Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

FLORIDA (USA): GIUSTIZIATO JERRY CORRELL

 

29 ottobre 2015: Jerry Correll, 59 anni, bianco, è stato giustiziato in Florida. Per l'iniezione letale è stato usato il protocollo a 3 farmaci con il Midazolam.
La Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto 7-2 la richiesta di sospendere l'esecuzione in attesa che la stessa corte si pronunci nei prossimi mesi sulla costituzionalità della legge capitale dello stato, che viene contestata per il fatto che non impone l'unanimità dei giurati popolari, e inoltre consente al giudice di scavalcare il voto della giuria popolare.
Correll era accusato di aver ucciso, il 30 giugno 1985, 4 membri della sua famiglia: la propria figlia di 5 anni, la ex moglie Susan Correll, la sorella e la madre della donna, Marybeth Jones e Mary Lou Hines.
Correll diventa il 2° giustiziato di quest'anno il Florida, il 91° da quando la Florida ha ripreso le esecuzione nel 1979, il 25° dell'anno negli Stati Uniti, e il n. 1419 da quando gli Usa hanno ripreso le esecuzioni mel 1977.
(Fonti: mynews13.com, Associated Press & Rick Halperin, 29/10/2015)

PAKISTAN: GIUSTIZIATI ALTRI DUE PRIGIONIERI

 

27 ottobre 2015: due condannati a morte sono stati impiccati nelle carceri di Dera Ghazi Khan e Bahawalpur, mentre l'esecuzione di due condannati è stata rinviata.
Un condannato per duplice omicidio, Abdul Majeed, è stato impiccato nel carcere distrettuale di Dera Ghazi Khan per aver ucciso il fratello Ali Ahmed e il nipote Abdul Aziz nel novembre 2002 per una disputa sulla proprietà.
Un altro detenuto, Muhammad Azam, è stato giustiziato nella Nuova prigione centrale di Bahawalpur per aver ucciso il suo rivale nel 1997 per una vecchia inimicizia, mentre l'esecuzione di Muhammad Khadim Hussain è stata rinviata su ordine del tribunale.
Anche l'esecuzione di Ibrar Hussain nel carcere distrettuale di Toba Tek Singh è stata rinviata dopo che le parti rivali hanno raggiunto un accordo. Aveva ucciso Muhammad Akram nel 1997.
Dal 17 dicembre 2014, quando si è conclusa la moratoria di fatto sulla pena capitale, almeno 286 persone, tra cui ventisei condannati per terrorismo, sono state impiccate in varie prigioni del Paese. (Fonti: Dunya News, APP/ND, 92 News, Nessuno tocchi Caino, 27/10/2015)

Il 10 ottobre scorso la ravennate Arianna Ballotta e la napoletana Michela Mancini, rispettivamente presidente e vice-presidente della Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus (COALIT, www.coalit.org ) si sono recate in Texas in occasione degli eventi organizzati dal Journey of Hope a Houston, su invito di abolizionisti texani con cui COALIT collabora da molti anni.La Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus in Texas

COALIT (associazione senza scopo di lucro fondata nel 1997 e membro fondatore della World Coalition Against the Death Penalty), che da anni si occupa di legalità e di informare e formare i cittadini italiani e stranieri sui temi della legalità, dei diritti umani, in Italia ed all'estero, ed in particolare sull'applicazione della pena di morte nel mondo, è particolarmente attenta alla situazione negli Stati Uniti, in quanto unica democrazia occidentale che ancora applica la pena capitale come strumento di giustizia.

COALIT si oppone alla pena di morte incondizionatamente, con la convinzione che il rispetto dei diritti umani rappresenti una priorità incontestabile e che la giustizia non possa essere perseguita con spirito di vendetta, bensì con una equilibrata gestione delle forze che operano nella società.L’associazione americana Journey of Hope ( www.journeyofhope.org ) è composta da famigliari ed amici di persone vittime del crimine violento che lottano insieme per ottenere l’abolizione della pena di morte nel mondo. Con questa associazione COALIT collabora da anni, condividendo la stessa visione: è possibile rinunciare alla vendetta e optare piuttosto per una scelta di amore e perdono, con pene e processi equi, dando al reo la possibilità di riabilitarsi.

Oltre a visitare alcuni condannati a morte e altri detenuti la cui condanna a morte è stata commutata, a protestare davanti alla famigerata Walls Unit in occasione dell’esecuzione di Licho Escamilla avvenuta il 14 u.s., ad incontrare famigliari di vittime e di condannati in attesa di esecuzione e altri già giustiziati, le rappresentanti di COALIT hanno potuto affrontare il problema della pena capitale e portare una visione europea dell’argomento a platee diverse, fra cui quelle di numerosi studenti particolarmente attenti di istituti superiori ed università, fra cui il Lone Star College e la St. Agnes High School.Riteniamo che ogni comunità debba essere in grado di assicurare processi equi e pene adeguate, ma anche opportunità di riabilitazione, laddove possibile, bilanciando così l'esigenza di giustizia dei famigliari delle vittime ed il rispetto di quegli stessi valori che reclamano un atto di giustizia.

Quest’anno il tour del Journey of Hope, a cui COALIT aveva già partecipato in passato, è stato particolarmente importante, poichè fra i vari ospiti era presente anche Suor Helen Prejean, la famosissima suora cattolica nota a tutti gli abolizionisti per il suo forte impegno in difesa della vita e al grande pubblico in quanto impersonata da Susan Sarandon nel film Dead Man Walking (tratto dal libro da lei stessa scritto), che COALIT ha avuto anche il piacere e l’onore di intervistare.

Suor Helen ci ha tenuto a ringraziare gli abolizionisti italiani per il lavoro contro la pena capitale portato avanti da così tanti anni con passione e dedizione, in modi diversi e a vari livelli, e ci ha esortato a continuare fino ad ottenere l’abolizione di questa pratica in tutto il mondo, perché, almeno in America, “oramai ci siamo”, ha detto, sottolineando che le percentuali di persone a favore della pena di morte si sono considerevolmente abbassate negli ultimi anni e sempre meno sono le condanne a morte comminate dai singoli Stati. Fra gli altri, ha citato il caso di Joseph O’Dell, giustiziato in Virginia nel 1997 e la cui salma riposa nel cimitero monumentale di Santa Maria di Gesù di Palermo, proclamando un affettuoso “I love Italians!”.

Suor Helen è ottimista e anche noi lo siamo. Infatti, anche attraverso i nostri progetti ed il nostro lavoro abbiamo visto cambiamenti nei quali certamente speravamo ma che non ci aspettavamo in un periodo di tempo relativamente breve. Possiamo infatti dire, con piacere, che diverse cose sono cambiate in positivo dal 1997 (basti pensare che i Paesi mantenitori della pena di morte sono scesi a meno di 40 nel 2015 rispetto ai 54 del 2005) e questi cambiamenti sono stati possibili grazie all’aiuto di chi ci sostiene da anni.

Il video, fra le altre cose, ci aiuterà nella diffusione delle informazioni negli istituti scolastici, presso vari enti, parrocchie ed associazioni presso cui ogni anno svolgiamo seminari e corsi informativi e formativi in tema di diritti umani.E anche il viaggio di quest’anno ci auguriamo possa servire ad educare ed informare ulteriormente sulla brutalità e l’orrore dell’omicidio di Stato tanti altri cittadini e studenti italiani e stranieri. Infatti, con il materiale raccolto in Texas è nostra intenzione portare a termine un progetto a noi molto caro ed importante: la realizzazione di due video, uno in lingua inglese ed uno in lingua italiana, che serviranno a dare voce a chi voce non ha.

 

Chiunque può darci una mano nella realizzazione di questo progetto con una donazione anche minima

(perchè tante piccole gocce formano il mare) intestando un bonifico a:

Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte ONLUS

bonifico bancario - codice iban IT28P0760103400000038725800

Oppure bollettino postale c/c 38725800

Grazie di cuore soprattutto a nome dei tanti senza voce.

Arianna Ballotta

Michela Mancini

Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus

URGENT ACTION

prisoner requires urgent medical treatment


Amur Khakulov is currently awaiting an appeal hearing against a 20 year prison sentence. He is in the pre-trial detention centre SIZO-1 in Nalchik, Kabardino-Balkaria Republic, south of Russia. He is suffering from a chronic kidney disease and is being denied appropriate medical treatment. His life is at risk.


Amur Abubovich Khakulov, a former orphanage inspector, was sentenced to 20 years in a high security penal colony following an unfair trial in connection with the 2005 armed attack on Nalchik. Amur Khakulov has been held in pre-trial detention centre SIZO-1 since his arrest in 2005. According to his family, he has developed chronic kidney disease while in detention. If this is not treated, it may result in death. Amur Khakulov’s family is concerned that his creatinine level is constantly increasing (elevated levels signify impaired kidney function or kidney disease) and may lead to him falling into a coma. He also has very high blood pressure and very swollen feet.

The medical personnel in SIZO-1 have twice applied for Amur Khakulov to be placed under a restraining measure different from detention and that would allow access to appropriate medical treatment. Both requests have been refused. They also applied for Amur Kahkulov to be put on dialysis. However, this was also refused. According to Amur Khakulov’s family, the medical board (consisting of senior regional health officials) ruled that dialysis could only be provided if one of his kidneys failed. Following requests from Amur Khakulov’s wife, the head of SIZO-1’s medical unit made an application for Amur Khakulov to receive free of charge the medication necessary for patients in such serious conditions. Without the approval of this application the medication would be prohibitively expensive for Amur Khakulov’s family. The regional Ministry of Health eventually granted this request but Amur Khakulov will only start receiving the medication in January 2016. His family fears this may be too late.

Please write immediately in Russian or your own language to the Russian authorities:

  • Expressing grave concern at reports that Amur Khakulov has no access to the necessary medical treatment he urgently requires, and that this puts his life at risk;
  • Pointing out that the UN Standard Minimum Rules for the Treatment of Prisoners require that "sick prisoners who require specialist treatment ... be transferred to specialized institutions or to civil hospitals" (para. 22 [2]);
  • Calling for Amur Khakulov to be released early on medical grounds if the immediate provision of the necessary medical treatment cannot be arranged.

PLEASE SEND APPEALS BEFORE 5 NOVEMBER 2015 TO:


Director of Federal Penitentiary Service

Gennady A. Kornienko

ul. Zhitnaya, 14

119991, Moscow, GSP-1

Russian Federation

Fax: +7 495 982 19 50

Salutation: Dear Director of the Federal Penitentiary Service

Prosecutor General

Yurii Y. Chaika

Prosecutor General’s Office

ul. B. Dmitrovka, d.15a

125993 Moscow GSP- 3

Russian Federation

Fax: +7 495 987 58 41

+7 495 692 17 25

Salutation: Dear Prosecutor General

And copies to:

Prosecutor of Kabardino-Balkaria

Oleg O. Zharikov

Office of the Prosecutor of KBR

Pr. Kulieva, 16

Nalchik 360030, Kabardino-Balkaria

Russian Federation

Fax: +7 8662 47 74 42 (say “FAX”)

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Also send copies to diplomatic representatives accredited to your country. Please insert local diplomatic addresses below:

RUSSIA (Federazione russa)

Via Gaeta, 5 - 00185 Roma

Tel. 064941680  064941681  064941683  064440080 - Fax 06491031

E-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Please check with your section office if sending appeals after the above date.


URGENT ACTION

prisoner requires urgent medical treatment

ADditional Information

On 23 December 2014, the Supreme Court of Kabardino-Balkaria delivered the verdict in the trial of 57 men accused of participating in the armed attack on Nalchik in October 2005. By that time most of the defendants had spent over nine years in detention. The trial started in April 2008 and lasted for over six years, and was riddled with numerous violations of fair trial principles, including consistent failure to address credible allegations of torture made by several defendants. The court found all 57 defendants guilty giving life sentence to five defendants, releasing three defendants as they had already served their sentences and giving the rest various terms of imprisonment - from 10 to 23 years - in high security penal colonies. Most of the defendants insist that they were not guilty and are appealing their sentences. Amnesty International has repeatedly raised concerns in connection with serious human rights violations in this case, including the use of torture and other ill-treatment and denial of necessary and urgent medical treatment to several co-defendants.

Initially, 59 men were standing trial but two of them died while the trial was ongoing. Another defendant, Sergei Kaziev, died on 21 August after almost three months on hunger strike in protest against his sentence and his detention conditions. Similarly to many of his co-defendants, Sergei Kaziev complained of torture and other ill-treatment during the investigation intended to extract “confessions”. While in detention he developed cirrhosis and diabetes and in 2011, after repeated requests from his lawyers and following other detainees going on hunger strike in support, he was put under house arrest. Despite Sergei Kaziev’s health being very poor, when he was finally sentenced to 14.5 years in prison he was immediately taken into custody. Sergei Kaziev’s hunger strike was in demand for transfer to a penal colony where conditions would be less harsh than in SIZO-1.

Standards for the provision of medical care are set out in a number of international documents. In particular, Rule 22(2) of the UN Standard Minimum Rules for the Treatment of Prisoners provides for the transfer of sick prisoners who require specialist treatment to specialized institutions or civilian hospitals.

The importance of provision of medical care in places of detention is further reiterated in the UN Body of Principles for the Protection of All Persons under Any Form of Detention or Imprisonment. Principle 24 states that medical care and treatment shall be provided whenever necessary [to a detained or imprisoned person] free of charge. More detailed criteria were developed by the European Committee for the Prevention of Torture (CPT) in its 3rd General report. In particular, paragraph 38 states that “a prison health care service should be able to provide medical treatment and nursing care … in conditions comparable to those enjoyed by patients in the outside community.”

The European Prison Rules of the Council of Europe states in paragraph 40.5 that "All necessary medical, surgical and psychiatric services including those available in the community shall be provided to the prisoner for that purpose". Moreover, paragraph 46.1 states that "Sick prisoners who require specialist treatment shall be transferred to specialised institutions or to civil hospitals, when such treatment is not available in prison." Russian legislation contains a number of regulations describing standards of medical healthcare for prisoners and cases when prison sentences could be exchanged for other measure of restraint due to a prisoner’s poor health.

The denial of medical care could be considered to be torture or other ill-treatment.


MALDIVE: ANNULLATA CONDANNA ALLA LAPIDAZIONE PER ADULTERIO

 

19 ottobre 2015: la più alta corte delle Maldive ha annullato la condanna alla lapidazione di una donna riconosciuta colpevole di adulterio, hanno riportato organi di informazione.
La donna, che i media locali descrivono come madre di cinque figli, era stata condannata da un giudice locale di una remota isola delle Maldive, popolare destinazione turistica che ha registrato un aumento dell'estremismo islamico.
Secondo il sito di notizie Haveeru, la donna aveva confessato il "crimine" dopo il parto avvenuto sull'isolotto equatoriale di Gemanafushi, circa 400 km a sud della capitale Male.
La Corte Suprema ha archiviato il caso, stabilendo che il giudice ha omesso di prendere in considerazione le procedure legali e Islamiche in vigore nel Paese, che conta circa 340.000 musulmani sunniti, ha riportato il sito Maldives Independent.
Le Maldive, popolare destinazione turistica nell'Oceano Indiano, osserva elementi della sharia e del common law britannico.
Il sesso fuori dal matrimonio è contrario alla legge delle Maldive, anche se il divieto non si applica ai turisti che visitano il Paese.
La condanna alla lapidazione era insolitamente dura anche per le Maldive, che ha spesso sottoposto chi pratica sesso extraconiugale alla fustigazione pubblica.
Non si ha notizia di esecuzioni capitali nel Paese.
Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha ripetutamente chiesto alle Maldive di porre fine alla pratica della fustigazione di donne condannate per sesso fuori dal matrimonio.
(Fonti: AFP, 19/10/2015)

PAKISTAN: ALTRI 15 PRIGIONIERI IMPICCATI

23 ottobre 2015: sono almeno 15 i condannati a morte impiccati in Pakistan tra 20 e 21 ottobre.
Il 20 ottobre dieci prigionieri sono stati inviati alla forca in diverse prigioni del Punjab.
Muhammad Farooq è stato impiccato nella prigione distrettuale di Sargodha. Aveva ucciso Ehsanullah nel 2003 nel corso di una lite verbale.
Due prigionieri sono stati impiccati alla prigione di Kot Lakhpat a Lahore. Khalil Ahmad aveva ucciso un uomo di nome Pervez a Nawankot nel 2001, mentre Nadeem aveva ucciso un uomo nella zona di Shadbagh a Lahore nel corso di una lite nel 1999.
Tre condannati a morte sono stati giustiziati nel carcere distrettuale di Attock. Muhammad Bashir aveva ucciso Imran Beg per una disputa di famiglia nel 1998. Amjad Ali aveva ucciso suo il suocero e la suocera per una disputa sul matrimonio nel 2002, mentre Aleeq Shah è stato giustiziato per aver ucciso due persone a Swabi nel 2001.
Mustafa è stato giustiziato nella Nuova Prigione Centrale di Bahawalpur per aver ucciso sei persone, tra cui la moglie, nel 2005.
Un altro prigioniero, Khalil, è stato impiccato nella prigione distrettuale di Kasur per l'omicidio di uno studente universitario, Javed Iqbal, a Lahore nel 2002.
Altri due condannati a morte sono stati inviati al patibolo nel carcere centrale di Faisalabad. Saeed aveva ucciso un uomo a colpi di pistola nel 2003, mentre un altro detenuto, Akram, aveva ucciso un uomo di nome Shaukat nel 2000.
Il 21 ottobre cinque detenuti per omicidio sono stati impiccati nelle carceri di Lahore, Bahawalpur, Toba Tek Singh, Dera Ghazi Khan e Mianwali, mentre l'esecuzione di due condannati è stata rinviata.
Un uomo di nome Fayaz è stato giustiziato nella Nuova Prigione Centrale di Bahawalpur. Aveva ucciso quello che sarebbe diventato suo genero appena prima del matrimonio nel 1997.
Qamar Zaman è stato giustiziato nella prigione distrettuale di Toba Tek Singh per aver ucciso un uomo di nome Iqbal nel 2001.
Un altro prigioniero nel braccio della morte, Saif, è stato inviato al patibolo nel carcere distrettuale di Dera Ghazi Khan per aver ucciso due persone, tra cui sua moglie, per motivi d'onore nel 1996.
Un altro condannato per omicidio, Munir, è stato impiccato nel carcere di Kot Lakhpat a Lahore. Era stato condannato a morte nel 2003.
Un detenuto per omicidio, Afsar Ali, è stato giustiziato nel carcere centrale di Mianwali.
L'esecuzione di altri due condannati è stata rinviata.
Dal 17 dicembre 2014, quando si è conclusa la moratoria di fatto sulla pena capitale, almeno 284 persone, tra cui ventisei condannati per terrorismo, sono state impiccate in varie prigioni del Paese.
(Fonti: Dunya News, dailypakistan.com.pk, abbtakk.tv, Nessuno tocchi Caino, 20/10/2015; Dunya News, 21/10/2015; 92 News, 22/10/2015)

LETTERA APERTA AI MASSIMI RESPONSABILI DELLO STATO ITALIANO ALLA VIGILIA DELLA VISITA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ISLAMICA DELL'IRAN


L'elezione di Hassan Rouhani come Presidente della Repubblica Islamica ha portato molti osservatori, alcuni difensori dei diritti umani e la comunità internazionale a essere ottimisti. Tuttavia, il nuovo Governo non ha cambiato il suo approccio per quanto riguarda l'applicazione della pena di morte; anzi, il tasso di esecuzioni è nettamente aumentato: circa 2.000 prigionieri sono stati giustiziati in Iran dall'inizio della presidenza di Rouhani nel giugno 2013 ad oggi.

Nel solo anno in corso, al 1° ottobre, sono state compiute almeno 835 esecuzioni, un numero record mai registrato finora e un ritmo che, se resterà tale, porterà a più di mille esecuzioni quest'anno.

Il dato più preoccupante è che almeno 546 esecuzioni sono state effettuate quest'anno per reati di droga, il che corrisponde a circa l'89% del totale mondiale per questo tipo di reati, se si escludono quelle compiute in Cina, il cui numero è sconosciuto ma sicuramente inferiore di gran lunga al dato iraniano. Occorre, a questo proposito, rilevare che tutti gli organismi delle Nazioni Unite sui diritti umani hanno dichiarato i reati di droga non ascrivibili alla categoria dei "reati più gravi" per i quali sarebbe "legittima" l'applicazione della pena di morte.

La Repubblica Islamica detiene il numero più alto delle esecuzioni di minorenni, che sono raddoppiate nel 2014 (almeno 17) e sono continuate nel 2015 (almeno 4), fatto che pone l'Iran in aperta violazione della Convenzione sui Diritti del Fanciullo e del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici che pure ha ratificato.

Le impiccagioni di appartenenti alle minoranze etniche e religiose per fatti non violenti o di natura essenzialmente politica si sono intensificate nel 2014 (almeno 32) e nei primi mesi del 2015 (almeno altre 16). Ma è probabile che molti altri giustiziati per reati comuni o per "terrorismo" fossero in realtà oppositori politici, in particolare appartenenti alle varie minoranze etniche iraniane, tra cui azeri, curdi, baluci e ahwazi. Accusati di essere mohareb, cioè nemici di Allah, gli arrestati sono di solito sottoposti a un processo rapido e severo che si risolve spesso con la pena di morte.

Le esecuzioni per motivi politici ordinate dalla Repubblica Islamica guidata da Hassan Rouhani sono l'ultimo capitolo di una storia iniziata nell'estate 1988 quando, in seguito a una fatwa di Khomeini, sono stati impiccati oltre 30.000 prigionieri politici, in massima parte simpatizzanti dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI), accusati di essere "nemici di Allah". Mentre molte organizzazioni per la difesa dei diritti umani lo hanno definito un crimine contro l'umanità, molti dei responsabili di quel massacro fanno oggi parte della classe dirigente del regime. Come Mostafa Poor Mohammadi e Seyed Ebrahim Reisi - due dei cinque membri del cosiddetto "Comitato del perdono" che Khomeini aveva inviato nelle carceri e poi rivelatosi essere un "Comitato della morte" responsabile di quel genocidio -, divenuti oggi, rispettivamente, Ministro della Giustizia e Procuratore Generale della Repubblica Islamica.

Non c'è solo la pena di morte, secondo i dettami della Sharia iraniana, ci sono anche torture, amputazioni degli arti, fustigazioni e altre punizioni crudeli, disumane e degradanti. Non si tratta di casi isolati e avvengono in aperto contrasto con il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici che l'Iran ha ratificato e queste pratiche vieta. Migliaia di ragazzi subiscono ogni anno frustate per aver bevuto alcolici o aver partecipato a feste con maschi e femmine insieme o per oltraggio al pubblico pudore.

L'Iran è diventato uno dei clienti più attivi nell'acquisto di strumenti di censura della rete e ha bloccato circa cinque milioni di siti che trattano di arte, questioni sociali, notizie, di blog e social network.

Il 18 dicembre 2014, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una Risoluzione che esprime profonda preoccupazione per l'"allarmante frequenza" dell'uso della pena di morte in Iran, tra cui le esecuzioni pubbliche, le esecuzioni di gruppo segrete e la pratica della pena di morte nei confronti di minori e persone che al momento del reato avevano meno di 18 anni, in violazione degli obblighi della Repubblica Islamica verso la Convenzione sui Diritti del Fanciullo e il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici. Le Nazioni Unite hanno inoltre condannato l'imposizione della pena di morte per reati che non hanno una definizione precisa ed esplicita, tra cui Moharebeh (inimicizia contro Dio), e per reati che non si qualificano come i crimini più gravi, in violazione del diritto internazionale. La Risoluzione ha anche criticato l'uso della tortura e di trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti, tra cui la fustigazione e l'amputazione.

Quanto su descritto valga da promemoria per tutte le autorità del nostro Paese che si apprestano a ricevere il Presidente iraniano Hassan Rouhani, la cui visita in Italia è annunciata per il mese di novembre.

Ai massimi rappresentanti dello Stato italiano, riconosciuto da tutti nel mondo come il campione della battaglia per la Moratoria Universale delle esecuzioni capitali e per l'istituzione del Tribunale Penale Internazionale, chiediamo di porre la questione della pena di morte e più in generale del rispetto dei Diritti Umani al centro di ogni incontro e intesa con rappresentanti della Repubblica Islamica dell'Iran, a partire dal suo Presidente Rouhani.
(Fonte: Nessuno tocchi Caino, 22/10/2015)


---------------------------------------


ONU: BAN KI-MOON PREOCCUPATO PER L'AUMENTO DELLE ESECUZIONI IN IRAN

19 ottobre 2015: il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha condannato l'esecuzione in Iran di due minorenni la scorsa settimana, esprimendo preoccupazione per l'aumento delle esecuzioni nella Repubblica Islamica.
"(Ban) è profondamente rattristato dalla notizia dell'esecuzione di due minorenni la scorsa settimana in Iran", ha detto l'ufficio stampa di Ban in un comunicato, aggiungendo che Teheran ha ratificato sia il Patto internazionale sui diritti civili e politici che la Convenzione sui diritti del Fanciullo, che vietano la pena di morte per chiunque non abbia ancora diciotto anni.
La nota descrive Ban come preoccupato che le esecuzioni della scorsa settimana "riflettano una inquietante tendenza in Iran."
"Sono oltre 700 le esecuzioni segnalate finora quest'anno, di cui almeno 40 pubbliche, che rappresentano il totale più alto registrato negli ultimi 12 anni", ha detto.
L'ONU ha precisato che la maggior parte delle condanne a morte imposte in Iran riguardano reati legati alla droga - crimini che non rientrano tra i "reati più gravi", come richiesto dal diritto internazionale. Il comunicato ha aggiunto che Ban esorta l'Iran a introdurre una moratoria sulla pena di morte per poi abolirla.
Gli attivisti sostengono che la situazione legata ai diritti umani in Iran dovrebbe restare sotto osservazione dopo l'accordo del 14 luglio con le potenze mondiali, in base al quale Teheran vedrà la fine delle sanzioni economiche in cambio di controlli sul suo programma nucleare.
L'organizzazione Human Rights Watch sottolinea che, nonostante l'elezione in Iran nel 20013 del presidente Hassan Rouhani, un pragmatico favorevole a più collaborazione con l'Occidente, non vi sia stato nel Paese alcun significativo miglioramento nel campo dei diritti umani. (Fonti: Ynetnews, 19/10/2015)

__._,_.___

Please find below a message from ADPAN member “We Believe in Second Chances” from Singapore

 

We are currently working on a case in Singapore that requires urgent action. His name is Kho Jabing and he is in his early thirties, from Sarawak in East Malaysia. He had been involved in a robbery where he hit the victim over the head, and the victim later died. He was convicted and sentenced to death in 2010. He was later re-sentenced to life imprisonment and 24 strokes of the cane after Singapore made amendments to the legislation involving the mandatory death penalty, but the prosecution appealed. A five-judge bench at the Court of Appeal ruled 3-2 that his death penalty should be reinstated.

 

You can read more about his case here: http://secondchances.asia/current-cases/kho-jabing/

 

We are extremely concerned that a man can be hanged even when two Court of Appeal judges and one High Court judge did not think that he deserved the death penalty. With a penalty as serious and irreversible as capital punishment, we need to be completely sure that the sentence is proportionate, and in this case three judges indicated that there is some doubt that the death penalty is a fitting punishment.

 

Jabing's clemency appeal was rejected on 19 October. He can be executed any time from now (executions are usually at 6am on Fridays). We don't think it will be this Friday but it could be next Friday.

 

His mother and sister are now in Singapore to spend as much time as they can with him. They speak almost no English and would not have been able to come to Singapore without our help in gathering funding (see: http://secondchances.asia/urgent-support-needed-for-kho-jabing-and-family/).

 

The Malaysian Embassy helped them to arrange for an appointment to see Jabing in the afternoon. During the visit, Jabing predicted that he might be executed on the first Friday of November as there have already been two executions in the month of October. We did not know about the recent executions as they were not reported. At the moment, we are not clear about the number of executions that have taken place in Singapore, but we intend to write to the Prison Service to inquire.

 

Anything that can be done now, whether a public statement or lobbying governments, would be appreciated.

 

Please let me know if you need any information!

 

Sincerely

Kirsten Han

We Believe in Second Chances

Singapore

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Cari amici, soci e simpatizzanti,

 

nonostante le difficolta’ causate dalla crisi che sta colpendo il nostro Paese, COALIT continua a promuovere il suo impegno a favore dei diritti umani e contro la pena di morte ovunque nel mondo.

 

Anche attraverso i nostri progetti ed il nostro lavoro abbiamo visto cambiamenti nei quali certamente speravamo ma che non ci aspettavamo in un periodo di tempo relativamente breve. Possiamo infatti dire, con piacere, che diverse cose sono cambiate in positivo dal 1997, anno in cui – con la passione che ancora ci contraddistingue -  abbiamo fondato la nostra associazione.

 

Questi cambiamenti sono stati possibili grazie all’aiuto di voi tutti, e ve ne siamo profondamente grati, ma per poter continuare ad operare, abbiamo ancora bisogno del vostro sostegno.

 

COALIT e’ un’associazione senza scopo di lucro nell’ambito della quale nessuno percepisce alcunche’, lo sapete tutti, e’ stata una nostra scelta. Ci autofinanziamo ed operiamo perlopiu’ grazie a donazioni.

 

Ed oggi siamo qui per chiedervi di non farci mancare quell’aiuto che ci permettera’ di portare a termine un progetto a noi molto caro ed importante: la realizzazione di un video girato in Texas nell’ambito del Journey of Hope che dara’ voce a chi voce non ha.

 

Quest’anno, fra l’altro, il Journey of Hope e’ particolarmente importante, poiche’ fra i vari ospiti sara’ presente Sr. Helen Prejean, la famosissima suora cattolica nota a tutti gli abolizionisti per il suo forte impegno in difesa della vita e al grande pubblico in quanto impersonata da Susan Sarandon nel film Dead Man Walking.

 

Fra qualche giorno Michela ed Arianna partiranno per Houston per realizzare questo video e raccoglieranno testimonianze di persone a vario titolo coinvolte nel mondo della pena di morte. Il video sara’ poi utilizzato per i nostri futuri incontri e conferenze e soprattutto nell’ambito del lavoro che ogni anno facciamo con i ragazzi delle scuole, molto attenti a queste delicate tematiche.

 

Con una donazione anche minima (perche’ tante piccole gocce formano il mare) ci aiuterete a dar vita a questo progetto!

 

Vi invitiamo ad eseguire il vostro bonifico intestato a:

 

Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte ONLUS
------
Bonifico Postale o bancario:
c/c 38725800
cab 03400
abi 07601
cin P
CODICE IBAN:
IT28P0760103400000038725800

 

Ci auguriamo che, anche questa volta, dimostrerete la vostra generosita’!

Grazie di cuore soprattutto a nome dei tanti senza voce.

 

Lo staff di COALIT

USA: DUE ESECUZIONI IN GEORGIA E VIRGINIA, SOSPESA IN OKLAHOMA L'ESECUZIONE DI GLOSSIP

 

2 ottobre 2015: due detenuti sono stati giustiziati negli Stati Uniti in questi ultimi giorni, mentre l'esecuzione di un terzo prigioniero è stata sospesa all'ultimo momento.

Il 30 settembre Kelly Renee Gissendaner, 47 anni, Bianca, è stata giustiziata in Georgia.
È la prima donna giustiziata nello Stato in 70 anni.
Gissendaner era stata condannata a morte nel 1998 con l'accusa di aver fatto uccidere, il 7 febbraio 1997, il marito per incassarne l'assicurazione sulla vita.
Gregory Owen, amante della donna, confessò l'omicidio di Douglas Gissendaner, testimoniò contro la donna, ed in cambio ha ottenuto una condanna all'ergastolo.
Nel 2022 Owen potrebbe ottenere la libertà condizionale.
È la prima volta da quando la pena di morte è stata reintrodotto nello stato nel 1976 che una persona viene giustiziata per complicità in omicidio, e non per averlo compiuto direttamente.
Gissendaner diventa la 3° persona giustiziata quest'anno in Georgia, la 58° da quando lo stato ha ripreso le esecuzioni nel 1983.
Sempre il 30 settembre, pochi minuti prima della prevista esecuzione, la governatrice dell'Oklahoma Mary Fallin ha concesso una sospensione di 37 giorni al prigioniero Richard Glossip.
Il 1° ottobre il Procuratore Generale Scott Pruitt ha chiesto alla Corte d'Appello dell'Oklahoma di sospendere a tempo indeterminato tutte le esecuzioni dello Stato. Pruitt ha detto inoltre che il suo ufficio sta avviando un'indagine sulle circostanze relative alla prevista esecuzione di Glossip.
Glossip, 51 anni, bianco, secondo l'accusa avrebbe incaricato Justin Sneed, 19 anni, di uccidere il suo datore di lavoro, Barry Van Treese, che fu picchiato a morte il 7 gennaio 1997.
Sneed ha raggiunto un accordo con la pubblica accusa, ha confessato, e testimoniato contro Glossip. Entrambi gli uomini sono stati condannati per omicidio di primo grado nel 1998, ma in cambio della collaborazione Sneed ha ottenuto una condanna all'ergastolo senza condizionale.
I difensori di Glossip sostengono di essere entrati in possesso recentemente di testimonianze giurate di ex detenuti che asseriscono di aver raccolto le confidenza di Sneed, confidenze nelle quali l'uomo ammetterebbe di aver "incastrato" Glossip.
L'attenzione attorno all'esecuzione di Glossip aveva iniziato a cresce nei mesi scorsi, quando del caso hanno iniziato ad occuparsene, tra gli altri, la nota attrice Susan Sarandon e Suor Helen Prejean.
A favore di Glossip era intervenuto anche il Vaticano. In una lettera scritta a nome di Papa Francesco dal Nunzio Apostolico negli Usa, l'arcivescovo Vigano, veniva chiesto alla Governatrice un gesto di clemenza che "darebbe una forte testimonianza del valore e della dignità della vita di ogni persona".
Apparentemente la governatrice Fallin non ha voluto dare soddisfazione ai sostenitori di Glossip sul tema della sua innocenza. La governatrice ha infatti concesso il rinvio "fino al 6 novembre" perché lo stato deve valutare meglio il previsto uso di un nuovo farmaco letale, l'acetato di potassio.
Alfredo Prieto, 49 anni, ispanico, è stato giustiziato il 1° ottobre in Virginia.
Prieto era ritenuto un serial killer che tra il 1988 e il 1990 avrebbe ucciso 9 persone.
In Virginia era accusato di aver ucciso, il 4 dicembre 1988, Rachael A. Raver e Warren H. Fulton, due fidanzati di 22 anni. La ragazza venne anche violentata.
Prieto diventa il 1° detenuto giustiziato quest'anno in Virginia, il 111° da quando la Virginia ha ripreso le esecuzioni nel 1982, il 22° dell'anno negli Usa, e il n° 1416 da quando gli Usa hanno ripreso le esecuzioni nel 1977.
(Fonti: The Oklahoman, CNN, The Republic, Nessuno tocchi Caino, 30/09/2015; Associated Press, Nessuno tocchi Caino, 01/10/2015)
Per saperne di piu' : http://www.nessunotocchicaino.it/news/index.php?iddocumento=19306312&srcday=0&srcmonth=0&srcyear=0&mover=

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 5 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter