Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

MONGOLIA: IL PARLAMENTO ABOLISCE LA PENA DI MORTE

 

3 dicembre 2015: il Parlamento della Mongolia ha approvato un nuovo Codice Penale che abolisce la pena di morte per tutti i crimini e che entrerà in vigore nel settembre 2016.
L'ultima esecuzione nel Paese risale al 2008 e la pena di morte era classificata come segreto di Stato. Da allora, la Mongolia ha compiuto una serie di passi verso l'abolizione, culminati in questo storico voto parlamentare.
Nel 2010 il presidente Tsakhiagiin Elbegdorj ha commutato tutte le condanne a morte e ha annunciato una moratoria su tutte le esecuzioni. Nel 2012 la Mongolia ha ratificato un trattato internazionale che impegnava il Paese ad abolire la pena di morte.
Il presidente Elbegdorj ha ripetutamente affermato che la Mongolia deve voltare le spalle alla pena di morte, al fine di rispettare pienamente il diritto alla vita. Ha sostenuto che la minaccia di esecuzioni non ha un effetto deterrente e che il rischio di errore riguarda qualsiasi sistema giudiziario. (Fonti: Amnesty International, 04/12/2015)

IRAQ: L'ISIS GIUSTIZIA DUE GAY GETTANDOLI DAL TETTO DI UN EDIFICIO

 

2 dicembre 2015: militanti dell'ISIS hanno gettato due uomini dal tetto di un edificio nella città di Palmira, nella provincia siriana di Homs, dopo averli accusati di essere una "coppia gay", hanno riferito fonti locali.
Hawass Mohammed, 32 anni, e Mohammed Salameh, 21, erano stati condannati a morte dal Tribunale della sharia di Palmira e sono stati giustiziati di fronte ad una folla di persone nel centro della città.
"Prima dell'esecuzione, un giudice ha chiesto ai due uomini cosa pensassero della sentenza. Uno dei condannati ha risposto che avrebbe preferito essere fucilato, tuttavia il giudice ha replicato che questa modalità di esecuzione (gettare cioè le vittime dal tetto di un edificio) avrebbe mondato i loro peccati", ha detto ad ARA News un testimone oculare, a condizione di anonimato.
"Un miliziano mascherato ha gettato Mohammed e Salameh dal tetto dell'Hote Wael, che è l'edificio più alto di Palmira", ha aggiunto la fonte.
Parlando con ARA News, l'attivista per i diritti umani Ali Abbas ha detto: "L'esecuzione non è la primo del suo genere e non sarà l'ultima. Abbiamo documentato le esecuzioni di almeno 36 persone per mano dell'ISIS con le stesse modalità, con il pretesto dell'omosessualità."
"I giudici della sharia fanno eseguire la stessa sentenza per tutte le persone accusate di essere gay", ha aggiunto. (Fonti: ARA News, 03/12/2015)

BANGLADESH: EMESSE 29 CONDANNE A MORTE IN SETTE DIVERSI CASI DI OMICIDIO

 

30 novembre 2015: ventinove persone sono state condannate a morte in sette distinti casi di omicidio, in sei distretti del Bangladesh.
24 dei 29 verdetti sono stati pronunciati da tribunali delle città di Chittagong, Sylhet, Gazipur, Narayanganj e Kushtia.
Nel frattempo, l'Alta Corte ha confermato le condanne a morte di cinque imputati nel caso dell'omicidio di un uomo d'affari di Postogola, a Dhaka.
A Gazipur, il giudice distrettuale Fazle Elahi Bhuiyan ha condannato a morte 11 persone per l'omicidio di Jalal Uddin Sarkar, ex presidente della cellula di Kapasia della Awami Juba League.
Sarkar fu ucciso nel 2003.
Sei degli 11 condannati erano presenti in aula durante la lettura del verdetto: Farhad Sarkar, Belayet Hossain Biltu, Faruk Hossain, Ataur Rahman, Jaynal Abedin e Ahmed Ali.
Gli altri cinque ancora latitanti sono: Joj Mia, Al Amin, Mahbubur Rahman, Ahim Fakir e Jewel.
Tutti gli imputati sono legati al gruppo locale del BNP.
Il Primo tribunale speciale di Narayanganj ha giudicato quattro persone colpevoli di aver ucciso lo studente Rakibul Hasan Emon.
Nel suo verdetto, il giudice Miaji Mohammad Shahidul Islam ha condannato a morte i quattro imputati.
Il corpo di Emon fu ritrovato in un fosso vicino alla sua casa il 6 marzo 2014, nella zona di Kamartala, 35 giorni dopo essere stato rapito.
I rapitori dello scolaro avevano chiesto 1 milione di taka come riscatto.
Presso il Tribunale per i crimini su Donne e Bambini, il giudice KM Rasheduzzaman Raza ha condannato a morte una persona per lo stupro e omicidio di Sonya Akter Sajeda.
Il condannato Delwar Hossain era presente in tribunale quando il verdetto è stato pronunciato.
Il 29 agosto 2008, Hossain avrebbe rapito la ragazza mentre stava andando a scuola. La portò in un albergo e la violentò, infine la strangolò.
Presso il Tribunale per la Pubblica Sicurezza di Chittagong, il giudice Syeda Hosne Ara ha condannato quattro uomini a morte e altri due all'ergastolo per l'omicidio di un autista di auto-risciò commesso nel sottodistretto di Boalkhali, nel 2008.
I condannati a morte sono: Nurul Alam, Abul Kalam, Md Kausar e Md Rubel. I due condannati all'ergastolo sono Ariful Islam e SM Noimuddin.
Solo Kausar e Noimuddin sono dietro le sbarre. Gli altri quattro sono ancora latitanti.
Il 3 maggio del 2008, gli imputati avrebbero preso l'auto-risciò per andare da Bahaddarhat a Anwara.
Uccisero Yusuf, il conducente, abbandonando il corpo a West Gomdondi.
Il giudice Abdur Rashid del Tribunale per i Crimini contro Donne e Bambini di Sylhet ha condannato a morte tre uomini per il rapimento e omicidio dello scolaro Abu Sayeed.
I condannati sono l'ex poliziotto Ebadur Rahman, il segretario generale della Awami Ulama League di Sylhet, Nurul Islam alias Abdur Rakib e l'informatore della polizia Ataur Rahman Geda.
Erano presenti in tribunale quando il verdetto è stato comunicato.
Sayeed fu rapito a scopo di riscatto.
I rapitori avevano chiesto un riscatto di 500.000 taka alla sua famiglia.
Il corpo del bambino fu ritrovato dalla polizia in una casa della zona di Jhornar Parh Sunatala.
A Kushtia, il giudice distrettuale Reza Md Alamgir Hasan ha condannato a morte un uomo per l'omicidio della moglie incinta, avvenuto quattro anni fa a Doulatpur.
L'imputato, Rokon Mandal di Najirpur, era presente in aula al momento del verdetto.
Mandal uccise sua moglie Laili Khatun il 26 agosto 2011, a seguito di un litigio.
Infine, l'Alta Corte ha confermato le condanne a morte di cinque persone nel caso dell'omicidio dell'uomo d'affari di Dhaka Jahangir Alam, avvenuto l'8 novembre 2008.
La moglie della vittima, l'attrice Sumaiya Kaniz Sagarika, rientra tra i condannati.
Gli altri quattro sono Ibrahim alias Yasin, Hijra Khalil, Al Amin e Khalil Sheikh.
La condanna in primo grado risale al 21 giugno 2010 ed è stata emessa al termine di un processo per direttissima celebrato a Dhaka. (Fonti: bdnews24.com, 30/11/2015)

VIETNAM: ASSEMBLEA NAZIONALE APPROVA ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE PER OTTO REATI

 

27 novembre 2015: le condanne a morte inflitte a funzionari vietnamiti corrotti saranno commutate in ergastolo nel caso in cui restituiscano almeno il 75 per cento del denaro intascato illegalmente.
Il quotidiano on-line VnExpress ha reso noto che la nuova norma fa parte del Codice Penale riformato che una maggioranza schiacciante ha approvato in Assemblea Nazionale il 27 novembre.
In base alla riforma, che entrerà in vigore il 1° luglio 2016, il Paese abolirà la pena di morte anche per altri sette reati: resa al nemico, opposizione ad un ordine, distruzione di progetti di importanza nazionale per la sicurezza, rapina, possesso di droga, appropriazione di droga, e la produzione e commercio di alimenti contraffatti.
La nuova legge inoltre esclude la condanna a morte per chi ha 75 anni o più.
Il Partito Comunista vietnamita ha fatto della lotta alla corruzione una delle sue priorità.
Tuttavia, alcuni legislatori si sono opposti ai cambiamenti quando questi ultimi sono stati discussi in Assemblea lo scorso giugno, sostenendo che avrebbero indebolito il contrasto alla corruzione.
"Si creerebbe una scappatoia per i funzionari corrotti che userebbero i soldi per salvare la loro vita," commentò all'epoca il deputato Do Ngoc Nien, riportato dai media di stato. (Fonti: AP, 27/11/2015)

BANGLADESH: GIUSTIZIATI DUE LEADER DELL'OPPOSIZIONE PER CRIMINI DI GUERRA


21 novembre 2015: il Bangladesh ha giustiziato due leader dell'opposizione con l'accusa di aver commesso crimini di guerra durante la guerra del 1971 per l'indipendenza del Paese, ha reso noto un funzionario del carcere, nonostante i dubbi sul processo a loro carico e le minacce di violenze da parte dei loro sostenitori.
Salahuddin Quader Chowdhury, leader del Partito Nazionalista del Bangladesh, e Ali Ahsan Mohammad Mujahid, segretario generale del partito islamista Jamaat-e-Islami, sono stati "impiccati insieme, nello stesso momento," alle 00:55 nella Prigione Centrale della capitale Dacca, ha detto il Soprintendente carcerario Mohammad Jahangir Kabir all'Associated Press.
Prima e durante le esecuzioni, la sicurezza è stata rafforzata nei pressi del carcere e in altri posti, per evitare qualsiasi forma di violenza. Poche ore dopo l'esecuzione, delle ambulanze scortate dalla sicurezza hanno portato i corpi dei giustiziati alle loro case d'origine, dove erano attesi dalle famiglie per le cerimonie di sepoltura.
Il partito Jamaat-e-Islami ha diffuso un comunicato per indire uno sciopero generale a livello nazionale per il 21 novembre.
Chowdhury era stato condannato per torture, stupri e genocidio commessi durante la guerra di indipendenza del Paese contro il Pakistan, mentre Mujahid era stato riconosciuto colpevole di genocidio, cospirazione per uccidere intellettuali, tortura e rapimento.
Il 18 novembre, la Corte Suprema del Bangladesh ha confermato le loro condanne a morte e il 21 novembre il presidente Mohammad Abdul Hamid ha respinto un appello alla clemenza, aprendo la strada per le esecuzioni. Le famiglie di Chowdhury e Mujahid li hanno incontrati per l'ultima volta nella prigione centrale di Dacca il 21 pomeriggio, hanno detto le autorità.
Il Jamaat-e-Islami e il Partito Nazionalista del Bangladesh sostengono che i processi abbiano avuto motivazioni politiche. (Fonti: The Associated Press, 21/11/2015)

BIELORUSSIA: CONDANNATO A MORTE PER TRE OMICIDI

20 novembre 2015: un uomo è stato condannato a morte in Bielorussia con l'accusa di aver commesso tre omicidi.
Un tribunale di Grodno, nell'ovest del Paese, ha giudicato Ivan Kulish, 28 anni, colpevole di aver ucciso tre commesse mentre derubava negozi, in due diverse occasioni. Avrebbe ucciso una delle sue vittime con 10 colpi di ascia.
Kulish, che ha due precedenti per rapina, si è rifiutato di testimoniare durante il processo e non ha fatto alcun commento dopo il verdetto.
Si tratta della seconda condanna a morte di questo anno in Bielorussia, l'unico paese in Europa che ancora mantiene la pena di morte, nonostante le critiche delle organizzazioni internazionali per i diritti umani.
Nel complesso, sono circa 400 le persone condannate a morte in Bielorussia dalla sua indipendenza, realizzata dopo il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991.
(Fonti: THE ASSOCIATED PRESSNOV, 20/11/2015)

AFGHANISTAN: RAGAZZA LAPIDATA DAI TALEBANI A GHOR

 

3 novembre 2015: una giovane donna afgana fatta sposare contro la propria volontà è stata lapidata circa una settimana fa dai Talebani dopo essere stata catturata mentre fuggiva con un altro uomo, hanno riportato alla AFP funzionari locali.
Un video della lapidazione mostra la donna, identificata come Rokhsahana e di età compresa tra i 19 e 21 anni, in una buca nel terreno, mentre alcuni uomini gli tirano addosso pietre.
Nel video si sente Rokhsahana che recita la "shahada", la professione di fede musulmana, con la sua voce che diventa sempre più acuta, nei circa 30 secondi di video trasmessi dai media afgani. Le autorità locali hanno confermato l'autenticità del filmato.
La lapidazione è avvenuta a Ghalmeen, un'area a circa 40 chilometri dal capoluogo della provincia di Ghor, Firozkoh, ha precisato il governatore Seema Joyenda.
Rokhsahana è stata "lapidata da Talebani, leader religiosi locali e irresponsabili signori della guerra armati", ha detto Joyenda alla AFP.
Joyenda, una degli unici due governatori donna dell'Afghanistan, ha detto che secondo le informazioni in possesso delle autorità, 'la famiglia di Rokhsahana l'aveva fatta sposare contro la sua volontà e lei stava fuggendo con un uomo della sua età".
Joyenda ha condannato la lapidazione, invitando Kabul ad intervenire per "ripulire la zona".
"Questo è il primo incidente del genere in quest'area, ma non sarà l'ultimo. Le donne, in generale, hanno problemi in tutto il Paese, ma soprattutto a Ghor ... L'uomo con cui stava fuggendo non è stato lapidato".
Il capo della polizia di Ghor, Mustafa Mohseni, ha detto alla AFP che l'esecuzione è avvenuta in una zona controllata dai Talebani, confermando che si tratta del primo incidente del genere "quest'anno". (Fonti: AFP, 03/11/2015)

USA: NEL 2015 NUMERO DI ESECUZIONI PIU' BASSO DEGLI ULTIMI 23 ANNI

 

4 novembre 2014: il 2015 sarà per gli Stati Uniti l'anno con meno esecuzioni dal 1992 ad oggi. Dopo la sospensione dell'esecuzione prevista il 3 novembre di Ernest Johnson in Missouri, sono previste altre due esecuzioni prima della fine dell'anno. Questo porterebbe il totale a 27, la cifra più bassa negli ultimi 23 anni.
L'anno scorso le esecuzioni erano state 35 e nel 2013 erano state 39. Il numero più alto di esecuzioni in anni recenti è stato 98, nel 1999.
Il 19 novembre il Texas è prevista l'esecuzione di Raphael Deon Holiday, e il 20 novembre in Georgia è prevista l'esecuzione di Marcus Ray Johnson. Non sembra probabile che queste due ultime esecuzioni possano essere sospese, ma anche così si avrà una diminuzione del 22% rispetto al 2014.
(Fonti: Nessuno tocchi Caino, 04/11/2015)

EMIRATI ARABI UNITI: EVITANO LA PENA DI MORTE GRAZIE AL PREZZO DEL SANGUE

 

1° novembre 2015: un membro della famiglia reale del Kuwait e un suo compagno di studi hanno evitato la pena di morte in un caso di omicidio negli Emirati Arabi Uniti, dopo essere stati perdonati dalla famiglia della vittima, ha stabilito la Corte d'Appello di Sharjah.
Un giudice li ha condannati a 3 anni di carcere seguiti da espulsione.
I 2 studenti kuwaitiani hanno già trascorso circa 3 anni in carcere.
Il verdetto del 1° novembre è definitivo dal momento che la famiglia della vittima ha formalmente perdonato gli imputati, ha dichiarato al Gulf News un pubblico ministero.
I genitori del ragazzo ucciso, anche lui cittadino del Kuwait, nonché i membri della famiglia reale del Kuwait hanno assistito all'udienza del 1° novembre.
Nel novembre 2014, la Corte della Sharia di Sharjah aveva condannato a morte i due studenti kuwaitiani, che avrebbero torturato a morte un compagno di studi nel febbraio 2013.
Mubarak Mesha'al Mubarak, 19 anni, morì nel City University Hospital di Sharjah il 24 febbraio 2013, dopo aver subito abusi per diversi giorni.
La famiglia della vittima aveva inizialmente chiesto al giudice di condannare a morte i due imputati.
Salem Obaid bin Sahoo, consulente legale della famiglia della vittima, ha riferito al Gulf News che i suoi clienti volevano inizialmente la condanna a morte dei responsabili dell'omicidio, tuttavia in seguito la famiglia ha accettato un prezzo del sangue di 1 milione di dinari kuwaitiani (12,12 milioni di dirham), dopo una serie di trattative.
I due imputati, Y.H.S., membro della famiglia reale del Kuwait, e H.A., 18 anni, sono stati reclusi nel Carcere Centrale di Sharjah.
"I due sospetti hanno confessato in aula i loro crimini, ammettendo di aver torturato per tre giorni la vittima, che volevano punire per aver molestato una loro parente", hanno detto gli investigatori al Gulf News.
(Fonti: Gulf News, 01/11/2015)

ONU: LA GUERRA AL TERRORISMO NON E' UNA SCUSA PER VIOLARE I DIRITTI UMANI

5 novembre 2015: il Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite ha accusato l'Iraq di violare i diritti umani dei propri cittadini in nome della guerra al terrorismo. L'Iraq è uno dei sette Paesi esaminati dal Consiglio Diritti Umani, che monitora l'applicazione da parte degli Stati del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici.
Il Consiglio di 18 esperti indipendenti ha riconosciuto la necessità dell'Iraq di adottare misure per combattere gli atti di terrorismo. Questo, in particolare, alla luce dei gravi crimini commessi dal cosiddetto Stato Islamico, tra cui omicidi, rapimenti, stupri, riduzioni in schiavitù e torture.
Tuttavia il Consiglio ha affermato che questi atti orribili non giustificano le violazioni dei diritti umani commessi contro civili da parte delle forze di sicurezza irachene e da gruppi armati alleati, nei loro sforzi per sconfiggere lo Stato Islamico.
Il vice-presidente del Consiglio Diritti Umani, Yuji Iwasawa, ha detto che gli esperti sono preoccupati dalle notizie secondo cui la polizia spesso utilizza la tortura per estorcere confessioni di persone sospettate di terrorismo e altri crimini.
"Le confessioni ottenute sotto coercizione vengono usate come prova in tribunale per cui molte donne private della libertà vengono stuprate e aggredite sessualmente, inoltre molte morti in carcere sono il risultato della tortura", ha detto Iwasawa.
L'organismo ONU ha invitato l'Iraq a prendere in considerazione l'abolizione della pena di morte, che giudica troppo utilizzata e non soddisfacente gli standard internazionali secondo cui la pena capitale può essere utilizzata solo per i "crimini più gravi".
Il Consiglio prende atto che 240 persone sono state giustiziate in Iraq negli ultimi due anni e che più di 1.700 persone si trovano nel braccio della morte.
(Fonti: voanews.com, 05/11/2015)

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 4 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter