Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

Continua lo sciopero della fame di Roverto Cobertera e oggi ci sono arrivate due lettere da due suoi compagni. Ve le proponiamo entrambe: nelle loro diversità rendono bene la drammaticità e l'assurdità della situazione di Roverto.   Vi ricordiamo anche che è partita spontaneamente una raccolta di firme su https://secure.avaaz.org/it/petition/Ministro_Grazia_e_Giustizia_Revisione_progetto_Roverto_Cobertera/?nXwkLjb Della vicenda ne parla anche M.Agnese Moro domani nella sua rubrica su "La Stampa" .   Inoltre su http://mauroleonardi.it/2015/09/12/blog-la-petizione-per-roverto-cobertera/


Un suicidio annunciato fra le sbarre e nessuno fa nulla   Stava morendo quasi senza accorgersene, si voltò a guardare l’ultima volta il suo corpo sdraiato sulla branda, poi uscì dalla sua cella. Il cancello era chiuso ma senza il suo corpo lui lo attraversò con facilità. (dal libro “Fuga dall’Assassino dei Sogni”) Roverto Cobertera sta continuando il suo sciopero della fame per dimostrare la sua innocenza. Ed è disposto a morire per questo, perché tempo fa mi aveva detto che nessuna vita vale la pena di essere vissuta se devi scontare una pena per un delitto che non hai commesso. Mi aveva anche confidato che sperava di morire prima che lo ricoverassero all’ospedale, perché non voleva essere alimentato con la forza. Non vedo Roverto da quando ha iniziato il digiuno, perché lui è in una sezione diversa dalla mia e possiamo scambiarci solo dei biglietti tramite alcuni compagni in comune. Oggi ho ricevuto questa sua lettera:       Mio caro Carmelo, spero che al ricevimento della mia lettera ti trovi bene, come anche tutta la tua bella famiglia. Io sto bene, entro le mie possibilità, ho perso 8 kg e mezzo. Mi sento ancora forte e sereno, sto aspettando ancora un po’ per chiedere la relazione medica e dopo te la spedisco. Credimi c’è una cosa più forte dentro di me, che non so cosa sia, ma mi fa andare avanti. So che non sei credente, ma noi siamo stati fortunati nella vita. Il problema è che non ci siamo resi conto, c’è qualcosa di superiore dentro di noi che ci sta vicino, i momenti della felicità nella vita sono piccolissimi, quasi come un atomo e per questo quando arrivano dobbiamo goderceli, perché i periodi della sofferenza sono tanti e lunghi. So che tu hai sofferto tanto, però anche se sei dietro le sbarre hai visto crescere i tuoi bei due figli e anche i tuoi nipotini. C’è qualcosa che noi non vediamo, però esiste.Quando ho intrapreso questa decisione sono stato sicuro di quello che volevo, anche se non ci sarà alcun risultato, almeno vorrei essere un esempio per alcune persone, per fargli capire che nella vita bisogna lottare, come fai tu. Ricordo una frase, me l’hai detta tanto tempo fa, che nella vita bisogna amare, senza aspettare di essere ricambiato: io voglio lottare anche se non ottengo niente in cambio. So che esiste un’altra vita migliore di questa. Sai che ti voglio bene. Un forte abbraccio a Nadia e salutami anche Don Antonio. Tuo caro amico Roverto Cobertera Alcuni compagni che sono nella sua sezione mi hanno detto che Roverto è diventato l’ombra di se stesso, non ha più forza, né energia, ed è pronto e rassegnato a morire serenamente. Ho chiesto al direttore del carcere se in via eccezionale mi concede di andare a trovarlo nella sua sezione per tentare di convincerlo a riprendere a mangiare, o per abbracciarlo almeno per l’ultima volta. Provo rabbia che Roverto Corbetera sta morendo e nessuna fa nulla e quelli che vorrebbero far qualcosa non possono fare nulla. Non mi resta che rivolgermi al Dio in cui crede lui, per chiedergli di fare qualcosa, affinché Roverto non muoia lontano dalla sua terra, dai sui cari, in una schifosa cella delle nostre “civili” e “democratiche” galere.   Carmelo Musumeci Carcere di Padova, settembre 2015


Un Uomo e la sua battaglia: Roverto Cobertera di Mauro Pastorello     Cosa significa, per me, essere un uomo? Significa avere coraggio, avere dignità. Significa saper credere nell’umanità. Significa saper lottare contro. E saper vincere con lealtà. Purtroppo in lui, è tutto sbagliato! La doppia cittadinanza e, soprattutto, il suo colore della pelle, indiscutibilmente nera! Ormai da tempo mi sono avvicinato e l’ho conosciuto. Ed alla luce della documentazione autentica nelle mie mani, ho sposato la sua battaglia, contro l’indifferenza, la lungaggine, la codardia del mondo e della macchina giudiziaria. Oggi Roverto è un uomo distrutto, nel fisico e nella mente, lontano dalla sua famiglia e consapevole di una battaglia impari… contro l’insensibilità della giustizia italiana nei suoi confronti. Appelli, articoli di stampa, partecipazione a convegni, due ricoveri dopo scioperi della fame e della sete… niente è finora servito al nostro Roverto, pur nella certezza di avere tutte le carte a posto, per far riaprire un giusto processo che, con le nuove prove emerse, lo scagionerebbe dal reato di omicidio, quindi all’ingiusto ergastolo! Pur non potendo nulla, sento di dichiarargli tutta la mia solidarietà, ma questo, lo so, non lo convincerà ad interrompere questo ulteriore sciopero della fame e soprattutto quello della parola.   “Roverto, Amico di sventura, considerami al tuo fianco nella battaglia, come molti altri detenuti, dovessi intraprendere anch’io la tua stessa azione di protesta per garantirti giustizia e dignità. Un abbraccio fraterno da Mauro Pastorello”.   C.R. Due Palazzi Padova 8 settembre 2015

COREA DEL SUD: CORTE SUPREMA CONFERMA CONDANNA CAPITALE PER OMICIDIO

 

28 agosto 2015: la Corte Suprema della Corea del Sud ha confermato la condanna a morte di uno studente che avrebbe ucciso i genitori della sua ex fidanzata.
Il ragazzo, 25 anni, identificato solo come Jang, il 19 maggio 2014 a Daegu avrebbe violentato la sua ex fidanzata e ucciso i suoi genitori.
Avrebbe commesso i crimini perché la ragazza aveva interrotto la loro relazione.
Secondo la Corte, Jang ha pianificato gli omicidi con attenzione dal momento che si è travestito da idraulico per entrare nella casa delle vittime. Ha accoltellato più volte i genitori della ex fidanzata e violentato la ragazza quando più tardi è tornata a casa.
La Corte ha sottolineato che l'omicida non si è pentito dei crimini commessi dal momento che ha incolpato per le uccisioni la ex fidanzata.
Jang diventa il 61° prigioniero del braccio della morte in Corea del Sud.
(Fonti: koreatimes.co.kr, 28/08/2015)

EGITTO: CONDANNA A MORTE PER NOVE MEMBRI DELLA FRATELLANZA

 

7 settembre 2015: nove presunti membri della Fratellanza Musulmana, movimento dichiarato fuorilegge in Egitto, sono stati condannati all'impiccagione, mentre altri 13 sono stati condannati all'ergastolo per l'omicidio della guardia del corpo di uno dei giudici del processo all'ex presidente Mohamed Morsi.
Un altro imputato è stato condannato a 10 anni di carcere, ha reso noto la Corte Penale di Manoura.
Secondo le indagini giudiziarie, gli imputati uccisero con premeditazione il sergente di polizia Abdullah Abdullah della direzione di sicurezza di Dakahlia, mentre sorvegliava la casa del giudice Hussein Qandil, il 28 febbraio 2014.
Le forze di sicurezza hanno arrestato gli imputati all'interno di una casa nella città di Mansoura, nel governatorato di Dakahlia, sequestrando esplosivi, armi e mappe di edifici pubblici vitali.
Il 9 luglio, la Corte aveva inviato al Grand Mufti le condanne a morte di 10 imputati, chiedendo il parere dell'autorità religiosa.
Qandil è stato uno dei tre giudici che hanno condannato Morsi a 20 anni di carcere per incitamento alla violenza, all'esterno del Palazzo presidenziale di Ittihadiya, nel dicembre 2012.
(Fonti: thecairopost.com, 07/09/2015)

PAKISTAN: ALTRE QUATTRO IMPICCAGIONI

 

10 settembre 2015: altri quattro prigionieri sono stati impiccati in diverse prigioni del Pakistan.
In base alla notizia, Tanzeel Ahmad di Sheikhupura è stato giustiziato nel carcere Kot Lakhpat di Lahore, Muhammad Khalid nel Carcere Centrale di Faisalabd, Abdul Shakur nel Carcere Centrale di Bahawalpur e Asif Achu nella prigione distrettuale di Vehari.
Khalid era stato condannato a morte per un omicidio commesso nel 1999.
I corpi dei giustiziati sono stati restituiti alle rispettive famiglie.
Con queste ultime quattro impiccagioni giungono ad almeno 236 le persone, tra cui venticinque condannati per terrorismo, messe a morte fino ad oggi (10 settembre) in Pakistan dal 17 dicembre 2014, quando si è conclusa nel Paese la moratoria di fatto sulla pena capitale.
(Fonti: Dunya News, 10/09/2015)

IRAN: ALTRE 17 IMPICCAGIONI

 

11 settembre 2015: almeno 17 detenuti sono stati impiccati in Iran in questi ultimi giorni.
I primi cinque sono stati impiccati in gruppo il 2 settembre nella Prigione Centrale di Karaj, nel nord del Paese.
I cinque, che sono stati giustiziati nelle prime ore del mattino, avevano tutti età compresa tra 28 e 30 anni. Solo quattro di loro sono stati identificati: Mostafa Akhundzadeh, Hossein Jalali, Majid Rezai, e Hamid Farji.
Il 5 settembre un prigioniero è stato impiccato all'alba nel carcere di Zabol, nell'est dell'Iran.
Il prigioniero, identificato come Majid Sasouli di 45 anni, aveva sei figli, sottolinea il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. Sasouli aveva trascorso nelle carceri del regime gli ultimi otto anni di vita.
Il 7 settembre 11 persone condannate per reati di droga sono state impiccate la mattina presto nel carcere Ghezelhesar di Karaj, hanno riferito a Iran Human Rights (IHR) fonti interne al carcere.
Tra i giustiziati figura l'insegnante Mahmood Barati, che secondo una fonte di IHR era stato arrestato sulla base di false accuse. Barati era stato fermato dalle aurità 10 anni fa e condannato a morte solo sulla base della testimonianza fornita da un altro imputato per reati di droga.
Il testimone chiave, che fu in seguito giustiziato, ritrattò la sua dichiarazione due volte.
Barati non aveva precedenti penali e all'epoca dell'arresto lavorava come insegnante a Taybad, nell'Iran orientale.
Non gli è stato concesso di vedere i suoi familiari un ultima volta.
Tra gli altri giustiziati ci sono "Ali Tafreshi", "Mehdi rahimi" dalla sezione 2 del carcere di Ghezelhesar, "Hossein Rostami" proveniente dal carcere di Fasha, cinque prigionieri del "Carcere Centrale di Teheran" e un altro detenuto non identificato.
Il portavoce di Iran Human Rights, Mahmood Amiry-Moghaddam, ha dichiarato: "Mahmood Barati è soltanto uno dei molti prigionieri innocenti giustiziati dalle autorità iraniane per reati legati alle droghe. La comunità internazionale deve esercitare pressioni sull'Iran affinché fermi queste esecuzioni arbitrarie effettuate con la scusa di combattere il traffico di droga".
Sono 762 le esecuzioni praticate nel Paese dall'inizio del corrente anno al 1° settembre 2015, delle quali 272 annunciate ufficialmente dalle stesse autorità iraniane, ha reso noto lo Iran Human Rights Documentation Center (IHRDC).
(Fonti: NCRI, 3-7/9/2015; Iran Human Rights, 8/9/2015)



IRAN, NESSUNO TOCCHI CAINO: "#SALVIAMOMOHAMMAD" SUPERA LE 15000 FIRME IN UNA NOTTE. SOSTEGNO VIRALE ALLA PETIZIONE SU CHANGE.ORG PER LA CANCELLAZIONE DELLA SENTENZA DI MORTE DI MOHAMMAD ALI TAHERI

 

L'appello di Nessuno Tocchi Caino su Change.org per la cancellazione della condanna a morte di Mohammad Ali Taheri fa il boom. A partire dalla scorsa notte, infatti, la petizione ha iniziato a viralizzarsi a tal punto da superare le 15000 adesioni che continuano ad aumentare.

Nei giorni scorsi Nessuno tocchi Caino aveva deciso di lanciare un appello ed una petizione tramite la piattaforma web Change.org per richiedere al Presidente della Repubblica Islamica d'Iran, Hassan Rouhani, la cancellazione della condanna a morte per Mohammad Ali Taheri cittadino iraniano accusato di "diffondere la corruzione in terra". Taheri che non ha commesso alcun crimine, non è altro che fondatore di un movimento spirituale che pratica le teorie di medicina alternativa, utilizzate in Iran come altrove.
Per Nessuno tocchi Caino: "Il sostegno virale per la nostra petizione su Change.org è indice di grande senso civile e di attenzione, talvolta spontanea ed immediata, di tanti cittadini, italiani e non, presenti nel nostro Paese per la situazione dei diritti umani in Iran. La crescita dei diritti fondamentali e civili in Iran passa anche tramite l'abolizione della pena di morte senza dimenticare la ricerca di maggiore laicità e libertà di coscienza".
Nel Rapporto 2015 sulla "Pena di morte nel Mondo" è stato già evidenziato l'orrendo dato statistico secondo cui l'Iran mette a morte più persone pro capite di qualsiasi altro Paese. Nei due anni di presidenza di Hassan Rouhani, infatti, (dal 1° luglio 2013 al 30 giugno 2015), in Iran sono stati giustiziati quasi 2.000 prigionieri.
In Iran, come anche in altri paesi con forti connotazioni illiberali (vedi Cina e Pakistan) , la soluzione del problema della lotta contro la pena di morte, si espande alla lotta per la democrazia, per l'affermazione dello Stato di diritto, la promozione e il rispetto dei diritti politici e delle libertà civili e di religione.
L'appello di Nessuno tocchi Caino per la cancellazione della condanna a morte per Mohammad Ali Taheri, come anche quello per la scarcerazione dello scienziato Omid Kokabee si muovono in questa direzione. "Bisogna sostenere la Democrazia sin dalla radice: l'affermazione dei diritti fondamentali e civili che permette anche l'abolizione della pena di morte. Sostenere entrambe le petizioni su Change.org è, quindi, fondamentale per sensibilizzare maggiormente l'opinione pubblica".

Di seguito inseriamo i link per le due petizioni:
#SalviamoMohammad - https://www.change.org/p/cancelliamo-la-condanna-a-morte-di-mohammad-ali-taheri-salviamomohammad

#OmidFreeNow - Presidente della Repubblica Islamica d’Iran, Hassan Rouhani, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e...: IMMEDIATA SCARCERAZIONE PER LO SCIENZIATO OMID KOK...




Presidente della Repubblica Islamica d’Iran, Hassan Rou...
Omid Kokabee è stato accusato dalla Repubblica Islamica dell’Iran di “contatti con governo ostile” ed è stato condannato a dieci anni di carcere. In realtà, Omid ...

Anteprima da Yahoo

Change.org

Cari tutti,

dopo il blogger Soheil Arabi, un altro cittadino iraniano rischia la vita per aver esercitato il proprio diritto alla libertà d'espressione.

Cancelliamo la condanna a morte di Mohammad Ali Taheri #SALVIAMOMOHAMMAD


Nessuno tocchi Caino
Roma, Italy

Mohammad Ali Taheri è un cittadino iraniano accusato di "diffondere la corruzione in terra" e per questo condannato a morte.
Taheri non è altro che fondatore di un movimento spirituale che pratica le teorie di medicina alternativa utilizzate in Iran e altrove.

Non ha commesso alcun crimine. Lui vuole curare, non ammazzare.

Viene punito solo per aver pacificamente esercitato i diritti alla libertà di religione, di espressione e di associazione.

Secondo le norme internazionali sui diritti umani, inoltre, la pena di morte può essere utilizzata solo per "i crimini più gravi", considerando tali quelli relative a omicidi intenzionali.

Mohammad Ali Taheri è attualmente in sciopero della fame dal momento che non gli è stato permesso di incontrare il suo avvocato. Alcuni dei suoi seguaci sarebbero stati arrestati e torturati, mentre altri sono in sciopero della fame in solidarietà con Mohammad Ali Taheri.

Nelle ultime due settimane, molte organizzazioni internazionali ed il Dipartimento di Stato americano hanno biasimato la condanna.

Nel mondo sta crescendo una mobilitazione contro la sua condanna a morte e noi abbiamo intenzione di sostenerla.

Sosteniamo questa battaglia insieme firmando e condividendo questa petizione.

#SALVIAMOMOHAMMAD


APPELLO per Roverto Cobertera

in sciopero della fame e della parola

Voi mi odiate, io per dispetto vi amo tutti. (Scritta su un muro dell’ex ospedale psichiatrico di Sassari)

Vi ricordate di Roverto Cobertera, l’uomo di colore con doppia cittadinanza domenicana e statunitense, condannato all’ergastolo che tempo fa aveva iniziato uno sciopero della fame per gridare la sua innocenza? Vi ricordate che dopo due ricoveri in ospedale, l’appello del Presidente della Camera dei Deputati e della Redazione di “Ristretti Orizzonti” e l’importante novità della ritrattazione del suo accusatore, e reo confesso di quell’omicidio, aveva interrotto il digiuno?

Ebbene Roverto non ce la fa più ad aspettare i tempi lunghi della giustizia italiana per la revisione del suo processo. E ha deciso di iniziare un nuovo sciopero della fame e questa volta anche della parola (sta comunicando solo con  carta e  penna).

Ho tentato con tutte le mie forze di convincerlo a desistere da questo nuovo digiuno, ma incredibilmente è stato lui a convincere me che non ha nessun’altra scelta. Prima d’iniziare la sua protesta mi aveva scritto:

Caro Carmelo, scusami di non essere potuto scendere al campo, mi sento un po’ giù di morale. Mi sto sforzando di mettere le idee in ordine per prepararmi psicologicamente per lo sciopero della fame. Non sento nessun tipo di emozione per il risultato dell’interrogatorio, perché io so come sono andate le cose. E lo sa anche la procura che ha condotto l’indagine. Trovo vergognoso dover parlare ancora di questa vergogna che non provano questi magistrati convinti di essere Dio. Non provo rabbia per questo sistema nazista e fascista, ma con me stesso, per essere venuto a cadere in questo sistema medievale. Ricevi un forte abbraccio.

Oggi ho ricevuto un altro suo biglietto:

Caro Carmelo, fin quando non sarà riconosciuta la mia innocenza non mangerò e non parlerò più. Questo mondo non mi vuole ed io non voglio più lui. Per dimostrare la mia innocenza sono pronto a lasciarmi morire di fame. E credo che non ci sia nulla di più bello nella vita che morire per dimostrare la propria innocenza.

Che posso fare per Roverto Cobertera? Nulla! Forse però potete fare qualcosa voi. E lancio questo appello a Papa Francesco, al Presidente della Repubblica, alla magistratura italiana e alla società civile, perché qualcuno si attivi per dare voce e luce a un povero negro condannato innocentemente, in Italia “culla” del Diritto.

 

Carmelo Musumeci Carcere di Padova, Settembre 2015

Un’analisi sull’estate in carcere

«È il racconto di un sogno, quello di provare ad essere spensierato dietro le sbarre». Recita così il «claim» del video girato nel carcere di Enna, sulle note della ormai celebre hit di Pharrell William, «Happy». Si può essere «Happy dentro» – come suggerisce il titolo – nelle 205 carceri italiane? Lo abbiamo chiesto a don Virgilio Balducchi, da due anni responsabile dell’Ispettorato generale dei cappellani delle carceri italiane. Sono circa 220 i cappellani che prestano il loro servizio nei penitenziari della Penisola, accanto agli agenti di custodia e agli altri operatori. Migliaia i volontari sparsi sul territorio.

Carceri sovraffollate: in estate è un problema in più? «Oggi la situazione è un po’ migliorata: la capienza regolamentare delle carceri è di 49 mila persone, attualmente siamo a 58 mila. La situazione è in generale un po’ più leggera rispetto al passato, perché ci sono diverse persone in uscita dal carcere, anche se in carceri come Milano, Palermo o Firenze la situazione è ancora molto grave. Un leggero miglioramento c’è, ma i problemi strutturali del carcere rimangono: ci sono carceri non totalmente sistemate con decenza, non in tutte ci sono attività lavorative di socializzazione che aiutino le persone a vivere in modo un po’ più sereno. In alcune carceri si applica una vigilanza meno ristretta e i detenuti possono stare più ore fuori dalla cella, però rimane il fatto che la maggior parte dei detenuti non ha una attività a cui applicarsi. La percentuale di detenuti che ha un lavoro da svolgere è molto bassa, e il disagio aumenta in estate, quando gli agenti devono fare il loro riposo e anche chi tra i detenuti svolge un’attività si blocca. In agosto chi sta in carcere si sente ancora di più abbandonato, anche se molti volontari non fanno mancare totalmente la loro presenza».

Se dovesse tracciare una “mappa” delle carceri italiane, traccerebbe una linea netta tra Nord e Sud? «Non è un problema di Nord e Sud, ma di tipologia del carcere e di sensibilità della comunità esterna, che può essere più o meno partecipe. In Italia la situazione è a macchia di leopardo: ci sono situazioni che preoccupano, ma anche belle esperienze, dove la collaborazione tra gli operatori del carcere, il mondo della cooperazione sociale, gli enti pubblici permette di far uscire le persone dal carcere per andare a lavorare. Il problema è che il carcere nel nostro Paese viene utilizzato come la modalità principale per scontare la pena».

Anche l’ex presidente Napolitano ha richiamato l’attenzione delle forze politiche sull’emergenze carceraria: è sufficiente discutere di amnistia e d’indulto? «Non ci si può limitare a questo. Napolitano ha dato un’indicazione precisa: siamo in emergenza, ci vogliono strumenti per affrontare l’emergenza, ma poi si deve dar corso all’amministrazione della giustizia, altrimenti tra qualche anno siamo daccapo. Bisogna abbattere il volume dei moltissimi procedimenti in corso. Ci vuole una riforma seria che veda il carcere come “extrema ratio”: le misure alternative, l’affidamento, la semilibertà, la mediazione penale, i lavori socialmente utili dovrebbero essere le pene prioritarie, e il carcere dovrebbe diventare un rimasuglio. Per realizzare tale obiettivo ci vuole però la riforma del Codice penale, che speriamo arrivi presto».

Ci vuole un ribaltamento di prospettiva? «Certamente. A partire dalla consapevolezza che le pene sul territorio non sono meno responsabilizzanti o faticose del carcere: lavorare per mantenere la famiglia o riparare al danno fatto è più faticoso che stare a far niente tutto il giorno».

È la «sfida del reinserimento sociale» di cui ha parlato il Papa incontrando i detenuti a Isernia e Castrovillari… «Papa Francesco ne parla chiaramente, e non fa distinzioni tra “dentro” e “fuori”. Ci si può sempre tirare fuori, ma bisogna allontanarsi dal male. E anche chi ha commesso dei reati deve poterlo fare. Per chi vive a stretto contatto con i detenuti, la barriera tra “dentro” e “fuori” è caduta da tempo: gran parte dei cappellani, ad esempio, si spende anche al servizio del territorio per il reinserimento sociale, e nel 2013, sono state migliaia le persone che i cappellani hanno accolto: detenuti in permesso o che usufruivano delle misure alternative, con le loro famiglie. In poco più di un anno e mezzo, un progetto finanziato dalla Cei e realizzato tramite la collaborazione dell’Ispettorato con la Caritas e Migrantes ha fatto uscire dal carcere 15 donne con bambini».

Quali sono le richieste di aiuto che arrivano ai cappellani? «Sono di tutti i tipi: da quelle più banali o materiali fino a quelle spirituali. Tra i reclusi è in crescita la richiesta dei sacramenti dell’iniziazione cristiana, e c’è chi riscopre la propria fede riavvicinandosi alla comunità. I detenuti chiedono di capire e di ragionare sulla loro situazione, vogliono riflettere sulle parole del Papa e sul significato che hanno. Come a Larino: non c’è stata nessuna “rivolta”, ma una semplice richiesta di chiarimento dopo la scomunica ai mafiosi pronunciata poco prima a Cassano. Volevano saperne di più, il Papa aveva scosso le coscienze».

Fonte: http://www.santalessandro.org/2014/08/estate-carcere/

 

ARABIA SAUDITA: ALTRI 10 PRIGIONIERI DECAPITATI

 

7 agosto 2015: 10 prigionieri sono stati decapitati in Arabia Saudita tra il 29 luglio e il 5 agosto, portando a 114 le esecuzioni praticate quest'anno nel Paese, secondo un conteggio tenuto dalla AFP.

Il 29 luglio sono stati giustiziati tre cittadini sauditi: Turki al Diaini, giustiziato a Riad per omicidio, Sharie al-Jineibi, giustiziato nella provincia di Asir sempre per omicidio, e Mansour al Roali, giustiziato nella regione di Jawf per traffico di anfetamine.
Il 30 luglio, il cittadino siriano Qassem Mohammed al-Hilal è stato decapitato per aver "introdotto nel Regno una grande quantità di pasticche di anfetamine", è scritto nel comunicato diffuso dal Ministero degli Interni saudita.
Il 31 luglio un cittadino pakistano è stato decapitato per traffico di eroina. Si tratta di Shah Faisal Azeem Shah, la cui esecuzione è stata effettuata nella capitale Riad, è scritto nel comunicato del Ministero degli Interni saudita, diffuso dall'agenzia di stampa ufficiale Saudi Press.
Il 3 agosto un altro cittadino saudita, Mugrib al-Thanyan, è stato messo a morte nella provincia Orientale per l'omicidio di un connazionale, commesso con arma da fuoco a seguito di una lite.
Due cittadini etiopi, un pakistano e un saudita sono stati decapitati il 5 agosto.
Gli etiopi Argawi Aldo Heilan Meriam e Hadish Zel Alam erano stati condannati per aver ucciso e derubato un loro connazionale, ha reso noto il Ministero degli Interni di Riad. La loro esecuzione è avvenuta nella regione di Jazan.
In un caso distinto, il pakistano Esmat Sharif è stato giustiziato a Gedda per traffico di eroina.
Il saudita Mushasha Harisi è stato decapitato sempre nella regione di Jazan, in relazione all'omicidio di un connazionale, commesso con un'arma da fuoco, è scritto nella nota del Ministero.
(Fonti: Afp, 29 e 30 luglio 2015; 1, 3 e 5 agosto 2015)

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 7 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter