Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

LIBERIA: DUE CONDANNATI ALL'IMPICCAGIONE E 50 ANNI DI CARCERE PER OMICIDIO

 

24 febbraio 2016: il Tribunale del 13° Circuito giudiziario di Kakata, capitale della Liberia, ha riconosciuto due imputati colpevoli di omicidio, condannandoli la settimana scorsa rispettivamente a 50 anni di reclusione e a morte mediante impiccagione.
I condannati, il 54enne Garpue Gayeezon e il 55enne Arthur Wakai, erano stati all'unanimità giudicati colpevoli da un panel di giurati.
Gayeezon e Wakai sono stati condannati per l'omicidio di primo grado di Peter Gaye, un residente della città di Doe-Gboteh, nella Margibi County, avvenuto il 29 luglio 2015.
Secondo l'accusa, Wakai avrebbe ordinato a Gayeezon di uccidere Gaye dietro un compenso di circa 110 dollari Usa. Wakai aveva accusato la vittima di avere una relazione con sua moglie.
"Si è rifiutato di fare marcia indietro nonostante le lamentele su di lui presso gli anziani della città," Wakai aveva detto all'accusa.
L'accusa ha dimostrato che tre colpi di uno stesso fucile hanno ucciso Gaye.
Anche se gli imputati si sono dichiarati non colpevoli davanti al tribunale, l'accusa ha presentato due testimoni, l'arma e i tre colpi che sono stati utilizzati per il crimine.
Due collaboratori di giustizia hanno testimoniato che Gayeezon e Wakai hanno confessato davanti agli anziani del clan e nelle dichiarazioni volontarie rese alla polizia.
(Fonti: bushchicken.com, 24/02/2016)


Questa mattina, nella bella cornice del Liceo Torricelli di Faenza, la nostra Presidente Arianna Ballotta ha incontrato studenti di classi diverse per parlare di diritti umani e pena capitale nel mondo. E’ stato mostrato anche il video appena realizzato dalla Coalizione Italiana contro la Pena di Morte con l’intervista fatta a Suor Helen Prejean a Houston (Texas) nell’ottobre scorso.

Le prime due ore dell’incontro, su richiesta dei ragazzi, si sono svolte in lingua inglese, lingua di cui gli studenti hanno dimostrato un’ottima conoscenza. I ragazzi hanno altresì dimostrato molto interesse per l’argomento ed hanno posto domande puntuali ed argomentate.

Al termine dell’incontro diversi studenti sono rimasti oltre l’orario per porre altre domande e chiarire dubbi di diverso genere. Alcuni hanno detto “Non lasciamoci scappare l’opportunita’ di chiedere, visto che occasioni come queste capitano di rado nella vita!” e la nostra rappresentante e’ stata ben lieta di restare e rispondere adeguatamente ad ogni domanda.

Si ringrazia la Direzione del Liceo per aver consentito lo svolgimento di questo significativo incontro proposto da alcuni dei docenti, ai quali va la nostra riconoscenza, e tutti coloro che, a vario titolo, hanno appoggiato l’iniziativa. Un grazie particolare va ai ragazzi, davvero molto attenti e desiderosi di capire ed apprendere. A loro va anche un augurio sincero affinche' le parole ascoltate oggi ed ogni giorno all’interno delle proprie aule possano servire a cogliere qualcosa in piu’ di cio’ che e’ dentro di noi e del mondo che ci circonda.

Grazie!

Il Direttivo
Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus

UCRAINA: PRIMA CONDANNA A MORTE NELLA REPUBBLICA POPOLARE DI DONETSK

12 febbraio 2016: una persona è stata condannata a morte nell'auto-proclamata Repubblica Popolare di Donetsk (RPD), ha detto Lyudmila Strateichuk, giudice della Corte Suprema della RPD e presidente pro tempore del Tribunale militare della RPD.
"E' stata emessa una condanna di questo tipo. Ci sono altri casi pendenti che possono concludersi con condanne a morte. Questi casi riguardano omicidi e spionaggio", ha detto Strateichuk ai reporter.
Ha aggiunto che il tribunale militare ha preso in esame due casi relativi a militari della RPD e che più di altri 40 casi sono pendenti.
"Il tribunale militare ha concluso due casi penali riguardanti militari della RPD. Altri 46 processi sono in corso di svolgimento", ha detto.
Le autorità separatiste si sono dichiarate unilateralmente indipendenti dall'Ucraina il 12 maggio 2014, a seguito di un referendum popolare.
(Fonti: Interfax, 12/02/2016)

BIELORUSSIA: CONDANNATO A MORTE PER TRE OMICIDI

 

16 febbraio 2016: la Bielorussia ha condannato a morte un uomo accusato di aver ucciso tre persone, il giorno dopo che l'Unione Europea ha annunciato come in via di eliminazione le sanzioni contro il paese ex sovietico per una migliore situazione dei diritti umani.
Si tratta della terza condanna a morte emessa in Bielorussia dal novembre 2015.
L'uomo di 32 anni, il cui nome non è stato rivelato, è stato condannato da un tribunale di Minsk, che lo ha riconosciuto colpevole di cinque crimini, inclusi tre omicidi, ha annunciato Yulia Liaskova, portavoce dell'alta corte bielorussa.
Questi crimini sono stati "commessi con particolare crudeltà," ha detto.
Gli altri due recenti casi capitali in Bielorussia risalgono a gennaio, quando Gennadi Yakovitsky, 49 anni, è stato condannato per aver ucciso il suo compagno e novembre, quando Ivan Kulesh, 29 anni, è stato giudicato colpevole di aver ucciso tre commesse.
Quest'ultima condanna a morte è arrivata dopo che i ministri degli esteri dell'UE hanno concordato il 15 febbraio di togliere quasi tutte le sanzioni contro la Bielorussia, comprese quelle contro il presidente Alexander Lukashenko, dopo i miglioramenti nella situazione dei diritti umani nel Paese.
Il capo degli affari esteri della UE, Federica Mogherini, ha dichiarato che la Bielorussia "sta mostrando un trend positivo che vogliamo incoraggiare."
Allo stesso tempo, l'Unione Europea è contraria alla pena di morte e l'abolizione della pena capitale costituisce una pre-condizione affinché un Paese diventi membro del blocco.
Più di 400 persone sono state condannate a morte in Bielorussia dagli anni '90, secondo le stime di gruppi per i diritti umani.
(Fonti: Agence France-Presse, 17/2/2016)

VIETNAM: INSEMINAZIONE 'FAI DA TE' IN CARCERE PER EVITARE LA PENA DI MORTE

 

16 febbraio 2016: quattro guardie carcerarie sono state sospese nel nord del Vietnam dopo che una detenuta del braccio della morte è rimasta incinta nell'apparente tentativo di evitare la pena capitale, ha riportato il giornale Thanh Nien.
Nguyen Thi Hue, 42enne trafficante di droga condannata a morte nel 2014, non dovrebbe essere giustiziata dopo che, nel mese di aprile, avrà partorito, ha aggiunto la fonte.
Secondo la legge vietnamita, le donne in gravidanza o madri di bambini di età inferiore a tre anni non possono essere condannate a morte. Se una sentenza di morte è già stata emessa, la pena deve essere commutata in ergastolo.
Hue avrebbe speso 50 milioni di dong (circa 2.200 dollari Usa) per comprare lo sperma di un altro detenuto del carcere nella provincia di Quang Ninh, hanno detto gli investigatori. Lei è rimasta incinta dopo essersi inseminata con una siringa.
Non è stato possibile raggiungere un portavoce della polizia provinciale di Quang Ninh per un commento.
Questi metodi per sfuggire all'esecuzione non sono senza precedenti in Vietnam, ha ricordato il Thanh Nien.
Nel 2007, due guardie carcerarie finirono dietro le sbarre per aver consentito ad un detenuto di mettere incinta una trafficante di droga.
Il piano riuscì e dopo il parto la detenuta Nguyen Thi Oanh evitò l'esecuzione.
(Fonti: DPA, 16/02/2016)

IRAQ: L'ISIS DECAPITA 15ENNE CHE ASCOLTAVA MUSICA OCCIDENTALE

18 febbraio 2016: un adolescente è stato decapitato dall'ISIS in Iraq in questi ultimi giorni per aver ascoltato musica occidentale.
Ayham Hussein, 15 anni, era stato arrestato dai miliziani dopo essere stato sorpreso ad ascoltare musica pop con un lettore CD portatile a Mosul, capitale irachena del gruppo.
È stato poi trascinato davanti a un tribunale islamico che lo ha condannato alla pubblica esecuzione.
Un portavoce del centro media di Ninive ha detto ad ARA News: 'Ayham Hussein è stato catturato dai jihadisti mentre ascoltava musica pop nel negozio di suo padre, nel mercato Nabi Younis, nella parte occidentale di Mosul.'
Il suo corpo è stato restituito alla famiglia il 16 febbraio.
L'esecuzione, ritenuta la prima in città legata all'ascolto di musica, ha provocato indignazione tra la gente del posto.
La fonte ha aggiunto: 'Non c'era alcuna decisione formale da parte del tribunale della sharia che vieta l'ascolto di musica occidentale.'
L'ISIS ha imposto la sua giustizia medievale in fasce di territorio in Iraq e Siria, giustiziando prigionieri per "crimini" come la blasfemia e l'omosessualità.
In un comunicato di due anni fa, il gruppo terroristico ha anche vietato 'musica e canzoni in auto, alle feste, nei negozi e in pubblico, così come le fotografie di persone nelle vetrine dei negozi.'
L'ISIS ha aggiunto: 'le canzoni e la musica sono proibiti nell'Islam in quanto distraggono dalla celebrazione di Dio e del Corano e sono una tentazione e una corruzione del cuore.'
(Fonti: dailymail.co.uk, 18/02/2016)

 

 

ARABIA SAUDITA: TRE PRIGIONIERI DECAPITATI PER TRAFFICO DI DROGA

17 febbraio 2016: l'Arabia Saudita ha decapitato un suo cittadino e due yemeniti con l'accusa di traffico di droga, portando a 63 il numero di decapitazioni effettuate nel Regno da inizio anno.

Il saudita Daifallah al-Omrani è stato giustiziato nella regione settentrionale di Tabuk per traffico di anfetamine, ha reso noto il Ministero dell'Interno saudita con una nota diffusa dalla Saudi Press Agency.
I cittadini yemeniti Ahmed Mubarak e Abdul Salam al-Jamali sono stati decapitati nella città sud-occidentale di Jizan, con l'accusa di aver tentato di contrabbandare hashish nel Regno.
Secondo un conteggio della AFP, l'Arabia Saudita nel 2015 ha effettuato 153 esecuzioni, inclusi 71 cittadini stranieri. Un numero così alto di esecuzioni non si registrava nel Paese dal 1995.
(Fonti: presstv.ir, 17/02/2016)

URGENT ACTION

 


SYRIAN REFUGEES STILL STRANDED AT BORDER

The Jordanian government is still refusing to allow 13,000 Syrian refugees to leave the border area and move further into Jordan, including pregnant women, elderly people and children. Refugees are still stranded in a remote desert area on the border.

People fleeing armed conflict in Syria are still stranded, just inside Jordan, and their number has increased since November. Humanitarian organizations estimate that there are now at least 13,000 refugees stranded in the desert border area.

The Jordanian authorities have increased access to the border area for international organizations that are coordinating the distribution of ration cards for food, water, clothes and other essentials. However, refugees are being forced to wait up to three months before they can leave the border area, with some denied entry altogether. During this time they are exposed to extremely harsh weather conditions at the border.

In winter, typically from November to February, temperatures in the desert border zone can fall to freezing. Refugees stranded at the border are living in makeshift shelters which give them little protection from the extreme weather. Over 80 percent of them are vulnerable and include pregnant women, children (some of them unaccompanied), elderly people and people who are critically ill. People with chronic illnesses are struggling to get the medicines they need. Some pregnant women are in their third trimester and may be forced to give birth at the border.

The armed conflict in Syria intensified in 2015, and Lebanon and Turkey have effectively closed their borders to the majority of refugees from Syria. This is likely to have contributed to the increase in people trying to flee from different areas in Syria into Jordan through the north-eastern border.

Please write immediately in English or your own language:

  • Calling on the Jordanian authorities to allow all Syrians stranded at the north-eastern border to immediately move further into Jordan;
  • Urging Jordan to refrain from sending, either directly or indirectly, refugees and asylum-seekers back to Syria in violation of the international principle of non-refoulement;

PLEASE SEND APPEALS BEFORE 4 MARCH 2016 TO:


Minister of Interior

Salameh Hammad

Ministry of Interior

PO Box 100

Amman

Hashemite Kingdom of Jordan

Fax: + 962 6 560 6908

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Salutation: Your Excellency

Director of Syrian Refugees Affairs Directorate

Major Genera Waddah M. c/o Rula S.Sboul

Refugee Affairs Coordination Office

Ministry of Interior

PO Box 100

Amman, Hashemite Kingdom of Jordan

Fax: +962 65672411

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Salutation: Dear Major General

And copies to:

Minister of Foreign Affairs

His Excellency Nasser Judeh

Ministry of Foreign Affairs

P.O. Box 35217

Amman, Hashemite Kingdom of Jordan

Fax: +962 6 573 5163

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Salutation: Your Excellency

Please check with your section office if sending appeals after the above date. This is the first update of UA 280/15. Further information: https://www.amnesty.org/en/documents/mde16/3059/2015/en/

URGENT ACTION

SYRIAN REFUGEES STILL STRANDED AT BORDER

ADditional Information

All asylum-seekers from Syria should be presumed to be in need of international protection, as the conflict in Syria includes widespread human rights violations, war crimes and crimes against humanity. Single men risk arrest or forced conscription if they are sent back to Syria. Closing the border to those in need of protection or indirectly forcing them to return to Syria by imposing intolerable living conditions on them is a violation of Jordan’s obligations not to return people to a place where they would be at real risk of persecution or other serious human rights violations or abuses. This is known as the principle of non-refoulement.

Jordan hosts over 632,000 refugees from Syria and is one of five main host countries in the region which together host over four million refugees from Syria. Only 52% of Jordan’s UN humanitarian funding requirements for 2015 have been met by the international community. In addition, only 160,664 resettlement places have been offered to Syria’s most vulnerable refugees in the region, which is less than 2% of the total Syrian refugee population there.

Jordan has gradually restricted access to Syrians since 2012, and stopped keeping its borders open for Syrians fleeing conflict. The official border crossing between the Jordanian city of Ramtha and Dera’a in Syria was closed in 2012 and entry for certain categories of people, including Palestinians fleeing Syria, single men who cannot prove family ties to Jordan, and people without identity documents have been barred since then. In mid-2013 the western and eastern border crossings were also closed to Syrians, with a few exceptions made for the war-wounded and the most vulnerable by Jordan’s own criteria, some of whom are treated and then sent back to Syria, in contravention of Jordan’s customary international obligations. In May 2014 Jordan began stopping Syrians arriving at its international airport from entering unless they had a Jordanian residency permit or met a limited number of special exceptions. In July 2014 Jordan started severely restricting access through its north-eastern crossings, leaving many stranded at the Hadalat and Rukban crossings.

Jordan has not provided any official reason for closing its borders. In March 2015, at the Third International Pledging Conference for Syria, which aims to raise humanitarian funding for the UN’s regional response to the Syria crisis, Jordan’s prime minister said that the country’s capacity to respond to Syria’s refugees had been exceeded. Amnesty International recognizes the incredible strain that Jordan and other countries in the region are under and the urgent need for the international community to share more responsibility, but Jordan has a duty to protect refugees from Syria fleeing conflict and persecution and to allow them to enter the country.

Jordan has not ratified the 1951 Convention Relating to the Status of Refugees, or its Protocol of 1967. However under international customary law and other instruments, such as the International Convenant on Civil and Political Rights and the Convention against Torture, Jordan is obliged not to return people to a place where they would be at real risk of persecution or other serious human rights violations or abuses. This is known as the principle of non-refoulement and prohibits the rejection of asylum-seekers at the border and the deportation of refugees.

Names: Syrian refugees

Gender m/f: both


Further information on UA: 280/15 Index: MDE 16/3292/2016 Issue Date: 22 January 2016


 

ARABIA SAUDITA: 55 ESECUZIONI DA INIZIO ANNO

28 gennaio 2016: un uomo è stato giustiziato per omicidio in Arabia Saudita, giunge così a 55 il numero dei detenuti messi a morte nel Regno da inizio anno, sulla base di un conteggio tenuto dalla Afp.

In una nota, il Ministero degli Interni ha identificato l'uomo come Owaidhah al-Saadi, di nazionalità saudita, la cui decapitazione è avvenuta nella regione sud-occidentale di Aseer.
Era stato riconosciuto colpevole dell'omicidio di un connazionale, commesso con arma da fuoco a seguito di una lite.
Sempre secondo la Afp, lo scorso anno 153 persone sono state giustiziate in Arabia Saudita, sopratutto per traffico di droga e omicidio. (Fonti: AFP, 28/01/2016)

LIBERIA: TRE CONDANNATI ALL'IMPICCAGIONE PER OMICIDIO

 

27 gennaio 2016: il Tribunale del secondo circuito giudiziario della contea di Grand Bassa, in Liberia, ha condannato tre persone all'impiccagione in relazione all'omicidio di Nimely Tarr, commesso ad agosto 2014 per scopo rituale. Secondo il tribunale, Samuel Targbehn, Emmanuel Juludoe e James Reeves avrebbero asportato parti del corpo della vittima, compresi organi interni.
I tre sono residenti nella città di Paytoe, nel distretto 1 della contea di Grand Bassa.
Erano stati incriminati per il reato di omicidio dal Gran Jury il 2 marzo 2015 ai sensi del Titolo 26, Capitolo 14, Sezione 14.1 del Codice Penale della Liberia.
Gli imputati avrebbero ricevuto 200 dollari da una persona non identificata in cambio delle parti umane.
Secondo l'accusa, il 9 agosto 2014, Nimely Tarr lasciò la sua residenza di Woe Town per Paytoe Town, dove incontrò i tre uomini, che lo attirarono in una vicina fattoria di canna da zucchero e lo uccisero a sangue freddo.
La sentenza dice che gli imputati hanno ammesso di aver ricevuto 200 dollari in cambio di parti umane da usare in un rito e che saranno impiccati nel cimitero di Upper Buchanan tra le 6 di mattina e le 18.
Lo Stato era rappresentato da Samuel K. Jacob mentre gli imputati erano difesi da Paul P. Jarvan, che ha già annunciato di voler presentare appello alla Corte Suprema. (Fonti: liberianobserver.com, 27/01/2016)

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 2 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter