 del 2012, delle almeno 5.004 del 2011, delle almeno 5.946 del 2010, delle almeno 5.741 del 2009 e delle almeno 5.735 del 2008. Il lieve aumento delle esecuzioni nel 2014 rispetto al 2013 si giustifica con l'incremento registrato in Iran e in Arabia Saudita.
Nei primi sei mesi del 2015, almeno 2.229 esecuzioni sono state effettuate in 17 Paesi e territori.
Nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, non si sono registrate esecuzioni in 5 Paesi - Botswana, India, Kuwait, Nigeria e Sudan del Sud - che le avevano effettuate nel 2013.
Viceversa, 7 Paesi, che non avevano effettuato esecuzioni nel 2013, le hanno riprese nel 2014: Bielorussia (almeno 3), Egitto (almeno 15), Emirati Arabi Uniti (1), Giordania (11), Guinea Equatoriale (9), Pakistan (7) e Singapore (2). Altri 2 Paesi, che non avevano effettuato esecuzioni nel 2014, le hanno riprese nei primi sei mesi del 2015: Bangladesh (2) e Indonesia (14).
Nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, è probabile che esecuzioni "legali" siano avvenute in Siria e Sudan del Sud, e in Vietnam e Yemen nei primi sei mesi del 2015, anche se non è possibile confermarlo.
Nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, altri 9 Paesi hanno rafforzato ulteriormente il fronte a vario titolo abolizionista: Costa d'Avorio, Figi, Madagascar e Suriname hanno abolito totalmente la pena di morte; Gabon ed El Salvador hanno aderito al Secondo Protocollo Opzionale al Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici per l'abolizione della pena di morte; il Libano ha superato i dieci anni senza effettuare esecuzioni e quindi può essere considerato un abolizionista di fatto; la Guinea Equatoriale ha stabilito una moratoria legale della pena di morte.
Negli Stati Uniti, nel maggio 2015 il Nebraska è diventato il diciannovesimo Stato della federazione ad abolire la pena di morte e il settimo a farlo negli ultimi otto anni. In altri quattro Stati - Washington, Colorado, Pennsylvania e Oregon - i Governatori hanno sospeso le esecuzioni a causa degli evidenti difetti che connotano il sistema capitale.
Inoltre, nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, ulteriori passi politici o legislativi verso l'abolizione o la moratoria di fatto della pena capitale si sono verificati in 41 Paesi.
Sul fronte opposto, come abbiamo visto, 7 Paesi, che non avevano effettuato esecuzioni nel 2013, le hanno riprese nel 2014, in alcuni casi dopo molti anni di sospensione. Altri 2 Paesi, che non avevano effettuato esecuzioni nel 2014, le hanno riprese nei primi sei mesi del 2015. Inoltre, nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015, alcuni passi indietro politici o legislativi verso il ripristino della pena di morte e la ripresa delle esecuzioni sono stati fatti nei seguenti Paesi: Maldive, Papua Nuova Guinea e Kiribati.
Per saperne di piu' :

---------------------------------------
NESSUNO TOCCHI CAINO - NEWS FLASH

ANALISI DEI DATI DEL RAPPORTO 2015 E OBIETTIVI DI NESSUNO TOCCHI CAINO
Il lieve aumento delle esecuzioni nel 2014 rispetto al 2013 si giustifica con l'incremento registrato in Iran e in Arabia Saudita. Invece, se si dovesse confermare il trend dei primi sei mesi del 2015, registreremmo un numero record di esecuzioni alla fine dell'anno. Ciò è dovuto in particolare all'escalation registrata in Arabia Saudita, in Egitto e ancora una volta in Iran e alla ripresa delle esecuzioni in Giordania, Pakistan e Indonesia.
La "guerra alla droga" e la "guerra al terrorismo" hanno dato un contributo consistente all'escalation della pratica della pena di morte anche nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015.
In Iran, l'elezione di Hassan Rouhani come Presidente della Repubblica Islamica, salutata imprudentemente da molti osservatori come una svolta nel regime iraniano, non ha portato nulla di nuovo per quanto riguarda l'applicazione della pena di morte; anzi, il tasso di esecuzioni è nettamente aumentato. Da quando Rouhani è entrato in carica nel giugno 2013, quasi 2.000 prigionieri sono stati giustiziati in Iran. Il 46% delle persone giustiziate nel 2014 è stato impiccato per casi relativi alla droga e questa percentuale è schizzata al 70% nel 2015, al 30 giugno.
La campagna di Nessuno tocchi Caino per l'abolizione della pena di morte nel mondo non può non includere quella per l'abolizione della pena fino alla morte e cioè dell'ergastolo.
Quella sull'ergastolo è una battaglia storica del Partito Radicale che ha avuto un'eco prodigiosa il 23 ottobre scorso quando Papa Francesco, parlando ai delegati dell'Associazione Internazionale di Diritto Penale, l'ha definito "una pena di morte mascherata" che dovrebbe essere abolita insieme alla pena capitale.
La questione dell'ergastolo sarà al centro del prossimo Congresso di Nessuno tocchi Caino che si terrà entro l'anno in un penitenziario italiano dove c'è un'alta concentrazione di ergastolani, dove far confluire il maggior numero di condannati all'ergastolo, a partire dagli iscritti all'Associazione.
Il progetto di Nessuno tocchi Caino sull'ergastolo si articola su due piani.
Il primo, a livello scientifico, è volto a documentare gli effetti sullo stato psico-fisico del detenuto della lunga permanenza in condizioni di isolamento in attesa di un "fine pena: mai", analogamente a quanto la letteratura scientifica ha già ampiamente documentato nel caso dei condannati a morte (il cosiddetto "fenomeno del braccio della morte").
Come scrive Papa Francesco, "la mancanza di stimoli sensoriali, la completa impossibilità di comunicazione e la mancanza di contatti con altri esseri umani, provocano sofferenze psichiche e fisiche come la paranoia, l'ansietà, la depressione e la perdita di peso e incrementano sensibilmente la tendenza al suicidio".
Il secondo, a livello giurisdizionale, mira a presentare, a partire da casi concreti, ricorsi nazionali - Corte Costituzionale - e sovranazionali - Corte Europea dei Diritti dell'Uomo e Comitato Diritti Umani dell' ONU - volti a superare l'ergastolo, quantomeno nei suoi aspetti più duri: il cosiddetto "ergastolo ostativo" (sui 1.576 condannati a vita ben 1.162 sono ostativi, cioè esclusi per legge dai benefici carcerari) e l'isolamento in regime di 41 bis (circa 700 detenuti).
Il progetto di Nessuno tocchi Caino sull'ergastolo si svolgerà in collaborazione con il Prof. Davide Galliani della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Milano, coordinatore del progetto europeo "Right to Hope", e con il Prof. Umberto Veronesi, da sempre contrario all'ergastolo proprio a partire dai suoi studi sulla plasticità del cervello.
Per saperne di piu' :

MESSAGGI DI MATTARELLA, GRASSO E BOLDRINI A NESSUNO TOCCHI CAINO
31 luglio 2015: In occasione della presentazione del Rapporto 2015 su "La Pena di morte nel Mondo", i Presidenti Sergio Mattarella, Pietro Grasso e Laura Boldrini hanno inviato messaggi di saluto e di augurio a Marco Pannella, in quanto Presidente di Nessuno tocchi Caino.
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è congratulato con la scelta dell'Associazione radicale di dedicare il Rapporto 2015 e il Premio "L'Abolizionista dell'Anno" a Papa Francesco, "il cui impegno contro la pena di morte è stato limpido e costante in questi primi anni di Pontificato. Le sue parole costituiscono un monito, e un motivo di impegno, non solo per i cristiani ma per tutta l'umanità". "Mentre noi chiediamo a tutti i governanti di riflettere su queste parole - continua il Presidente della Repubblica - dobbiamo fare il nostro dovere affinché il nostro sistema penale e carcerario sia conforme ai valori costituzionali, consentendo ai condannati una vita dignitosa durante la pena, riducendo i tempi dei processi, dando loro la possibilità di progettare un futuro dopo aver pagato per gli errori commessi".
Anche per il Presidente del Senato Pietro Grasso la scelta di Nessuno tocchi Caino di assegnare il Premio "L'Abolizionista dell'Anno" a Sua Santità Papa Francesco "significa riconoscere la grandezza del suo pontificato e del suo costante impegno per la salvaguardia della sacralità della vita e della dignità della persona". Pietro Grasso ha espresso "l'auspicio che il messaggio di Papa Francesco possa divenire terreno comune di dialogo e di confronto nell'ambito della comunità internazionale". "È mia ferma convinzione che la giustizia sia sempre 'per la vita' e una missione a tutela della vita e dei diritti delle persone", ha dichiarato Pietro Grasso.
La Presidente della Camera Laura Boldrini ha evidenziato "il percorso graduale verso l'abolizione, nel quale l'Italia ha sin dall'inizio giocato un ruolo significativo, in linea con il suo tradizionale impegno abolizionista, e in questa battaglia di civiltà Nessuno Tocchi Caino ha messo in campo energie preziose che hanno contribuito in modo fattivo al conseguimento di questi incoraggianti progressi". "Se in un paese autoritario - ha affermato Laura Boldrini - la pena capitale ci appare l'espressione più evidente di una inaccettabile visione culturalmente primitiva e sostanzialmente immorale, questa pratica rappresenta, anche in un Paese democratico, un atto di vendetta e incomprensibile incoerenza".
Per saperne di piu' :

GLI INTERVENTI DI ORLANDO, GOZI E PANNELLA
31 luglio 2015: Sull''articolo 4 bis dell''ordinamento carcerario, che riguarda il divieto di concessione dei benefici e l''accertamento della pericolosita'' sociale dei condannati per
determinati delitti, "serve una discussione corale. Mi piacerebbe cominciare a girare un film invece di dire come va a finire". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, nel corso della presentazione del Rapporto di Nessuno tocchi Caino sulla pena di morte.
"La delega contenuta all''interno della riforma del processo penale prevede una ricognizione - ha aggiunto - vorrei che il lavoro complessivo fosse corale e che non fosse limitato dalla ''campagnetta'' di paura che viene agitata da questa o quella centrale degli imprenditori della paura che nel nostro Paese hanno strutturato la loro presenza", ha aggiunto Orlando.
Per il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Politiche europee, Sandro Gozi,
"Esiste il dovere di rendere giustizia in modo giusto", non con la pena di morte. "Tutti gli stati europei hanno degli obblighi, l''Europa deve essere un continente libero dalla pena di morte". "Dai dati emerge che "l''unica eccezione in un continente altrimenti libero dalla pena di morte e'' rappresentata dalla Bielorussia: 3 le esecuzioni nel 2014".
"E'' preoccupante - ha osservato Gozi - l''aumento delle esecuzioni capitali nel mondo. L''Italia proseguira'' il suo impegno sulla moratoria Onu ed e'' importante lanciare un nuovo dibattito a riguardo". L''Italia, ha concluso il sottosegretario, "sta lavorando in Parlamento" per l''introduzione del reato di tortura: "Si aprira'' un dibattito perche'' arrivino proposte importanti".
"Vogliamo aiutare il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e i dirigenti del nostro paese a rispettare la legalita'', ha dichiarato Marco Pannella, Presidente di NtC. E'' necessario un supplemento di impegno per avere successo nell''opera di realizzazione della legalita''.
Siamo ufficialmente responsabili di una conduzione criminale, a livello della giustizia, anche secondo la Cassazione". Cosi'' Marco Pannella parlando della situazione della giustizia e delle carceri nel nostro paese.
"Siamo lo Stato europeo piu'' condannato perche'' siamo fuori legge - ha aggiunto il leader radicale - dobbiamo aiutarlo. Dobbiamo aiutare l''Italia a compiere quello che si aspetta da tempo. L''amnistia e l''indulto sono tecnicamente tali da far scomparire in 24 ore quella cosa maledetta. Vogliamo guarire". Pannella ha quindi sottolineato la necessita'' di una svolta sull''"irragionevole" durata dei processi.
(Fonti: Ansa, AdnKronos, 31/07/2015)

TUNISIA: PARLAMENTO RAFFORZA PENA DI MORTE PER TERRORISMO

 

23 luglio 2015: il parlamento della Tunisia ha approvato l'imposizione della pena di morte per reati "terroristici", nonostante l'opposizione dei gruppi per i diritti umani e una moratoria di fatto sulle esecuzioni che nel Paese dura da un quarto di secolo.
I legislatori hanno votato durante il secondo dei tre giorni di dibattito su un disegno di legge volto a rafforzare i poteri per affrontare la minaccia jihadista, in seguito ai recenti attacchi mortali rivendicati dall'ISIS.
Il Presidente Beji Caid Essebsi ha imposto lo stato di emergenza dopo che uno studente il mese scorso ha aperto il fuoco in una località balneare provocando la morte di 38 turisti stranieri, la maggior parte di loro cittadini britannici.
Questa strage è avvenuta sulla scia di un'altra a marzo in cui uomini armati hanno attaccato il museo nazionale della Tunisia, uccidendo 21 stranieri e un poliziotto.
I legislatori hanno votato in massa a favore dei tre articoli che impongono la pena di morte.
L'articolo 26 si applica a chiunque "consapevolmente uccide qualcuno che beneficia della protezione internazionale", in riferimento a persone come diplomatici e funzionari internazionali.
L'articolo successivo si applica ai casi in cui persone muoiono mentre sono tenute in ostaggio o in circostanze di sequestro, mentre l'articolo 28 si riferisce a persone che commettono stupri nel corso di un crimine di terrorismo.
Sana Mersni, un parlamentare del partito islamista Ennahda, ha osservato ironicamente che la pena di morte non scoraggerà "terroristi che cercano la morte al fine di andare in paradiso".
La pena di morte esiste già nel diritto tunisino, per crimini come l'omicidio e lo stupro, ma nessuno è stato impiccato nel Paese dal 1991.
Tra le altre cose, il disegno di legge renderà più facile per gli investigatori utilizzare intercettazioni telefoniche contro sospetti, oltre a rendere punibili con il carcere manifestazioni pubbliche di sostegno al terrorismo.
I critici dicono che il disegno di legge permetterà alle autorità di detenere sospetti per 15 giorni senza accesso a un avvocato o senza essere portati davanti a un giudice, così come introdurrà restrizioni severe per i giornalisti.
Ammar Amroussia del Fronte Popolare, formazione di sinistra, ha dichiarato: "temiamo che la lotta contro il terrorismo venga trasformata in lotta contro i movimenti sociali e popolari."
Labiadh Salem, un indipendente, è stato ancora più netto:
"Questa legge non limiterà il fenomeno del terrorismo, questa legge alimenterà il terrorismo" dal momento che "non fa distinzione tra movimenti e manifestanti sociali e atti terroristici".
(Fonti: Agence France Presse, 23/07/2015)

PAKISTAN: SOSPESA LA CONDANNA A MORTE DI ASIA BIBI

22 luglio 2015: la Corte Suprema del Pakistan ha sospeso la condanna a morte di Asia Bibi, la donna cristiana riconosciuta colpevole di blasfemia, in attesa di esaminare il suo appello, ha reso noto l'avvocato della donna, Saif-ul-Malook.
"L'esecuzione di Asia Bibi è stata sospesa e rimarrà sospesa fino alla decisione su questo appello", ha detto Malook, aggiungendo che nessuna data per la sua esecuzione è stata precedentemente fissata.
Asia Bibi, conosciuta anche come Aasia Noreen, è stata condannata a morte nel 2010 in base alla legge sulla blasfemia, in seguito ad una discussione avuta con un gruppo di donne musulmane che si erano rifiutate di bere acqua offerta loro da Bibi, perché il suo essere cristiana la rendeva "impura".
Bibi, madre di quattro figli e prima donna in Pakistan ad essere condannata in base alla legge sulla blasfemia, ha dichiarato in passato di essere vittima di una vendetta personale da parte del gruppo di donne. (Fonti: Time.com, 22/07/2015)

USA: PRESIDENTE OBAMA VISITA UN CARCERE FEDERALE, NEI GIORNI PRECEDENTI AVEVA PROPOSTO RIFORME IN DIREZIONE GARANTISTA E FIRMATO 46 PROVVEDIMENTI DI CLEMENZA

 

16 luglio 2015: Obama ha visitato l'El Reno Federal Correctional Institution in Oklahoma, un istituto considerato "di media sicurezza" con 1300 detenuti. Le telecamere lo hanno seguito durante tutta la visita, la prima di un presidente USA in carica in un penitenziario. Ha avuto un colloquio con 6 detenuti per fatti di droga. Il Presidente è poi entrato nella cella 123 (vuota), e al termine della visita ha rilasciato alle telecamere alcune dichiarazioni. La più importante forse è quella in cui dice: "Quando hanno descritto la loro giovinezza e la loro adolescenza. queste sono persone che da giovani hanno commesso errori che non sono poi tanto diversi da errori che ho fatto io, errori che hanno fatto anche molti di voi (riferendosi ai giornalisti che lo accompagnavano)". "La differenza è che loro non hanno avuto quel tipo di strutture di supporto, le seconde occasioni, le risorse che avrebbero permesso loro di sopravvivere ai loro errori. Credo noi abbiamo la tendenza a volte
a dare per scontato o considerare normale che così tanti giovani finiscano intrappolati nel nostro sistema giudiziario. Ma non è normale, non è quello che succede in altri paesi". "Quello che è normale è che gli adolescenti facciano cose stupide. Quello che è normale è che i giovani commettano errori, e noi dovremmo imparare a distinguere tra gli individui veramente pericolosi che devono essere neutralizzati e carcerati, e i giovani che risentono del fatto che cercano di adattarsi all'ambiente in cui vivono, ma che se avessero opportunità diverse, una diversa visione della vita, potrebbero svilupparsi, e diventare come noi. Credo sia qualcosa sulla quale dobbiamo tutti riflettere". Riassumendo l'incontro con i 6 detenuti (che in autunno sarà riversato in un documentario che sta preparando la HBO), Obama ha detto: "Ognuno di loro ha riconosciuto di aver fatto qualcosa di sbagliato, e si assumono la responsabilità delle loro azioni, ma ci chiedono anche di valutare se non c'er
ano altri modi in cui la società poteva occuparsi di loro, entrare in? contatto con loro nelle fasi precedenti della vita, in modo che potessero tenersi fuori dai guai". "Dobbiamo domandarci se sia questo il modo più intelligente di affrontare la questione, di controllare i reati e riabilitare le persone. Dobbiamo domandarci se condannare a 20, 30 anni, o all'ergastolo persone che non hanno commesso reati di sangue sia il modo migliore di risolvere i problemi".
Obama ha visitato il carcere accompagnato da Charles Samuels, direttore dell'Amministrazione Penitenziaria federale (negli Usa le carceri sono distinte nettamente tra carceri federali e di stato, che si chiamano prison o penitentiary, e le carceri di contea o locali, dove gli imputati vengono tenuti prima del processo o in caso di pene inferiori ad un anno, che si chiamano jail) e un agente penitenziario, Ronald Warlick.
Obama si era occupato di carcere anche nei giorni precedenti. Il 13 luglio aveva firmato 46 provvedimenti di clemenza per altrettanti detenuti accusati di reati non di sangue legati alla droga, 14 dei quali erano stati condannati all'ergastolo. Sono 95.000 i detenuti per reati di droga che stanno scontando la pena nelle carceri federali, il 48,6% dell'intera popolazione detenuta federale. L'80% è di origine ispanica o afroamericana. Dalla primavera 2014 ad oggi, in 35.000 hanno fatto richiesta di una riduzione di pena, che nel sistema federale deve essere approvata dal Presidente. Con quelle concesse il 13 luglio, Obama ne ha firmate 89, un numero piccolo, ma che è comunque più di quante ne hanno firmate gli ultimi 4 Presidenti messi assieme. Il 14 luglio Obama ha tenuto un discorso davanti al 106° congresso nazionale della NAACP, che si è tenuto a Philadelphia. La National Association for the Advancement of Colored People è la più importante associazione americana per i diri
tti civili, alla quale a suo tempo ha appartenuto anche Martin Luther King. Molti presidenti hanno tenuto discorsi davanti all'assemblea annuale della NAACP, ma è sicuramente la prima volta che un presidente in carica tocca tanti temi legati alla giustizia, e tanto in profondità. Il Presidente ha auspicato cambiamenti praticamente in ogni settore, dal primo contatto con gli agenti di polizia, al potere discrezionale dei procuratori nello scegliere i capi d'imputazione e dei giudici di determinare la lunghezza delle pene, all'uso eccessivo del regime di isolamento in carcere, alla necessità di fornire una formazione professionale ai detenuti nell'imminenza del loro rilascio. Di seguito, alcuni passaggi del Presidente, che secondo gli osservatori influenzeranno certamente la riforma della giustizia in discussione davanti al Congresso nelle prossime settimane. Sull'uso della forza da parte della polizia. "Negli ultimi anni, gli occhi di molti americani si sono aperti su questa
verità. In parte a causa delle telecamere, in parte a causa delle tra?gedie, in parte perché le statistiche non possono essere ignorate. Non possiamo più chiudere gli occhi, e la buona notizia, e questa è veramente una buona notizia, è che le persone per bene di tutte le convinzioni politiche stanno iniziando a pensare che abbiamo bisogno di fare qualcosa per questo". Sulle condanne troppo alte nei confronti di reati di droga di basso livello: "In veramente troppi casi, semplicemente la condanna è sproporzionata al reato. Se sei un piccolo spacciatore, o se hai violato le norme sulla libertà condizionale, hai sicuramente un debito da saldare con la società. Ma non può essere una condanna a 20 anni. Non può essere una condanna all'ergastolo. Condanne del genere sono sproporzionate rispetto al prezzo che è giusto pagare. E tra l'altro, sono sproporzionate anche per il costo che viene imposto a chi paga le tasse per mantenere i detenuti". "Ogni anno spendiamo 80 miliardi di dol
lari per tenere la gente in carcere. 80 miliardi. Rendiamoci conto: con 80 miliardi potremmo dare l'asilo gratis su tutto il territorio Usa ai tutti i bambini di 3 e 4 anni. Con 80 miliardi potremmo raddoppiare gli stipendi di tutti i professori di liceo, oppure potremmo finanziare nuove strade, ponti, e aeroporti, formazione professionale, e finanziare la ricerca scientifica. con quello che spendiamo in un anno per mantenere il regime di carcerazione di massa che è in vigore nel nostro paese, potremmo eliminare tutte le rette e le tasse in tutti i nostri college e nelle università pubbliche".
Come ha detto Rand Paul, senatore repubblicano e candidato alle prossime presidenziali, tenere in carcere tanto a lungo tante persone condannate per reati non violenti di droga costa tanto ai contribuenti, e non aumenta per niente il loro livello di sicurezza. Oggi circa un terzo del budget del ministero della giustizia è speso nelle carceri. Un terzo. ma ogni dollaro speso per tenere dentro decine di migliaia di piccoli spacciatori, è un dollaro in meno che si può spendere per dare la caccia ai grandi narcotrafficanti, ai capi dei cartelli, ai terroristi, o un dollaro in meno che non si può spendere per assumere nuovi poliziotti e dare così una protezione più efficace alle comunità". Sulle disparità legate alla razza. "E poi, naturalmente, ci sono i costi che non possono essere misurati in dollari e centesimi. Perché le statistiche su chi viene incarcerato dimostrano che, con ampio margine, l'impatto sulle comunità di colore è sproporzionato. Afro-americani e ispanici costit
uiscono il 30 per cento della nostra popolazione; essi costituiscono il 60 per cento dei nostri detenuti .... La linea di fondo è che in troppi luoghi, ragazzi neri e uomini neri, ragazzi ispanici e uomini ispanici provano l'esperienza di essere trattati in modo diverso davanti alla legge .... Questo non è solo aneddotica. Queste non sono solo chiacchiere da bar". "Una delle conseguenze di questa cosa è che circa un milione di padri sono dietro le sbarre. Circa un bambino su 9 tra gli afroamericani ha un genitore in prigione. la nostra nazione viene sistematicamente derubata di uomini e donne che potrebbero essere dei lavoratori, e dei contribuenti, che potrebbero partecipare più attivamente alla vita dei loro figli, che potrebbero essere d'esempio nei loro ruoli, che potrebbero essere leader nelle loro comunità. E invece sono rinchiusi per reati non violenti. È evidente che il nostro sistema giudiziario non è intelligente come dovrebbe essere, né ci garantisce sicurezza com
e dovrebbe". Sulle modifiche da apportare al potere discrezionale dei? procuratori federali. "Sotto la direzione degli Attorney General Eric Holder, e ora Loretta Lynch, abbiamo adottato una linea di condotta che abbiamo chiamato "smart on crime" ossia "furbi contro il crimine", che vuol dire concentrare l'attenzione e le risorse contro i criminali peggiori. Il ricorso alle sentenze minime obbligatorie è calato del 20% rispetto all'anno precedente. L'idea è che non c'è sempre bisogno di condannare una persona al massimo della pena. Un buon procuratore deve essere proporzionato. E alla fine, si scopre che stiamo risolvendo lo stesso numero di casi, che stiamo ottenendo lo stesso numero di dichiarazioni di colpevolezza. Il sistema funziona, stiamo semplicemente eliminando gli eccessi". Sull'effetto che la riforma della giustizia dovrebbe avere sulle comunità: "Credo che il crimine sia come una qualsiasi altra epidemia: la cosa migliore è fermarla prima che inizi. Ripeterò quel
lo che ho già detto centinaia di volte. se investiamo sui nostri bambini, alla fine avremo meno bisogno di arrestarli. Uno studio ha dimostrato che per ogni dollaro che abbiamo speso in progetti di prevenzione, ne abbiamo risparmiati almeno due in quella che è una generale riduzione del crimine, e delle spese ad esso collegate, compreso il carcere. Trovare un lavoro estivo per un adolescente costa una frazione di quanto costa invece tenerlo carcerato 15 anni". Sul percorso troppo breve dalla scuola al carcere: "Quello che non ha senso è trattare interi quartieri come poco più che "zone pericolose". posti come West Philly (Philadelphia, ndt) o West Baltimore, o Ferguson, Missouri, sono anche loro America. Non sono separate. Fanno parte dell'America come qualsiasi altro luogo, i figli lì sono figli americani, esattamente come lo sono i vostri figli e i miei figli. Dobbiamo garantire che i ragazzi e le ragazze di quelle comunità siano amati, e ricevano affetto, supporto, nutrim
ento, e qualcuno investa su di loro". "E dobbiamo avere gli stessi standard per questi ragazzi come li abbiamo per i nostri propri figli. Se? sei un genitore, lo sai che ci sono delle volte in cui un figlio si comporta male a scuola. E la domanda è: i problemi di alcuni studenti li facciamo risolvere a genitori e presidi, quelli di altri figli invece li facciamo risolvere dalla polizia. Non è la cosa giusta da fare. Dobbiamo essere sicuri che il nostro sistema di giustizia minorile si ricorsi che i ragazzi sono diversi, non bisogna semplicemente etichettarli come futuri criminali, ma trattarli come futuri cittadini". Sulla riforma delle pene: "Sui reati di droga che non implichino l'uso di violenza dobbiamo abbassare le pene minime obbligatorie, o eliminarle del tutto. Dare ai giudici il potere della discrezionalità sui reati non violenti, in modo che potenzialmente possano indirizzare una persona che ha commesso un errore verso una direzione migliore. dobbiamo chiedere ai p
rocuratori di utilizzare la discrezionalità che già hanno affinché perseguano la punizione migliore, cioè quella che avrà effetti migliori, non semplicemente la pena più lunga. Dovremmo investire in alternative al carcere, come ad esempio sezioni di tribunale dedicate ai reati di droga, e su programmi di trattamento, e programmi di libertà provvisoria, tutte cose che tra l'altro farebbero risparmiare migliaia di dollari l'anno per ogni detenuto ai contribuenti. Sulla riforma carceraria: "Alcuni criminali devono sicuramente andare in carcere. E come ci ricorda il senatore repubblicano John Cornynhas, virtualmente tutte le persone detenute nelle nostre carceri prima o poi finiranno di scontare la loro pena, e dovranno essere rilasciate. Questo è perché dopo le riforme nella comunità e nel sistema giudiziario, la terza riforma di cui abbiamo bisogno è la riforma delle carceri. Le persone che sono in carcere hanno commesso degli errori, a volte errori grandi, ma sono anche degli
americani. E dobbiamo essere sicuri che mentre scontano la loro pena, e saldano il debito con la società, aumentino per loro le possibilità che possano dare una svolta alla loro vita. non dovremmo tollerare con?dizioni di detenzione che non hanno equivalenti nel mondo civilizzato. Non dovremmo tollerare prigioni sovraffollate, non dovremmo tollerare le attività delle gang all'interno delle carceri, non dovremmo tollerare gli stupri in carcere, e su cose del genere la nostra cultura non dovrebbe creare barzellette. C'è poco da scherzare. Queste cose sono inaccettabili". Sul regime di isolamento: "Ho chiesto al mio Procuratore Generale di avviare una revisione dell'uso eccessivo del regime di isolamento che si fa nelle prigioni americane. Le scienze sociali sanno che in un ambiente del genere i detenuti di solito non migliorano, ma diventano più alienati, più ostili, potenzialmente più violenti. Pensiamo davvero che abbia senso chiudere così tante persone da sole in piccole c
elle per 23 ore al giorno, per mesi, a volte per anni? Una cosa del genere non aumenterà la nostra sicurezza, non ci renderà più forti, e se quelle persone saranno mai rilasciate, come potranno mai adattarsi. Le nostre carceri dovrebbero essere posti dove possiamo formare le persone per mestieri che possano aiutarle a trovare un lavoro, e invece li formiamo a diventare criminali più duri". Sulla formazione professionale per i detenuti e sulle opportunità per gli ex-detenuti: "In alcuni posti le cose vanno meglio che in altri. La Montgomery County, in Maryland, ha aperto un centro di formazione professionale all'interno del carcere per aiutare le persone a iniziare pensare cosa potrebbero fare invece che commettere altri reati. È una buona idea. Un'altra buona idea, che sta avendo supporto bipartisan al Congresso: concediamo sconti di pena ai detenuti se completano programmi che rendano meno probabile una loro recidiva. È meglio investire in nuovi approcci innovativi che crei
no un collegamento tra detenuti e datori di lavoro, e aiutino i detenuti a rimanere nei binari". "Facciamo come stanno facendo un numero crescente di nostri stati, e città, e imprese private che hanno deciso di eliminare dal modulo per chiedere un posto di lavoro la voce sui preced?enti penali. In questo modo gli ex detenuti che hanno terminato di scontare la pena e stanno tentando di reinserirsi nella società non vengono fermati già al momento del colloquio di lavoro. E se hanno finito di scontare la loro pena, e sono rientrati nella società, dovrebbero essere messi in grado di votare". (Fonti: nbcnews.com, Nessuno tocchi Caino, 16/07/2015)


GAMBIA: PRESIDENTE CONCEDE LA GRAZIA MA NON AGLI AUTORI DEL FALLITO GOLPE

22 luglio 2015: il presidente del Gambia Yahya Jammeh ha graziato diversi condannati a morte nel 21° anniversario del suo arrivo al potere, escludendo però dal provvedimento gli autori del fallito colpo di stato del dicembre scorso.
Alcuni giorni dopo aver avvertito che i prigionieri nel braccio della morte dovevano aspettarsi l'applicazione della loro condanna, Jammeh ha annunciato che "tutti i condannati per tradimento dal 1994 al 2013 che sono nel braccio della morte o stanno scontando l'ergastolo sono stati graziati."
Tra i beneficiari dell'amnistia ci sono un ex capo di stato maggiore dell'esercito condannato per alto tradimento nel 2010 e quattro capitani dell'esercito condannati per aver cercato di rovesciare il presidente nel 2006.
Jammeh non ha fatto menzione tuttavia dei condannati per lo sventato attacco di dicembre al palazzo presidenziale, mentre lui era in viaggio a Dubai.
Nel mese di marzo, tre soldati sono stati condannati a morte e altri tre all'ergastolo da un tribunale militare per il fallito colpo di stato, secondo fonti militari e di Amnesty International.
I sei sono stati ignorati nel suo discorso dal Presidente, che ha invece annunciato la grazia per i responsabili di omicidio che hanno trascorso almeno dieci anni dietro le sbarre, con l'eccezione degli autori di omicidi particolarmente efferati o di gravi crimini sui bambini.
Jammeh la scorsa settimana ha dato notizia di una imminente fine dei tre anni di moratoria non ufficiale sulle esecuzioni capitali, presentando la decisione come risposta ad un tasso di omicidi in aumento.
Il mese scorso, il governo ha annunciato di voler indire un referendum sull'ampliamento dell'elenco dei reati punibili con la morte per qualsiasi reato ritenuto sufficientemente grave dal Parlamento.
Una data per il referendum deve ancora essere stabilita.
(Fonti: AFP, 22/07/2015)

 

DIARIO di bordo dai giorni della felicità

di Carmelo Musumeci

Nei giorni passati mi hanno notificato un permesso premio: (…) concede, a Musumeci Carmelo, sopra generalizzato, il permesso di recarsi a Bevagna (PG) presso la Comunità Papa Giovanni XXIII, Casa di Accoglienza “Il Sogno di Maria” (…) Il detenuto uscirà dalla Casa di Reclusione di Padova alle ore 9.00 del 24 luglio 2015 e vi farà rientro alle ore 20.00 del giorno 27 luglio 2015. Da tanti anni tengo un diario giornaliero, per raccontare agli altri quello che vivo e per rassicurare me stesso di  non essere dimenticato. Questo è quello che ho scritto negli ultimi giorni di luglio: 23/07/2015 Avevo smesso di sognare per paura di spezzarmi il cuore e invece incredibilmente domani esco per passare il sessantesimo compleanno da uomo libero insieme alla mia famiglia. 24/07/2015 Questa mattina sono ritornato alla vita. Mi si sono spalancate le porte del carcere e del mio cuore. E fuori dal carcere c’era il mio “Diavolo Custode” che mi aspettava.

 

25/07/2015 Oggi mi hanno raggiunto i miei familiari. Ed ho passato una delle giornate più belle della mia vita. Ho giocato tutto il giorno con i miei nipotini. Solo oggi mi sono accorto che sono invecchiato perché non riuscivo a stargli dietro. Ed ho pensato che nei sogni si fatica di meno.

 

 

26/07/2015 Domani compio sessant’anni, ma è anche il giorno che debbo rientrare in carcere, e la mia famiglia e la Comunità Papa Giovanni XXIII hanno deciso di festeggiare oggi il mio compleanno. Sono venuti a trovarmi da tutte le parti d’Italia (anche dalla Sardegna). È mi hanno fatto una festa bellissima. In alcuni momenti pensavo che non meritassi tanta felicità, ma spero di meritarla in futuro per ricambiare tutto l’amore e il bene che sto ricevendo da tante persone che ho incontrato in questa mia nuova vita. Ho dovuto farmi molto coraggio e superare un vortice di emozioni quando, davanti a  un centinaio di persone  che erano venute a festeggiarmi, ho detto queste parole: Voglio subito dirvi che sono terribilmente emozionato. Desidero senz’altro  iniziare ricordando Don Oreste Benzi, perché se adesso sono qui davanti a voi è grazie soprattutto a lui. Ho conosciuto Don Oreste nel 2007 nel carcere di Spoleto, in un incontro fra la sua Comunità e un gruppo di ergastolani ostativi a qualsiasi beneficio, condannati alla “Pena di Morte Viva” (o Pena di Morte Nascosta come la chiama Papa Francesco). Quella volta, mi ricordo, pensando di conoscere già la risposta, gli chiesi, in modo provocatorio e ironico, se lui e la sua Comunità avrebbero appoggiato uno sciopero della fame, che a breve gli ergastolani volevano intraprendere,  per sensibilizzare e attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’esistenza in Italia, Patria del Diritto Romano e della Cristianità, della tortura del fine pena mai. Mi ricordo, come se fosse adesso, che lui sonnecchiava, per un attimo pensai persino che stesse dormendo. D’altronde io ero sicuro che mi avrebbe detto di no: non poteva dirmi di si, sapevo che non poteva schierarsi dalla parte dei cattivi e colpevoli per sempre. E invece, prima con un sorriso e poi con le parole, mi disse di sì. Vi confido che mi crollò il mondo addosso, perché per la prima volta mi venne il dubbio  che forse i buoni non erano poi così cattivi come avevo sempre immaginato e creduto. A distanza di alcuni mesi purtroppo Don Oreste morì, ma mi lasciò in eredità un angelo senza ali (che a volte io chiamo il mio Diavolo Custode perché è un po’ prepotente e devo fare sempre come vuole lei…). Questo angelo si chiama Nadia Bizzotto, Ecco, se adesso io sono qui, libero, davanti a voi è grazie soprattutto a lei. Ora però devo ringraziare i miei familiari e non posso non iniziare dalla mia compagna, perché se ancora sono vivo è grazie al suo amore, che mi ha aiutato sempre in questi ventiquattro anni a fare sera e a fare mattina: decenni di carcere sempre in regimi duri, anni di continue punizioni, perché sono sempre stato un detenuto ingombrante, scomodo e difficile. La mia compagna mi ha dato due splendidi figli che sono il sole, la luna e le stelle del mio cuore. Ringrazio i miei figli perché senza di loro non avrei avuto il motivo, l’energia e la forza per andare avanti e lottare. Grazie Barbi e grazie Mirko: per molti anni siete stati orfani di un padre ancora vivo e questo è stato il dolore più grande con cui ho dovuto lottare. Ringrazio tutte le persone che in questi anni mi sono state vicine, mi hanno aiutato a esistere al di là del muro di cinta e mi hanno sostenuto: la figlia adottiva del mio cuore,  Mita, suo marito Francesco, Suor Grazia, Francesca De Carolis, Alessandra Celletti, Tiziana, Agnese Moro e tanti altri ancora che sono qui presenti, ma anche quelli che non lo sono… ecco, senza di voi io adesso non sarei qui. Non mi resta che ricordare i miei compagni ergastolani dicendo loro che io non potrò mai essere libero e felice fin quando tutti i detenuti non avranno nel loro certificato di detenzione la data di un fine pena. Grazie di avermi ascoltato, il mio cuore vi abbraccia tutti.

27/07/2015 Oggi è stato il giorno delle telefonate e mi sono arrivate centinaia di telefonate di auguri da tutte le parti d’Italia. Bellissime le parole che mi sono arrivate dalle sorelle di clausura del monastero di Pratovecchio capitanate da Suor Grazia. Poi il mio “Diavolo Custode” mi ha riportato di nuovo dentro l’Assassino dei Sogni di Padova, ma mi ha promesso che un giorno mi verrà a prendere per sempre. Sono tranquillo perché mi dicono che gli angeli mantengono le promesse. L’unica paura che ho è che il mio “Diavolo Custode” è un po’ lenta sic!

 

28/07/2015 Questa mattina mi sono di nuovo svegliato in carcere e la mia cella mi è sembrata più piccola, forse perché in questi giorni trascorsi da uomo libero il mio cuore s’è un po’ allargato. 29/07/2015 Qualche mio compagno mi ha detto che ho ancora l’aria imbambolata dalla libertà. È vero: ho ancora davanti ai miei occhi le immagini del mondo dei vivi, dei miei familiari e dei miei nipotini.

30/07/2015 Suor Marta, sorella di clausura del monastero di Lagrimone, dopo aver letto “Fuga dall’Assassino dei Sogni” mi ha scritto: -(…) Io mi sono commossa alle lacrime nel capitolo XLIV: “ deciso di andare incontro alla morte”.  In quel capitolo emerge una pacata, ma profonda e coinvolgente lotta-giustificazione interiore per dare vita alla libertà della persona e pienezza senza ostacoli all’amore che da sempre la possiede. A specchio della sua decisione ci sono le persone che ama teneramente. Tragiche e colme di tenerezza amorosa le lettere alla compagna e a Nadia. Non sembra il dolore averla vinta, ma l’amore, la vera libertà a cui l’uomo aspira. Ritengo che anche il capitolo XLV sia di una ricchezza straordinaria, una pagina di grande autore. Pure Suor Daniela mi ha scritto: Ciao Carmelo. Ho cominciato a leggere il tuo libro. Stile avvincente. Difficile smettere. 31/07/2015 Il mio libro “Fuga dall’Assassino dei Sogni” che ho dedicato a Papa Francesco è arrivato nelle mani del Pontefice. Oggi ho ricevuto una lettera da Don Antonio: Carissimo Carmelo, ho avuto oggi la conferma dal mio “postino” che il tuo libro è stato consegnato direttamente nelle mani di papa Francesco, con le dovute spiegazioni. Il papa ha avuto attenzione ed un sorriso di accoglienza. Giustamente il mio “postino” ha commentato che difficilmente il papa avrà il tempo di leggerlo, visto che riceve circa 1000 lettere al giorno… ma il filo diretto c’è stato. Anche ai tuoi amici che hanno collaborato alla realizzazione del libro lo puoi dire con sicurezza e soddisfazione. Un affettuoso abbraccio. www.carmelomusumeci.com Altre foto sono presenti nella pagina Facebook Carmelo Musumeci  autore Carmelo Musumeci




Carmelo Musumeci Promuove da anni una campagna contro il “fine pena mai”. Nel sito web www.carmelomusumeci.com...
Visualizza su www.facebook.com Anteprima da Yahoo

 

Cari tutti,

pubblichiamo di seguito l'appello mandatoci da Karl Guillen, che diversi di voi hanno avuto modo di conoscere anche personalmente nelle ultime settimane.

Chi volesse puo' saperne di piu' contattandolo direttamente via email o facebook.

La segreteria

-------------------------------




Sostieni il progetto di Karl Guillen in Italia - Appello

Care amiche e amici, permettetemi innanzi tutto di ringraziarvi di cuore per il sostegno e l'incoraggiamento che mi avete fornito in tutti questi anni in cui ho lottato per sopravvivere.

Il mio viaggio in Italia, iniziato il 10 giugno 2015,  mi ha permesso di abbracciarvi personalmente e conoscere nuove persone sensibili alla causa per cui ho lottato in prima persona finora e per cui continuerò a lottare negli interessi non solo più miei ma di ogni altro essere umano affinché l' umanità abbandoni la pena di morte e la tortura.

Come alcuni sanno il mio tour in Italia, sarebbe dovuto durare un mese, ma ho deciso di fermarmi in questa bellissima penisola per iniziare la mia nuova vita.

Non ho ancora chiare tante cose tra cui dove vivrò, con chi, come curerò il mio corpo malato, come troverò un sostentamento economico…ho tante idee ma sono anche molto stanco ed ho bisogno di un periodo di riposo per pianificare il futuro, in queste settimane grazie all'ospitalità di alcuni amici sto cercando di riposarmi e dipingere.

Alcuni di voi penseranno che io sia pazzo a buttarmi così all'avventura, ma credo che dopo tutto quello che ho vissuto in carcere e nel braccio della morte e dopo essere "morto e rinato" per ben due volte, questa nuova avventura mi possa condurre a grandi soddisfazioni.

Ho deciso di fermarmi in Italia perché l'amicizia e l'amore che voi italiani mi avete dimostrato, mi incoraggia … e di coraggio ho sempre bisogno.

Sicuramente la mia missione di vita è chiara: "Aiutare gli altri". E' questo il motivo per cui sono sopravvissuto. Aiutare gli altri a superare la sofferenza e le ingiustizie.

Continuerò a lottare contro la pena di morte e la tortura cercando di dare il mio supporto anche in ambito legale.
Aiuterò inoltre, chiunque troverò sulla mia strada, a trovare il proprio senso, la propria luce da seguire.

Per iniziare questa nuova vita ho bisogno del supporto di tutti voi, amiche e amici vecchi e nuovi.
Nei prossimi mesi avrò sicuramente bisogno di supporto economico per sistemarmi in Italia ed iniziare a curarmi, oltre a proseguire e sviluppare alcuni progetti che spero mi aiuteranno a sostenermi nel futuro: la pittura, i documentari, i libri.
Con alcuni amici, inoltre, sto sviluppando un mio sito che documenterà progressivamente tutti i miei progetti.

Salutandovi e abbracciandovi tutti vi rinnovo la mia richiesta di supporto a cui potete aderire inviando una donazione al mio personale conto Paypal. Grazie Karl Guillen


Per sostenere il progetto di Karl Guillen in Italia puoi fare una donazione tramite Paypal:
www.paypal.com/it > donazione a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

FB page: www.facebook.com/pages/Ospita-e-sostieni-il-tour-italiano-di-Karl-Guillen/899344190125083
FB profile: www.facebook.com/karl.guillen.3


English version

Support Karl Guillen and his projects in Italy - Appeal

Dear friends, let me please first thank you for all the help and encouragement you gave me through all these years as i struggled to survive

My italian journey that started on July 10th 2015, allowed me to embrace you personally and to meet more people who care of the cause i put my personal effort during these many years. I' ll keep on doing all I can to help humanity on the way to death penalty and torture abolition

My journey was supposed to last for only one month, but I decided to stay in this beautiful Italy country where i want to spend my new life.

I don't have a clear plan yet of where I' ll live, who I' ll live with, how I' ll heal my sick body, what kind of financial support i ll be able to get ... i have many wide looks to the future but i m also very tired and i need to rest before I can plan my future. In these days I'm getting some rest and relaxing by painting.

Some may think that I must be crazy because I' m diving into a brand new development, but I believe that after all i went through in jail and in the death row and after dying and reborning twice, everything that my future will bring will be great.

I decided to inhabit Italy because all the love and friendship that italians gave me helps me go on, you encourage me. And I always need encouragement.

I know that the purpose of my life is " To help others ". Pursuing that goal is what I survived for. I want to help others overcoming pain and injustice

I will keep on helping the process of dismissing death penalty and torture, that will include also helping within legal aspects.

I will also help everyone I' ll meet on my journey finding their meaning and their light in life.

In order to be able to begin this new life I need the help of all of you, old and new friends
In the next months I' ll need a financial support to settle in Italy and to begin my healing treatment. I also want to work on painting, making movies and books.
Some of my friends are also helping me in the development of a website that will bring up to date informations about all my activities.

As i greet and hug you all, I kindly ask for your support. Feel free to donate through my Paypal account.

Yours faithfully,
Karl Guillen


If you want to support Karl Guillen and his italian project you can donate trough Paypal:
www.paypal.com/it > donate to: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

FB page: www.facebook.com/pages/Ospita-e-sostieni-il-tour-italiano-di-Karl-Guillen/899344190125083
FB profile: www.facebook.com/karl.guillen.3

ZAMBIA: IL PRESIDENTE EDGAR LUNGU SVUOTA IL BRACCIO DELLA MORTE

16 luglio 2015: il presidente dello Zambia Edgar Lungu ha ridotto in ergastolo le condanne di 332 detenuti nel braccio della morte per risolvere il problema del sovraffollamento nella sezione di massima sicurezza del carcere di Mukobeko.

Durante una visita alla prigione, che si trova a circa 180 km a nord di Lusaka, Lungu ha detto che è inaccettabile ospitare centinaia di persone in una sezione con una capienza di 51 detenuti.
"E' ovvio che si tratta di un affronto alla dignità umana a parte i problemi sanitari e igienici che [il sovraffollamento] ha creato", ha detto Lungu.
I reati passibili di pena di morte includono omicidio, tradimento e rapina a mano armata, anche se lo Zambia non ha giustiziato nessun prigioniero dal 1997. (Fonti: Reuters, 16/07/2015)

USA: OBAMA COMMUTA SENTENZE DI 46 CONDANNATI PER REATI NON VIOLENTI, COMPRESI CONDANNATI ALL'ERGASTOLO PER DROGA

13 luglio 2015: il Presidente Barack Obama ha tagliato le pene detentive di 46 persone condannate per reati non violenti, cinque delle quali all'ergastolo, perché le loro punizioni erano esagerate rispetto al crimine commesso.
"Come ex assistente del Procuratore Generale degli Stati Uniti e avvocato penalista, so bene come le condanne a livello federale possano, in troppi casi, portare colpevoli per fatti non violenti di droga a trascorrere decenni, se non la vita, in carcere... In alcuni casi, la pena prevista dalla legge è stata sproporzionata rispetto al reato", ha detto Obama in un annuncio televisivo.
Obama ha finora concesso 89 commutazioni durante la sua presidenza, 76 delle quali nei confronti di condannati per reati di droga in base alle direttive severe messe in atto alla fine del 1980 quando il Paese era alle prese con l'epidemia di crack.
E' il record di commutazioni registrato in un solo giorno dai tempi del Presidente Lyndon B. Johnson e le 89 condanne commutate da Obama finora superano il totale complessivo di commutazioni concesse dai Presidenti Ronald Reagan, George Bush, Bill Clinton e George W. Bush messi insieme.
Queste commutazioni vanno inquadrate nel tentativo dell'amministrazione Obama di ridurre i costi e il sovraffollamento delle carceri federali e dare un po' di sollievo ai detenuti. Ma è solo una goccia d'acqua nel mare della popolazione detenuta negli Stati Uniti, i quali hanno meno del 5 per cento della popolazione mondiale, ma - occorre ricordarlo - hanno quasi il 25 per cento della popolazione carceraria totale del mondo. (Fonti: washingtonpost.com/AP/whitehouse.gov/HOC, 13/07/2015)

BELIZE: ANCHE L'ULTIMO PRIGIONIERO LASCIA IL BRACCIO DELLA MORTE

 

14 luglio 2015: il 44enne Glenford Baptist, ultimo prigioniero nel braccio della morte del Belize, ha appreso questa mattina che la sua condanna all'impiccagione verrà commutata.
Baptist uccise un uomo nel 2000 e fu condannato a morte pochi mesi dopo insieme ad altre due persone.
Altri prima di lui, come Patrick Reyes, Earlin White, Adolph Harris, Patrick Robateau e Leslie Pipersburgh hanno beneficiato di una riduzione della condanna.
I due motivi per i quali Baptist aveva presentato ricorso erano il grande intervallo di tempo tra la sua condanna e l'appello in corso, circa 13 anni e 8 mesi, che costituisce una violazione dei suoi diritti costituzionali di cui alla sezione 7 di non essere trattato in modo disumano, e la sua condanna a morte automatica per l'omicidio con arma da fuoco, scorretta sulla base del caso di Patrick Reyes e della Regina su cui si è pronunciato il Privy Council nel 2002.
L'udienza per la determinazione della nuova sentenza di Baptist è fissata per ottobre.
Nel 2000, Baptist insieme con l'ormai defunto Gilroy Wade e Oscar Catzim Mendez furono accusati di aver ucciso Azrin White come vendetta per un presunto rapimento. L'allora giudice della Corte Suprema e attuale procuratore generale Wilfred Elrington pronunciò le condanne a morte nel novembre del 2001. Presso la Corte d'Appello, Mendez vinse mentre Wade e Baptist videro respinte le loro istanze. Wade fu poi vittima di un omicidio in prigione nel novembre del 2007.
Il Belize non pratica esecuzioni capitali da 30 anni, l'ultimo ad essere giustiziato fu Kent Bowers, tuttavia la pena di morte resta in vigore nel Paese.
(Fonti: plustvbelize.com 14/7/2015)


<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 8 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter