Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

EGITTO: PARLAMENTO APPROVA LEGGE ANTI-TERRORISMO

17 gennaio 2016: il Parlamento egiziano ha approvato a larga maggioranza una legge anti-terrorismo che istituisce tribunali speciali e protegge polizia e militari sul piano legale.
La legge è una delle circa 400 emesse mediante decreto attuativo durante i tre e più anni in cui l'Egitto è stato governato senza un parlamento, dopo che la camera democraticamente eletta è stata sciolta a metà 2012.
La legge prevede per vari reati legati al terrorismo pene che vanno da cinque anni di carcere alla pena di morte, oltre a proteggere polizia ed esercito da sanzioni penali per quello che definisce un uso proporzionato della forza.
La legge inoltre multa i giornalisti che contraddicono la versione delle autorità per qualsiasi attacco di militanti islamisti. Il progetto iniziale è stato modificato lo scorso anno a seguito di proteste interne e internazionali, avendo inizialmente previsto per i giornalisti la reclusione.
Il parlamento neoeletto è costituzionalmente obbligato a rivedere i decreti attuativi entro 15 giorni dalla sua prima seduta, avvenuta il 10 gennaio, e approvarli o rifiutarli.
La legge anti-terrorismo è stata approvata per 457 voti a 24, senza alcun emendamento al decreto originale introdotto dal presidente Abdel Fattah al-Sisi l'anno scorso, hanno reso noto fonti parlamentari.
Il nuovo parlamento egiziano, che ha 568 membri eletti più altri 28 nominati direttamente dal Presidente, è dominato dalla coalizione "Sostegno all'Egitto", un'alleanza di oltre 400 parlamentari fedeli a Sisi.
Gruppi per i diritti umani accusano Sisi, che come capo militare ha deposto il presidente islamista liberamente eletto nel 2013, di voler tornare indietro rispetto alle libertà ottenute con la rivolta del 2011 che ha rovesciato l'autocrate Hosni Mubarak.
Il parlamentare Mohamed Salah Khalifa, uno dei leader del partito islamista Nour, che detiene solo 12 seggi dopo aver controllato circa un quarto del parlamento precedente, ha detto che la legge adotta una formulazione ambigua.
"Temo che sarà usata ampiamente quando verrà applicata", ha detto.
"La legge (anti-terrorismo) è stata imposta in circostanze eccezionali in cui il Paese è stato esposto al pericolo, ma dopo la diminuzione di questi pericoli, ci dovrebbe essere un equilibrio tra la tutela dello stato e delle sue istituzioni e il rispetto dei diritti umani".
Il Parlamento ha inoltre approvato un decreto del 2014 sulla protezione delle strutture governative sensibili. La legge amplia la giurisdizione dei tribunali militari, permettendogli di processare civili accusati di attacco contro edifici e blocco stradale. (Fonti: reuters.com, 17/01/2016)

TEXAS (USA): GIUSTIZIATO RICHARD MASTERSON

20 gennaio 2016: Richard Masterson, 43 anni, bianco, è stato giustiziato in Texas.
Era accusato, ed in parte aveva confessato, di aver ucciso, nel gennaio 2001, Darin Shane Honeycutt, 35 anni, una "drag queen" incontrata alcune ore prima in un locale notturno.
Masterson al processo si era difeso sostenendo che la morte della vittima fosse stata causata da un gioco erotico finito male, ma una iniziale confessione, e dei testimoni che hanno riferito di alcune sue vanterie, hanno portato alla condanna a morte.
Masterson diventa il 1° giustiziato di quest'anno in Texas, il 532° da quando il Texas ha ripreso le esecuzioni nel 1982, il 2° dell'anno negli Usa, e il n° 1424 da quando gli Usa hanno ripreso le esecuzioni nel 1977.
(Fonti: Associated Press & Rick Halperin, 20/01/2016)

__._,_.___

 

URGENT ACTION

Writer jailed by COUNTER-terrorISM court

Saudi Arabian writer Dr Zuhair Kutbi has been sentenced to four years in prison on charges related to his peaceful activism. He is at risk of torture and other ill-treatment and is in need of medical attention. He is a prisoner of conscience.

Dr Zuhair Kutbi was sentenced on 21 December to four years in prison by the Specialized Criminal Court (SCC) in Riyadh, followed by a five-year ban on overseas travel, a fine of 100,000 Saudi Arabian riyals (about US$26,600) and a 15-year ban on writing and giving interviews to the media. The court also ordered him to erase his social media accounts. It suspended two years of his four-year sentence because of his health, but indicated it would reimpose them if he “offended” again.

The SCC, a notoriously abusive counter-terrorism court, found Dr Zuhair Kutbi guilty of violating Saudi Arabia’s counter-terror law, the Law for Crimes of Terrorism and Its Financing, and Article 6 of the Anti-Cyber Crime Law by “inciting public opinion”, “sowing discord” and “reducing people’s respect of the rule of law”.

It is believed that he was arrested on 15 July because of comments he made on 25 June on the TV show Fi al-Samim (To the Point), on the Rotana Khalijia satellite channel, in which he criticized political repression in Saudi Arabia and argued for reforms such as transforming the country’s political system into a constitutional monarchy.

Since his arrest, he has been held in three different detention centres, where he has been interrogated and is thought to have been ill-treated. He is currently detained in the Mecca General Prison. He is in need of medical attention as he is recovering from an operation for cancer, and has diabetes and high blood pressure.

Please write immediately in Arabic, English or your own language:

  • Calling on the authorities to release Dr Zuhair Kutbi immediately and unconditionally, as he is a prisoner of conscience, jailed solely for exercising his right to freedom of expression;
  • Urging them to ensure that he is protected from torture and other ill-treatment, given immediate access to any medical attention he may require and regular access to his family.

PLEASE SEND APPEALS BEFORE 23 FEBRUARY 2016 TO:


King and Prime Minister

His Majesty King Salman bin Abdul Aziz Al Saud

The Custodian of the two Holy Mosques

Office of His Majesty the King

Royal Court, Riyadh

Kingdom of Saudi Arabia

Fax: (via Ministry of Interior)

+966 11 403 3125 (please keep trying)

Twitter: @KingSalman

Salutation: Your Majesty

Minister of Interior

His Royal Highness Prince Mohammed bin Naif bin Abdul Aziz Al Saud

Minister of Interior

Ministry of the Interior, P.O. Box 2933, Airport Road, Riyadh 11134

Kingdom of Saudi Arabia

Fax: +966 11 403 3125 (please keep trying)

Salutation: Your Excellency

And copies to:

President, Human Rights Commission

Bandar Mohammed ‘Abdullah al-Aiban

Human Rights Commission

PO Box 58889, Riyadh 11515

King Fahd Road

Building No. 3, Riyadh

Kingdom of Saudi Arabia

Fax: +966 11 418 5101


Also send copies to diplomatic representatives accredited to your country. Please insert local diplomatic addresses below:

ARABIA SAUDITA (Regno dell’)

www.arabia-saudita.it

Via G.B. Pergolesi, 9 - 00198 Roma

Tel. 06844851 - Fax 068551781

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Please check with your section office if sending appeals after the above date. This is the first update of UA 188/15. Further information: www.amnesty.org /en/documents/mde23/2351/2015/en/


URGENT ACTION

Writer jailed by COUNTER-terrorISM court

ADditional Information

The Saudi Arabian authorities have systematically repressed all forms of peaceful dissent and activism since 2012 by targeting activists and dissidents. By early 2014, most of Saudi Arabia’s prominent and independent human rights defenders had been imprisoned or scared into silence, or had fled the country. Most of them had already been subjected to arbitrary travel bans, and had been intimidated and harassed by the security forces, particularly the Ministry of Interior’s General Directorate of Investigations (GDI, also known as al-Mabahith), before being prosecuted and given harsh sentences. Many of them were sentenced after grossly unfair trials by the Specialized Criminal Court (SCC), a special security and counter-terrorism court.

The systematic repression of human rights defenders and peaceful activists is part of a larger campaign by the authorities to silence all forms of criticism that have revealed, either directly or indirectly, human rights violations committed by the authorities. People targeted have included women’s rights activists, relatives of victims of human rights violations, dissident Saudi Arabian Shi'a Muslims criticizing discrimination against their community, and anyone who communicates with international human rights organizations such as Amnesty International.

Members of the independent Saudi Civil and Political Rights Association (ACPRA) have borne the brunt of this persecution. Eight of the organization’s founding members are in prison either serving their sentence or awaiting the outcome of their retrial before the SCC. Only two members are at liberty, pending the outcome of trials before the SCC. Dr Abdullah al-Hamid, Dr Mohammad al-Qahtani, Dr Suliaman al-Rashudi, Dr Abdulkareem al-Khoder, Dr Abdulrahman al-Hamid, Fowzan al-Harbi, Mohammed al-Bajad and Omar al-Sa’id are serving prison sentences of up to 15 years, to be followed by a travel ban of equal duration, for their peaceful activism.

Since February 2014, the authorities have used the counter-terror law to further target human rights activists and peaceful dissidents. At least two ACPRA members have, years into their imprisonment, seen their trials reopened before the SCC under the new counter-terror law, after having been convicted and sentenced on the same charges under other laws or by other courts. Three other ACPRA members were brought to trial before the SCC after the counter-terror law was introduced, including Dr Abdulrahman al-Hamid.

The Saudi Arabian authorities have also used the counter-terror law to silence and imprison a number of other independent human rights activists and dissidents. Lawyer Waleed Abu al-Khair was the first Saudi Arabian human rights defender to be sentenced under the 2014 counter-terror law, on 6 July 2014. He is now serving a 15-year prison sentence, to be followed by 15-year travel ban and a fine, after the court found him guilty of “disobeying the ruler and seeking to remove his legitimacy”, “insulting the judiciary and questioning the integrity of judges”, “setting up an unlicensed organization”, “harming the reputation of the state by communicating with international organizations” and “preparing, storing and sending information that harms public order” (see UA 98/14, https://www.amnesty.org/en/documents/mde23/1546/2015/en/).

Name: Zuhair Kutbi

Gender m/f: m


__._,_.___

Quando: venerdì 5 febbraio 2016 ore 20:45
Dove: Auditorium Comunale di Meduna di Livenza

PENA DI MORTE E GIUSTIZIA NEGLI USA
Parliamone con Karl L.Guillen, scrittore ed ex detenuto nel braccio della morte.

Karl Guillen ha passato 26 anni della sua vita in un carcere dell'Arizona, a scontare una pena per un crimine che non ha commesso; molti di questi passati in isolamento e con una condanna a morte che pendeva sulla sua testa. L'intricato sistema giudiziario statunitense permette che persone innocenti come Karl vengano accusate e imprigionate, a volte per la vita, e in alcuni casi anche condannati a morte.

Karl ha raccontato la sua esperienza attraverso due libri: nel 1999 è stato pubblicato in Italia "Il Tritacarne", suo primo libro, scritto in attesa di un processo che avrebbe deciso la data della sua morte, in cui raccontava della sua vita e della sua vicenda giudiziaria.
"Il sangue d'altri" ne è il seguito, e riprende il racconto delle esperienze che hanno lasciato cicatrici sulla sua anima e sulla sua pelle, in un quadro lucido e descrittivo: cose scioccanti che feriscono il lettore.

Karl sta girando l'Italia da Giugno 2015 per far conoscere a più persone possibili la sua storia e sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della pena di morte e sulle violenze che subiscono i detenuti.


Il suo tour farà tappa anche nella sala dell'Auditorium Comunale di Meduna di Livenza, in una serata che vedrà protagoniste anche Arianna Ballotta, presidente "Coalit" Coalizione Italiana contro la pena di morte e Santamato Mirella, scrittrice e poeta.

Introduce e modera la serata l'Assessore alla Cultura Gianluca Gervasoni.


KARL L.GUILLEN
https://www.facebook.com/karl.guillen.3?ref=ts&fref=ts

COALIT - COALIZIONE ITALIANA CONTRO LA PENA DI MORTE
http://www.coalit.org/

https://www.facebook.com/coalit/?fref=ts

MIRELLA SANTAMATO
http://www.viverefeliciecontenti.com/

COMUNE MEDUNA DI LIVENZA
Home page del Comune di Meduna di Livenza

BIELORUSSIA: CONDANNATO A MORTE PER L'OMICIDIO DELLA CONVIVENTE

 

5 gennaio 2016: il Tribunale regionale di Minsk ha pronunciato la prima condanna a morte di quest'anno nel caso di Henadz Yakavitski, residente nella città di Vilejka, che era stato accusato di "omicidio commesso con estrema crudeltà" (Articolo 139 del Codice Penale).
Secondo l'accusa, l'uomo avrebbe ucciso la sua convivente nel luglio 2015. La sentenza non è stata ancora applicata e può essere presentato appello alla Corte Suprema.
La sua prima moglie, Natallia Bulanava, ha detto agli attivisti per i diritti umani che Henadz Yakavitski è stato in passato ripetutamente condannato per vari reati, compresi 15 anni per omicidio e stupro nel 1989.
"Al processo c'erano solo indizi della sua colpevolezza. Quando la corte ha ascoltato un testimone, tutto quello che ha saputo dire è stato "non ricordo" e "non so". Gli è stato chiesto se avesse letto il documento che l'investigatore gli aveva dato durante le indagini sulla scena del crimine. Ha detto di sì. Tuttavia quando si è parlato di alcuni dettagli e fatti, il testimone ha detto di non ricordare nulla", ha detto Natallia.
Uno dei testimoni chiave, Fiodar Marozau, ha cambiato la sua testimonianza quattro volte. Dall'indagine è emerso che il corpo è stato perforato 46 volte. Nel frattempo, i testimoni hanno sostenuto all'unanimità di aver sentito una dozzina di colpi.
"So che la Bielorussia utilizza la pena di morte, e io sono sempre stata contraria. Credo che le persone non abbiano il diritto di togliere la vita agli altri. Se una persona ha commesso un reato grave, se riconosciuta colpevole, dovrebbe essere condannata all'ergastolo. In generale, sono sorpresa che la Bielorussia sia l'unico paese in Europa dove sono ancora applicate queste leggi ", ha aggiunto la ex moglie di Yakavitski.
(Fonti: Viasna Belarus Human Rights Center, 13/01/2016)

SOMALILAND: SEI GIUSTIZIATI PER OMICIDIO

 

11 gennaio 2016: il Governo del Somaliland, regione semi-autonoma della Somalia, ha giustiziato sei prigionieri riconosciuti colpevoli di omicidio.
Tra i sei giustiziati c'è un soldato che avrebbe ucciso di recente un agente di polizia.
Le esecuzioni hanno avuto luogo nelle località di Daraweyene, Mandheera e Borama.
I sei ordini di esecuzione sono stati firmati dal Presidente Siilaanyo, nel tentativo di frenare il recente aumento degli omicidi nel Paese. (Fonti: somalilandinformer.com, Somaliland Nation News, 11/01/2016)

ZIMBABWE: 15 PRIGIONIERI CHIEDONO LA COMMUTAZIONE IN ERGASTOLO

 

10 gennaio 2016: l'avvocato di Harare Tendai Biti è stato assunto da 15 detenuti nel braccio della morte dello Zimbabwe per rappresentarli nella loro richiesta alla Corte Costituzionale di commutazione della loro pena in ergastolo.
L'udienza relativa alla loro richiesta, che viene sostenuta dalla ONG locale Veritas, è stata fissata per il 13 gennaio.
L'omicida Cuthbert Tapiwanashe Chawira (45 anni) e 14 altri colpevoli di omicidio si trovano in carcere da un numero di anni compresi tra quattro e 20. Chawira si trova nel braccio della morte dal settembre 2000 per un furto a mano armata del 1999 che portò all'omicidio di un dipendente del Fairmile Motel a Gweru.
L'avvocato Biti ha detto di aver ricevuto dai detenuti incarichi distinti in cui vengono descritte le condizioni nelle carceri e le torture psicologiche che hanno sofferto a causa della loro reclusione nel braccio della morte.
Considerato che i suoi clienti hanno scontato lunghe pene detentive con vari problemi legati all'incarcerazione nelle prigioni dello Zimbabwe, Biti ha sostenuto che il rimedio corretto sarebbe quello di dichiarare incostituzionale l'incarcerazione prolungata e stabilire la condanna all'ergastolo.
"Il tribunale può prendere qualsiasi decisione che sia nell'interesse della giustizia ... rinviare all'Alta Corte o riformulare la sentenza tenendo conto del ritardo e di quanto accaduto nel corso degli anni", ha detto.
I detenuti chiedono che la più alta corte del Paese sulle questioni costituzionali affermi i loro diritti fondamentali come sanciti nelle sezioni 51 e 53 della Carta nazionale.
"La nostra tesi in questa materia è che abbiamo il diritto alla dignità umana protetto dalla Sezione 51 della Costituzione dello Zimbabwe", hanno detto i detenuti.
(Fonti: allafrica.com, 10/01/2016; African News Agency, 13/01/2016)


ZAMBIA: AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROPONE ABOLIZIONE DELLA PENA CAPITALE

 

13 gennaio 2016: il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria dello Zambia ha proposto alla Commissione giustizia del Parlamento di abolire la pena di morte sostituendola con pene progressive. Il Vice capo Chrispin Kaonga ha detto ai parlamentari: "La strada seguita in Zambia sulla pena di morte è che la Costituzione l'ha mantenuta. Tuttavia, da un punto di vista amministrativo, con una moratoria in atto, continuare a mantenerla è davvero improduttivo e costoso. E' mia opinione che vada abolita e sostituita con pene progressive che devono far fronte a quello che la pena di morte non ha risolto". Secondo Kaonga con la messa a morte, il condannato non può trarre alcuna lezione dalla pena poiché la sua vita finisce. "La pena di morte è stata utilizzata per un bel po' di tempo per punire i criminali in modo da dissuadere gli aspiranti autori di reati ma i criminali hanno continuato a commettere reati in misura tale da mettere in dubbio l'efficacia dissuasiva di questa pena"
, ha detto il dottor Kaonga per il quale è un peccato che lo Zambia non abbia ancora ratificato il Secondo Protocollo Opzionale sul Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici (ICCPR) del 1966, che prevede l'abolizione della pena di morte.
Il Dott Kaonga ha detto che l'articolo 6 dell'ICCPR riconosce il diritto alla vita di ogni essere umano e che nessuno può essere arbitrariamente privato della vita. Secondo lui, questa disposizione è pienamente riconosciuta in Zambia, anche se la pena di morte non è stata formalmente abolita.
Il dottor Kaonga ha detto che l'amministrazione penitenziaria deve far fronte ad un numero crescente di condannati a morte definitivi che non vengono giustiziati per via della moratoria in atto e che l'elevato numero di condannati nel braccio della morte sta ponendo gravi problemi di sovraffollamento.
(Fonte: 14/01/2016, The Zambia Daily Nation)


IRAN: 1.084 PERSONE GIUSTIZIATE NEL 2015


12 gennaio 2016: l'Iran nel 2015 ha giustiziato 1.084 persone, che rappresentano il più alto numero di esecuzioni nel Paese in 25 anni, secondo le organizzazioni a difesa dei diritti umani.

L'Iran, che continua "a giustiziare più persone pro capite di qualsiasi altro Paese al mondo", secondo le Nazioni Unite, ha effettuato una media di tre esecuzioni al giorno nel 2015, in base alle statistiche pubblicate da un'organizzazione iraniana per i diritti umani.
Sin dall'elezione del presidente Hassan Rouhani, che è stato celebrato da molti in Occidente come un riformatore moderato, le esecuzioni in Iran sono aumentate, raggiungendo numeri record in ognuno degli ultimi anni. L'ONU ha registrato 753 esecuzioni nel 2014, anche se alcune organizzazioni per i diritti umani hanno sostenuto che il numero fosse più alto.
L'Iran ha giustiziato un cittadino americano nel mese di novembre.
La Repubblica Islamica ha cominciato il 2016 con un gran numero di esecuzioni, impiccando 13 persone il 6 gennaio e uccidendo un totale di 25 persone nella prima settimana dell'anno, secondo le statistiche pubblicate da United Against a Nuclear Iran, un'organizzazione critica sulla situazione dei diritti umani nel Paese.
I critici sui diritti umani in Iran, Paese che continua ad essere classificato in questo campo tra i peggiori al mondo, sostengono che il crescente numero di esecuzioni evidenzi il disprezzo della Repubblica Islamica per lo Stato di Diritto.
"Cominciando il nuovo anno con un'ondata di impiccagioni, l'Iran sta segnalando che continuerà a sfidare la comunità internazionale e le norme basilari dei diritti umani", ha detto l'ex ambasciatore Mark Wallace, amministratore delegato dell'organizzazione.
Wallace ha avvertito che il comportamento dell'Iran è un segno che il regime è sempre più intransigente, nonostante l'amministrazione Obama ritenga che il recente accordo sul nucleare abbia reso l'Iran più moderato.
"I sostenitori dell'accordo sul nucleare siglato a luglio hanno dichiarato che questo avrebbe portato alla moderazione il regime iraniano", ha detto Wallace. "Invece è accaduto tutto il contrario essendo la condotta dell'Iran peggiorata. Al ritmo con cui ha iniziato il 2016, l'Iran giustizierà anche quest'anno più di 1000 suoi cittadini. "
Un gran numero di persone giustiziate appartengono a minoranze religiose, come i convertiti al cristianesimo, aderenti al bahá'í, musulmani sunniti e curdi.
I dissidenti politici sono stati presi di mira dal regime iraniano, spesso giustiziati dopo un procedimento giudiziario che gli osservatori internazionali hanno considerato come iniquo.
L'Iran rimane inoltre una delle poche nazioni a giustiziare minorenni, omosessuali e donne che si sono difese contro gli stupratori.
La maggior parte di queste persone vengono impiccate, spesso in pubblico.
"L'Iran giustizia la maggior parte dei detenuti mediante impiccagione all'interno delle prigioni", secondo un rapporto distribuito dalla United Against a Nuclear Iran. "Il regime inoltre effettua regolarmente esecuzioni in pubblico."
L'Iran ha giustiziato almeno 57 persone in pubblico nel 2015. Ciò equivale a una media di più di una esecuzione pubblica a settimana.
"In molti di questi casi, la vittima viene impiccata pubblicamente con una gru edile, un metodo particolarmente lento e doloroso di esecuzione", è scritto nel rapporto.
In almeno un caso, le foto hanno mostrato che l'Iran usa gru realizzate da una società che è un importante fornitore del governo degli Stati Uniti.
L'amministrazione Obama ha deciso di eliminare molte sanzioni degli Stati Uniti contro l'Iran, ma insiste sul fatto che manterrà le sanzioni relative alle violazioni dei diritti umani da parte iraniana.
(Fonti: Boroumand Foundation, 12/01/2016)

YEMEN: DONNA LAPIDATA DA AL QAEDA PER ADULTERIO E PROSTITUZIONE

 

4 gennaio 2016: una donna è stata lapidata nel sud-est dello Yemen dopo essere stato accusata di adulterio e prostituzione da un tribunale della Sharia di Al Qaeda.
La donna sposata - è stato riportato - è stata uccisa in pubblico nella città di Al Mukalla, caduta sotto il controllo di al-Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP) da aprile dello scorso anno.
Miliziani di Al-Qaeda "hanno messo la donna in una buca nel mezzo del cortile di un edificio militare e l'hanno lapidata in presenza di decine di residenti", ha riferito un testimone oculare.
"E' la prima volta che vediamo una cosa del genere", ha aggiunto.
Sulla base di una copia del verdetto emesso dal tribunale della Sharia locale, istituito dai militanti nel mese di dicembre, la donna sposata avrebbe 'confessato davanti ai giudici di aver commesso adulterio'.
La donna avrebbe anche ammesso 'senza alcuna coercizione di aver praticato la prostituzione, come tenutaria ... e di aver lavorato con un gruppo di donne in bordelli'.
Avrebbe anche confessato di aver fumato hashish, ha aggiunto.
Secondo il verdetto, la donna è stata condannata alla lapidazione "per aver commesso adulterio da sposata ... e ad ottanta frustate per consumo di hashish'.

 

(Fonti: dailymail.co.uk, 04/01/2016)

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 3 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter