Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

TEXAS (USA): ALFRED DEWAYNE BROWN 154° 'ESONERATO' NEGLI USA


8 giugno 2015: dopo 12 anni di carcere, 10 dei quali nel braccio della morte, oggi è stato scarcerato Alfred Dewayne Brown, 33 anni, nero.

Ad attenderlo fuori dal carcere di Houston, anche la giornalista Lisa Falkenberg, che con i suoi articoli, per i quali ha vinto il Pulitzer 2015, ha aiutato a riaprire il caso.
Brown era stato condannato a morte nella Harris County il 25 ottobre 2005 con l'accusa di aver partecipato ad una rapina nel corso della quale, il 3 aprile 2003, erano rimaste uccise 2 persone, il poliziotto Charles R. Clark, 45 anni, e la commessa di un negozio, Alfredia Jones, 27 anni. All'epoca del processo Brown sosteneva di essere stato a casa con la fidanzata, e di aver fatto una telefonata. Il tabulato di questa telefonata è stato ritrovato solo 2 anni fa, a casa di un detective della squadra omicidi che si preparava a traslocare. Dopo il ritrovamento del tabulato lo stesso giudice che aveva condannato Brown aveva sollecitato la corte d'appello a rivedere rapidamente il caso, e la attuale procuratrice della Harris County, Devon Anderson, aveva dato parere favorevole.
Il 5 novembre 2014 la Corte d'appello di stato aveva annullato il verdetto di colpevolezza di Brown, riconoscendo che si trattava di quello che in gergo si chiama "Brady case", ossia il comportamento omissivo da parte della pubblica accusa che secondo la legge dovrebbe passare alla difesa anche le eventuali notizie positive riscontrate durante l'indagine. La procuratrice Anderson, dopo aver puntualizzato che a suo giudizio quello della polizia era stato un errore, e non un atto intenzionale, oggi ha formalizzato la sua decisione di non tentare di riprocessare Brown, ed ha dichiarato: "Abbiamo reinterrogato tutti i testimoni, abbiamo ricontrollato tutte le prove, e siamo giunti alla conclusione che non abbiamo elementi sufficienti per sostenere la colpevolezza di Brown oltre il ragionevole dubbio. Quindi, come prevede la legge, ritiro le accuse contro il signor Brown e ne chiedo la scarcerazione".
Brown è stato aiutato da Anthony Graves, scarcerato il 27 ottobre 2010 dopo aver trascorso 18 anni nel braccio della morte, e dalla giornalista Lisa Falkenberg, che con i reportage con cui è riuscita a far riaprire il caso è stata finalista del premio Pulitzer nel 2014, e lo ha vinto nel 2015 con la motivazione: "Con i suoi articoli sullo Houston Chronicle, scritto dall'angolo visuale di una texana di sesta generazione, ha spesso sfidato i potenti, e dato voce a chi non l'aveva. Nei suoi racconti, vividi e innovativi, ha trattato gli abusi del sistema giudiziario che hanno portato ad una condanna a morte senza prove, e ad altri gravi problemi legali e del sistema dell'immigrazione".
Lisa Falkenberg ha atteso Brown fuori dal carcere, assieme ai familiari di Brown.
Graves, 49 anni, nero, ha aiutato Brown a ricontattare la ex fidanzata per verificare i tempi dell'alibi di cui la pubblica accusa sosteneva non esistessero riscontri, ed ha sensibilizzato i cronisti del Houston Chronicle. Anche nel caso di Graves era stato il procuratore a nascondere elementi favorevoli alla difesa, e nel gennaio 2014 ha avviato un'azione legale chiedendo che all'allora procuratore, oggi avvocato, venga ritirata la licenza professionale. Brown, dopo aver abbracciato Lisa Falkenberg, tenendo per mano sua sorella Connie Brown, ha scambiato alcune battute con i giornalisti: "Mi sento bene, è stata una lunga attesa, ma ne valeva la pena". Ha paragonato la vita in carcere al vivere in un canile. La cosa più difficile da sopportare è stato non essere in grado di abbracciare la sua famiglia, soprattutto sua figlia che compirà 15 anni a luglio. "Non si può raggiungere e toccare qualcuno. Si va in giro con le manette per tutto il tempo", ha detto Brown, che ha poi ag
giunto di non essere amareggiato per la condanna che lo ha mandato nel braccio della morte. "Hanno fatto quello che credevano fosse giusto, anche se era sbagliato". Trattandosi di una indagine che a questo punto deve considerarsi ancora aperta, la procuratrice Anderson non ha voluto rispondere alla domanda se, al di là della mancanza di prove, ritiene che Brown sia comunque colpevole. Certi della colpevolezza di Brown si sono invece detti il capo della polizia di Houston, Charles McClelland, e il vicepresidente del sindacato della polizia di Houston, Joseph Gamaldi. Entrambe hanno voluto puntualizzare che il fatto che le prove presentate siano state considerate insufficienti non vuole dire affatto che l'uomo sia innocente. Certo dell'innocenza di Brown si è invece detto l'avvocato said Brian Stolarz, 41 anni, che ha seguito il caso di Brown per 5 anni. "Sono stato certo della sua innocenza dall'istante stesso in cui lo ho incontrato. Sono contento che sia stata fatta giustiz
ia, e che non sia stata fatta troppo tardi". "Dopo la nascita di mio ?figlio, questo è il giorno più bello della mia vita. Per me, tirarlo fuori era un dovere professionale, ma in un certo senso anche religioso".
Il Death Penalty Information Center ha aggiunto con il n° 154 Alfred Dewayne Brown alla sua lista degli "esonerati" dal braccio della morte. Brown è il 4° prosciolto negli Usa nel corso del 2015.
(Fonti: Houston Chronicle, Nessuno tocchi Caino, 08/06/2015; DPIC, 10/06/2015)
Per saperne di piu' : DPIC | Death Penalty Information Center




DPIC | Death Penalty Information Center
On June 12, the State Bar of Texas disbarred Burleson County District Attorney Charles Sebesta, the prosecutor whose misconduct led to the wrongful ...

Anteprima da Yahoo


__._,_.___

TEXAS (USA): GIUSTIZIATO DOPO OLTRE 30 ANNI NEL BRACCIO DELLA MORTE


3 giugno 2015: Lester Bower, 67 anni, bianco, è stato giustiziato in Texas.
Era accusato, ma si è dichiarato innocente fino all'ultimo, di aver ucciso, l'8 ottobre 1983, quattro persone. Le vittime furono Bob Tate, 51 anni, Jerry Brown, 52 anni, Ronald Mayes, 39 anni, un ex poliziotto, e Philip Good, 29 anni, un vicesceriffo.
Bower è il detenuto più anziano giustiziato in Texas da quando lo stato ha ripreso le esecuzioni nel 1982. Ad una richiesta di informazioni da parte di Huffington Post, l'amministrazione penitenziaria ha risposto di aver ottenuto un rifornimento di Pentobarbital il 28 aprile, sufficiente per le esecuzioni già fissate. Le dosi sono state acquistate da una farmacia autorizzata a produrre farmaci in proprio.
Bower diventa l'8° giustiziato di quest'anno in Texas, il n° 526 da quando il Texas ha ripreso le esecuzioni nel 1982, il 15° dell'anno negli Usa, e il n° 1409 da quando gli Usa hanno ripreso le esecuzioni nel 1977.
(Fonti: Associated Press, huffingtonpost.com, 03/06/2015)

NORTH CAROLINA (USA): DUE 'ESONERATI' IN ATTESA DI RISARCIMENTO


4 giugno 2015: il governatore Pat McCrory ha graziato Henry Lee McCollum e Leon Brown, passo formale indispensabile a che i due possano avere un risarcimento per i 30 anni di ingiusta detenzione.
McCollum, oggi 51 anni, nero, e Brown, oggi 47 anni, nero, sono gli "esonerati" n° 146 e 147 della lista del DPIC, e dal giorno del rilascio hanno vissuto in ristrettezze economiche.
Il 2 settembre 2014 il giudice Douglas Sasser della Robeson County aveva ratificato il ritiro di tutte le accuse contro McCollum, condannato a morte, e suo fratello Leon Brown (che stava scontando una condanna all'ergastolo) disposto dal nuovo procuratore distrettuale della contea, Johnson Britt. Dopo una ultima notte in cella per la complessità delle procedure burocratiche da espletare da parte del carcere, nella prima mattinata del 3 settembre i due uomini vennero scarcerati. I due, all'epoca molto giovani (19 e 15 anni) ed entrambi con ridotte capacità mentali, vennero arrestati con l'accusa di aver violentato e ucciso una bambina di 11 anni, Sabrina Buie. Vennero condannati a morte nel 1984 con unica prova a loro carico una confessione, non videoregistrata, che i due avrebbero rilasciato alla polizia dopo un lungo interrogatorio. In considerazione dell'età, Brown ebbe in seguito la condanna ridotta all'ergastolo. Il caso era stato seguito negli ultimi 20 anni dal Center f or Death Penalty Litigation di Durham, che dopo una serie di richieste respinte è riuscito a ottenere nuovi test del Dna. I test hanno non solo stabilito la completa estraneità dei due fratelli allo stupro, ma hanno anche individuato quello che sembra con ogni evidenza il vero responsabile, Roscoe Artis, che viveva a 100 metri dall'abitazione della vittima, e che meno di un mese dopo venne arrestato per aver violentato e ucciso, in situazioni praticamente identiche, una ragazza di 18 anni, Joann Brockman. Artis, accusato di altre aggressioni sessuali, venne condannato a morte per l'omicidio Brockman (in seguito anche la sua condanna è stata ridotta all'ergastolo), ma la polizia non volle mai incrociare i suoi dati con quanto ritrovato sulla scena dell'omicidio Buie.
I difensori dei due fratelli hanno riconosciuto la fattiva collaborazione del nuovo rappresentante della pubblica accusa nel riaprire il caso ed arrivare al proscioglimento. Al momento della scarcerazione, come previsto dalla legge, ai due fratelli venne consegnato un abito fornito dall'amministrazione penitenziaria, e 45 dollari a testa. La grazia da parte del Governatore è un passaggio burocratico obbligatorio per ottenere un risarcimento, che la legge fissa in 50.000 dollari per ogni anno di ingiusta detenzione, con un tetto di 750.000 dollari. Il risarcimento deve essere formalizzato da una agenzia statale, ma l'ulteriore passaggio è considerato una mera formalità. (Fonti: Associated Press, wcax.com, 04/06/2015)

TAIWAN: SEI PRIGIONIERI FUCILATI


5 giugno 2015: sei esecuzioni sono state praticate in serata a Taiwan, a distanza di una settimana da un brutale omicidio che ha visto come vittima una bambina, hanno riportato i media del Paese.
Tre prigionieri del braccio della morte sono stati fucilati a Taipei, i restanti tre a Taichung, Tainan e Kaohsiung. Colpi di arma da fuoco sono stati uditi dai giornalisti in attesa fuori dal Centro di Detenzione di Taipei verso le 17:00, ha riportato l'Apple Daily, quotidiano in lingua cinese.
Secondo lo stesso giornale, le sei esecuzioni sono state completate entro le 19:00.
Gli ordini per le sei esecuzioni simultanee - che portano a 42 il numero dei prigionieri nel braccio della morte di Taiwan - erano stati firmati dal ministro della Giustizia Lo Ying-Shay.
Si tratta della prima serie di esecuzioni sotto il mandato di Lo dal 29 aprile dello scorso anno.
Il numero dei detenuti nel braccio della morte era all'epoca di 47, ma nello scorso settembre la Corte Suprema ha emesso una condanna a morte per un piromane che provocò la morte di cinque persone in un bar karaoke, portando il totale a 48.
I media hanno pubblicato la lista delle sei persone giustiziate. Il primo, Huang Chu-Wang, sparò a due gangster e rapì e seppellì vivo il parente di un rivale nel 1997. In seguito pagò una guardia carceraria per fuggire e fu ritrovato con numerose armi in suo possesso.
Parenti di Huang avevano presentato un appello speciale poche ora prima dell'esecuzione, tuttavia respinto. Huang è stato giustiziato a Taichung.
Tra gli altri giustiziati figurano Wang Hsiu-fang, che uccise a bastonate un vicino e la sua bambina di tre anni, Cheng Chin-wen, che uccise due addetti al recupero dei crediti, Tsao Tien-shou, un tassista che stuprò e uccise una ragazza di 14 anni ma che fu scoperto solo dopo aver commesso un altro crimine dieci anni più tardi, Wang Chun-chin, che uccise un tassista per una disputa su una tariffa, e Wang Yu-lung, un poliziotto che uccise due donne a Pingtung.
Questa nuova serie di esecuzioni giunge nel momento in cui nel Paese si è riacceso il dibattito sulla pena di morte dopo che un intruso ha accoltellato una bambina di otto anni all'interno della Scuola Elementare di Wenhua, nel distretto Beitou di Taipei, lo scorso 29 maggio. La vittima è morta in ospedale il giorno successivo. (Fonti: Taiwan News, 05/06/2015)

IRAN: ALTRE 20 IMPICCAGIONI

5 giugno 2015: almeno 20 prigionieri sono stati impiccati in Iran negli ultimi giorni.
Tre prigionieri sono stati impiccati il 31 maggio in due diverse città, hanno reso noto media di stato iraniani.
Due prigionieri accusati di reati di droga sono stati impiccati nel carcere di Sari, ha riferito il sito ufficiale della magistratura nella Provincia di Mazandaran. Sono stati identificati come A. Gh., accusato di traffico di 1.400 grammi di eroina, e N. R. per il possesso di 29 chili e 320 grammi di oppio.
Lo stesso giorno, un prigioniero è stato impiccato nella piazza Ghahramanan di Shiraz, ha riportato l'agenzia statale Mehr. Il prigioniero, che non è stato identificato per nome, era accusato di otto casi di stupro.
Sempre il 31 maggio, cinque prigionieri sono stati impiccati nella prigione centrale di Tabriz per reati legati alla droga, ha riferito la Human Rights Activists News Agency (HRANA).
Uno di loro è stato identificato come Mohammad Abbasnejad, 32, figlio di Aziz, di Sardasht. Era stato accusato di traffico di droga, ma aveva sempre respinto le accuse. Secondo la HRANA, "Mohammad era sposato e aveva un bambino di 6 anni. I familiari avevano cercato di fargli visita prima dell'esecuzione ma le autorità hanno detto loro inaspettatamente di andare a recuperare il suo corpo".
Il 1° giugno, almeno dodici prigionieri sono stati impiccati nel carcere di Ghezel Hessar a Karaj, ha riferito il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. Erano stati trasferiti in isolamento il 30 maggio in attesa della loro esecuzione. Uno dei prigionieri è morto di infarto durante l'attesa in isolamento per l'esecuzione. Familiari degli impiccati si sono radunati fuori dal carcere per ricevere i corpi dei loro cari. Un giorno prima, guardie carcerarie antisommossa avevano attaccato e malmenato i prigionieri nel braccio della morte che si erano rifiutati di mangiare in segno di protesta per le esecuzioni di gruppo. (Fonti: Iran Human Rights, 31/05/2015; CNRI, 01/06/2015; HRANA, 04/06/2015)
Per saperne di piu' : Iran Human Rights | Official Website

MORTE TAREQ AZIZ: NESSUNO TOCCHI CAINO, SCOMPARE UN TESTIMONE CHIAVE


5 giugno 2015: sulla notizia della scomparsa di Tareq Aziz, Sergio D'Elia, Segretario di Nessuno tocchi Caino ha dichiarato:

"Con la morte di Tareq Aziz scompare non solo uno dei più importanti testimoni delle malefatte del regime di Saddam Hussein ma anche il testimone delle responsabilità del mondo cosiddetto libero che con l'intervento militare in Iraq, nel 2003, è riuscito a sabotare la proposta di Marco Pannella di esilio del dittatore iracheno come unica alternativa alla guerra.
Il regime iracheno che non ha potuto praticare nei suoi confronti la pena di morte, grazie ad una mobilitazione internazionale promossa anche da Nessuno tocchi Caino, è riuscito comunque ad eliminarlo con la morte per pena." (Fonti: NtC, 05/06/2015)

Stop the execution of Shafqat Hussain




Stop the execution of Shafqat Hussain
Shafqat Hussain was fourteen years old when Pakistan authorities sentenced him to death. After ten years in prison, authorities have suddenly issued his dea...

Anteprima da Yahoo

Cari amici,


con la presente vi invitiamo all'interessante evento che si terra' il 20 giugno p.v. alle ore 10 presso la sala del Consiglio Comunale di Ravenna (la sera prima lo stesso evento, si svolgera' presso l'associazione Umberto Foschi a Castiglione di Ravenna).


Siamo particolarmente contenti che si sia riusciti, seppure con molta fatica, ad organizzare questi incontri con Karl Guillen, scrittore ed ex detenuto americano. E, naturalmente, ringraziamo il Comune di Ravenna (ed in particolare l'assessore Giovanna Piaia) che ha accettato di patrocinare l'evento, il direttore Marcello Fariselli dell'associazione Umberto Foschi e tutti gli amici che, gratuitamente e a vario titolo, si sono prodigati e si stanno prodigando affinche' sia l'incontro che la permanenza di Karl nella nostra regione siano un successo.


Vi invitiamo a diffondere la locandina allegata e, inutile dirlo, speriamo possiate partecipare numerosi!


Un caro saluto a tutti.


Arianna Ballotta - Presidente COALIT

------------------------------------------------------

 

Karl Guillen, riuscito a sfuggire ad una ingiusta condanna a morte negli USA, per la prima volta in Italia parlera' della sua vicenda. In carcere ha imparato a scrivere, a dipingere e ha costantemente lottato non solo per dimostrare la sua innocenza ma anche per aiutare altri detenuti e per i diritti dei detenuti. I suoi libri sono una costante denuncia del sistema giudiziario e carcerario statunitense.

INDIANA (USA): PAULA COOPER MORTA, FORSE SUICIDA


26 maggio 2015: Paula Cooper, che nel 1986 divenne la più giovane detenuta dei bracci della morte statunitensi, è stata trovata morta. Per la polizia si tratta di suicidio.
La Cooper aveva 45 anni. Era stata scarcerata il 17 giugno 2013 dopo 28 anni di detenzione. Cooper, una ragazza di colore che all'epoca aveva 15 anni, nel 1985 venne accusata di aver ucciso assieme a 3 coetanee, un'insegnante di catechismo che le aveva accolte nella sua abitazione. Nel 1986 venne condannata a morte, e divenne la più giovane detenuta nei bracci della morte degli Stati Uniti. Per molti, Cooper era un mostro per il quale non aveva senso parlare di riabilitazione. Ma altri la videro come una vittima di un'infanzia piena di abusi, e di un sistema giudiziario fortemente contaminato dal razzismo. Una sfida legale mossa allo stesso concetto di "pena di morte per i minori", una campagna di solidarietà internazionale alla quale partecipò il Partito Radicale italiano con una massiccia raccolta di firme organizzata da Paolo Pietrosanti e Ivan Novelli, firme poi consegnate nel 1988 da Maurizio Barbera, all'epoca direttore del carcere romano di Rebibbia Femminile, al Segre
tario delle Nazioni Unite a New York.
Anche il Parlamento Europeo con una risoluzione con Emma Bonino prima firmataria partecipò alla campagna, e Papa Giovanni Paolo II si unì alla mobilitazione internazionale. All'epoca la Corte Suprema degli Stati Uniti stava affrontando il tema della costituzionalità delle condanne a morte di minori. Nel 1988 la Corte dichiarò incostituzionale giustiziare chi al momento del reato aveva meno di 16 anni. L'anno successivo l'Indiana adeguò le sue leggi, portando da 10 a 16 l'età minima per poter ricevere una condanna capitale, e la Corte Suprema dell'Indiana commutò la condanna a morte della Cooper a una condanna a 60 anni. Solo nel 2002 l'Indiana alzò a 18 anni l'età minima per una condanna a morte, e solo il 1° marzo 2005 la Corte Suprema degli Stati Uniti, con un solo voto di scarto, dichiarò incostituzionale la pena di morte per i minori di 18 anni.
Durante il processo, così la pubblica accusa ricostruì il fatto: "Era il 14 maggio 1985 quando 4 ragazze suonarono alla porta di Ruth Pelke, 78 anni, bianca, dicendosi interessate ad approfondire alcune letture della Bibbia". Entrate, una delle ragazze colpì la Pelke alla testa con un vaso, facendola cadere a terra. "Paula Cooper, come poi ammise al processo, le andò sopra, continuando a chiederle "Dove sono i soldi, cagna?". Quando l'anziana donna rispose di non avere denaro in casa, la Cooper ha cominciato a torturarla, facendole dei profondi tagli sul petto. La Pelke è morta mentre recitava le ultime preghiere al Signore".
Cooper e le altre 3 ragazze - Denise Thomas, 14 anni, Karen Corder, 16 anni, e April Beverly, 15 anni - sono fuggite con circa 10 dollari di bottino, e l'automobile della Pelke. Il giorno dopo sono state arrestate "dopo che in giro si erano vantate dell'uccisione", ricordò la pubblica accusa. La Beverly testimoniò contro le altre, ed ottenne una condanna a 25 anni per la sola rapina. E 'stata rilasciata nel 1999. Ora vive in Colorado. Raggiunta telefonicamente, non ha voluto commentare la notizia del rilascio della Cooper. La Thomas venne condannata per omicidio a 35 anni. È stata rilasciata nel 2003. Anche la Corder venne condannata per omicidio, a 60 anni, ed è stata rilasciata nel 2008. La stampa non è riuscita a localizzarle.
Al processo la Cooper si dichiarò colpevole di omicidio. Il suo difensore dell'epoca, Kevin Relphorde, ha ricordato che la dichiarazione di colpevolezza, e l'aver espresso rimorso, potessero bastare ad evitare la condanna a morte. Ma evidentemente non c'era molto spazio di manovra. Il giorno della sentenza il giudice James Kimbrough fece un lungo discorso sul perché lui era contrario alla pena di morte. Ma poi lasciò cadere la bomba: condanna a morte per Cooper. Ricorda Crawford: "A questo punto l'attenzione sul caso cambiò di segno. Non si parlò più di quanto orrendo fosse il crimine, ma del fatto che una ragazza di soli 16 anni era stata condannata a morte, del fatto che era solo la 4° donna in Indiana a finire nel braccio della morte, e del fatto che comunque l'Indiana non ha mai giustiziato una donna. È un caso che ti rimane in mente quando nel tuo ufficio arriva un emissario del Papa, quando del caso si occupa Amnesty International, e quando dall'Europa arrivano molti se
gnali di attenzione, soprattutto dall'Italia. Lettere e petizioni sono arrivate in gran numero sulla mia scrivania da procuratore, e in seguito alla Corte Suprema di Stato. Un documento della Indiana Historical Society registra che la Corte Suprema di stato aveva ricevuto oltre 2 milioni di firme, altri appelli arrivarono al governatore Robert Orr, compreso uno, nel settembre 1987, del Papa, e un ulteriore appello arrivò alle Nazioni Unite, con un milione di firme a supporto.
Bill Pelke, un nipote della vittima, che aveva perdonato Paula e nel corso degli anni è diventato un militante della lotta contro la pena di morte, al momento della scarcerazione si disse preoccupato: "La mia preoccupazione principale è vedere che si possa sistemare in qualche modo, e che trovi un lavoro". Per il resto non aveva commentare il rilascio di Paula perché, aveva aggiunto: "La copertura mediatica potrebbe complicare ulteriormente il già difficile compito di ricostruirsi una vita".
La sorella della Cooper, Rhonda Labroi, aveva detto "Spero che la gente guardi oltre il fermo immagine dell'epoca, in cui mia sorella è effigiata come una killer adolescente". "È una persona molto diversa. È molto più istruita, più vecchia e più saggia ora. Penso che le cose saranno diverse." Cooper, ha aggiunto, "ha pagato il suo prezzo. Esistono le seconde possibilità. Sembra che Dio le abbia voluto dare un'altra possibilità. Penso che se la gente sarà d'accordo nel concederle una seconda possibilità, Paula farà bene". Aveva detto la Labroi.
In una intervista del 2004, Paula Cooper aveva espresso rimorso per le sue azioni, e il desiderio di cambiare radicalmente la sua vita. "Ognuno di noi ha la responsabilità di fare il bene o il male, e se si fa del male, si deve essere puniti". "La riabilitazione viene prima di tutto da noi stessi. Se non sei pronto per essere riabilitato, non lo sarai." Jack Crawford, che rappresentò la pubblica accusa al processo, nel frattempo ha maturato una posizione contraria alla pena di morte. Ma conferma che all'epoca la legge prevedeva che si potesse chiedere la pena di morte in casi particolarmente gravi a partire dai 10 anni di età, e a lui, per l'efferato omicidio della signora Pelke, la condanna sembrava appropriata. "Il Caso della Cooper, il suo processo e la condanna a morte" ha detto Crawford "hanno attratto l'attenzione dei media più di ogni altro caso che ho seguito nei 12 anni da procuratore della Lake County, per diverse ragioni: perché lei era una donna, perché aveva 15 a
nni, per la ferocia dell'uccisione, e per il contrasto tra lei, nera, e la sua vittima, bianca". "Furono 4 ragazze adolescenti, durante la pausa pranzo al liceo, a suonare a casa della vittima, e compiere l'orribile crimine. Era sorprendente che queste 4 ragazze potessero aver fatto una cosa del genere con tanta fredda cattiveria. Le ragazze avevano ben pianificato di uccidere la donna perché non le riconoscesse, e la Cooper, a capo della banda, si era portata dietro un coltello da macellaio con la lama da 30 centimetri". Al momento della scarcerazione l'Amministrazione Penitenziaria aveva reso noto il curriculum della Cooper: ripresa 23 volte per violazioni al regolamento, 10 delle quali di basso livello, e condannata nel 1995 a 3 anni di isolamento per aver aggredito una guardia penitenziaria. Nell'intervista del 2004 la Cooper aveva ricordato quegli anni di tensione: "Ero molto amareggiata, ed arrabbiata, e così mi ficcavo spesso nei guai. Poi un giorno ho deciso che dove
vo iniziare a calmarmi". Quindi ha studiato, ha preso la maturità, ha? frequentato un corso professionale, e ha preso una laurea di 1° livello. Ha collaborato nell'addestramento di cani per i ciechi, e dal 2011 ha lavorato come tutor.
Crawford, il suo ex pubblico ministero, attraverso la stampa le fece gli auguri per la sua nuova fase di vita: "Ha scontato la sua pena, e forse può dare un contributo di qualche tipo alla società. Spero che continui nel suo percorso di riabilitazione, e trovi il modo di riparare in qualche misura al crimine che ha compiuto 30 anni fa". Non è ancora chiaro cosa possa aver portato Paula Cooper al suicidio.


(Fonti: The Guardian, Nessuno tocchi Caino, 26/05/2015)

NEBRASKA (USA): ABOLITA LA PENA DI MORTE


27 maggio 2015: Votando 30-19 il parlamento del Nebraska ha superato il veto governatoriale, ed ha definitivamente abolito la pena di morte.
I voti favorevoli sono stati 2 in meno rispetto all'ultima votazione in aula del 20 maggio.
Ieri il governatore Pete Ricketts, repubblicano, al suo primo anno di mandato, aveva posto il veto, e aveva rivolto un forte appello ai Senatori perché sostenessero il suo veto, argomentando che lo stato ha solo 10 persone nel braccio della morte, e questo dimostrerebbe che se ne fa un uso "prudente e giudizioso". Secondo il governatore, l'abolizione priverebbe i rappresentanti della pubblica accusa di un forte strumento di pressione per indurre i criminali a confessare e collaborare.
I senatori Jerry Johnson e John Murante hanno cambiato voto, ma i 30 voti ottenuti dalla legge LB 268 raggiungono comunque il limite minimo necessario a far entrare una legge in vigore anche quando il governatore si rifiuta di ratificarla.
Il senatore Murante, che si definisce cattolico praticante, ha detto: "Personalmente sono dibattuto sulla pena di morte, ma una verità è innegabile: prendere una vita umana, in certe circostanze, è giustificabile". Ha aggiunto che nonostante le pressioni da parte dell'arcivescovo George Lucas e da altri religiosi, la stragrande maggioranza degli elettori del suo distretto sono favorevoli alla pena di morte".
Il senatore Ernie Chambers, primo firmatario della legge, ha preso la parola oggi in aula. Ha aperto il suo intervento chiedendo ai senatori di confermare la loro posizione. "Non sacrificate ciò che siete, e quello per il quale vi siete battuti, in risposta a pressioni politiche temporanee, quel tipo di pressioni che un domani voi stessi potreste considerare inconsistenti".
Dopo il voto, in aula è scoppiato un forte applauso. Il senatore Chambers ha ringraziato i colleghi. L'ultima esecuzione in Nebraska risale al 1997. Ci sono 10 persone nel braccio della morte, un 11° detenuto è morto pochi giorni fa di morte naturale. La legge non è retroattiva, e quindi l'abolizione non si applica automaticamente ai casi già giudicati. In questi casi, a meno che un governatore non emetta un provvedimento di clemenza generalizzato, di solito gli avvocati dei condannati a morte attendono che qualcuno venga processato per un reato comparabile a quello dei loro assistiti. Dopo che questo reato "comparabile" porta ad una condanna che non è la pena di morte, gli avvocati fanno ricorso sostenendo che non è giusto che due reati simili vengano puniti in maniera difforme, ed ottengono, nel tempo, le commutazioni per i loro assistiti.
(Fonti: KETV news, 27/05/2015)

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 10 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter