Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 409

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 416

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/plugins/system/jbackup.php on line 417
News Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte - Italian Coalition to Abolish Death Penalty - News - Petizioni - Iniziative - La Storia - Formazione - Libri, film, canzoni... Campagne per l'abolizione della pena di morte nel mondo
Home News


Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 93

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: mktime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 117

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/components/com_k2/models/item.php on line 511

News (841)

IRAN: LE ESECUZIONI AUMENTANO E I FINANZIAMENTI EUROPEI CONTINUANO


2 luglio 2015: una nuova analisi pubblicata dalla ONG Iran Human Rights mostra che più dei due terzi delle 570 persone giustiziate finora quest'anno in Iran erano state condannate per reati legati alla droga. Queste esecuzioni possono essere collegate ai finanziamenti per i programmi di lotta al narcotraffico stanziati tramite l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC) e finanziati dai Paesi europei, inclusi Francia e Germania.
La ricerca della ong per i diritti umani Reprieve mostra che la Francia ha fornito più di 1 milione di euro alla Polizia Anti Narcotici dell'Iran (ANP) negli ultimi anni; mentre la Germania ha contribuito ad un progetto da 5 milioni di euro dell'UNODC che ha fornito alla ANP formazione e  attrezzature.
I progetti dell'UNODC mirano ad incrementare il numero delle persone arrestate e condannate per droga, ma non impongono condizioni efficaci per garantire che il sostegno finanziario non contribuisca ad incrementare il numero di impiccagioni. Con l'Iran che attualmente pratica esecuzioni ad un ritmo così elevato e con il 69% delle esecuzioni legate a reati di droga, Reprieve invita l'UNODC ed i suoi finanziatori ad agire con urgenza per introdurre condizioni sul sostegno che essi forniscono.
Un certo numero di altri Stati europei, tra cui Regno Unito, Danimarca e Irlanda, hanno già ritirato i finanziamenti ad analoghi programmi UNODC in Iran, con il governo danese che ha riconosciuto come questi "portino ad esecuzioni". Tuttavia Francia e Germania si sono rifiutate di assumere impegni analoghi, e non hanno escluso di contribuire ad un nuovo stanziamento riservato di fondi Onu per l'ANP iraniana.
L'UNODC sta attualmente negoziando questo accordo della durata di cinque anni, e il capo dell'UNODC Yury Fedotov si è recato in Iran nel febbraio di quest'anno promettendo che un accordo sarebbe stato finalizzato "nei prossimi due mesi". Ha aggiunto che "nessun Paese può competere con l'Iran per quanto riguarda la quantità di stupefacenti scoperti e sequestrati."
La ricerca di Reprieve ha scoperto che almeno 15 milioni di euro del sostegno europeo possono essere direttamente collegati ad arresti e impiccagioni di migliaia di persone - tra cui donne, minori e un certo numero di cittadini europei. In un caso del 2014, un ragazzo 15enne afgano, Jannat Mir, è stato impiccato con l'accusa di traffico di eroina attraverso il confine tra Afghanistan e Iran, nel periodo in cui l'UNODC sovrintendeva ad un'operazione sul confine da 5 milioni di euro.
Le linee guida sui diritti umani dell'UNODC prevedono che se le esecuzioni per reati legati alla droga continuano, l'organismo dovrebbe "assumere un blocco temporaneo o il ritiro del sostegno".
Maya Foa, responsabile del team sulla pena di morte di Reprieve, ha dichiarato:
"Anche se in Iran il tasso di esecuzioni arriva alle stelle, i Paesi europei come Francia e Germania continuano a finanziare le incursioni brutali da parte della polizia iraniana che inviano regolarmente persone nel braccio della morte per reati non violenti. In Iran 7 impiccati su 10 quest'anno sono stati catturati in questo tipo di operazioni, ma i finanziatori europei e l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine continuano a chiudere un occhio, e stanno anche considerando un nuovo finanziamento.
"E' un'ipocrisia insostenibile per i paesi europei e per l'UNODC quella di rivendicare opposizione alla pena di morte in tutte le circostanze pur permettendola e incoraggiandola all'estero. Se i loro impegni in materia di pena di morte valgono qualcosa, dovrebbero imporre condizioni efficaci e trasparenti per garantire che il loro aiuto non porti a esecuzioni." (Fonti: Reprieve, July 2, 2015)

NESSUNO TOCCHI CAINO, CORTE SUPREMA USA GIUDICHI COSTITUZIONALITA' DELLA PENA DIMORTE IN SE'

29 giugno 2015: In merito alla notizia del rigetto 5/4 da parte della Corte Suprema americana dei ricorsi in merito alla costituzionalità di un farmaco dell'iniezione letale, Elisabetta Zamparutti, Tesoriera di Nessuno tocchi Caino ha dichiarato:
"Il nodo che deve sciogliere la Corte Suprema, non è la costituzionalità di un metodo di esecuzione ma della pena di morte in sé. Una pena anacronistica che va superata per realizzare pienamente quello Stato di diritto, sogno dei padri fondatori della democrazia più antica del mondo.
Per questo - ha continuato la Zamparutti - l'opinione di maggioranza scritta dal giudice Alito, per il quale i tre condannati a morte ricorrenti non sono riusciti a dimostrare che esiste un metodo alternativo meno doloroso, esprime una diabolica inversione dell'onere della prova.
Ha ragione invece il liberale giudice Stephen Breyer, estensore dell'opinione di minoranza, per il quale la Corte deve valutare se la pena di morte non sia ormai divenuta di per sé una punizione crudele e inusuale, non solo rispetto ai valori fondamentali della storia americana ma anche rispetto alla sensibilità attuale dell'opinione pubblica che la vede come un ferro vecchio del passato di cui liberarsi." (Fonti: NtC, 29/06/2015)

Carcere: Sezioni che chiudono e carceri che vanno riempiti... "E i detenuti? L’impressione è che siano semplicemente delle pedine da spostare in un disumano gioco per riempire caselle."

 

 

 

 

Se ne parlava, se ne parlava da qualche tempo. La parola “trasferimento” aleggiava qua e là, anche quando non pronunciata, tra le righe. Poi mi arriva la lettera di Pasquale De Feo, che già a prenderla in mano si capisce che qualcosa non va. Non arriva più dal carcere di Catanzaro. Il mittente scrive da Massama. Oristano, per intenderci. Profonda Sardegna. “Cara Francesca, mi scrive, temo che quando verrai a Catanzaro per “l’incontro con l’autore”  non mi troverai. Mi hanno deportato in Sardegna. Da una settimana sono solo in sezione, dovrebbero arrivare altri prigionieri. Non me l’aspettavo, anche perché non ho fornito pretesti… “.

No, sono certa che Pasquale De Feo pretesti non ne abbia forniti. Ma certo inquieta non poco, il fatto che la prima cosa che abbia pensato sia una ‘punizione’, di cui non trova logica spiegazione. Come è difficile trovare una logica, che sia accettabile, nei trasferimenti che si stanno compiendo in questi giorni. Per radunare tutti insieme i ‘cattivissimi’ delle sezioni di Alta Sicurezza, chiudendo alcune sezioni AS1 sparse qua e là per l’Italia.

Qualcuno è già andato a infoltire le fila dei “cattivi” di Opera. Qualcun altro è già stato spedito a Sulmona, il carcere dei suicidi, come lo chiamano. Molti, se il programma va avanti, finiranno in Sardegna, a riempire quelle carceri costruite apposta per loro, dalla nostra malsana italietta, in un periodo piuttosto discutibile. Il piano carceri del 2002-2003 del governo Berlusconi, ricordate? E il filo rosso che, niente di penalmente rilevante, per carità, ma teneva insieme alcune  società nella realizzazione dei più rilevanti interventi pubblici in Sardegna degli ultimi anni.  E dacché sono stati costruite, adesso andranno ben riempite, quelle carceri… a fare della Sardegna  una grande Asinara, mi viene da pensare…

 

E i detenuti? L’impressione è che siano semplicemente delle pedine da spostare in un disumano gioco per riempire caselle. Come pacchi, come cose. Tutto molto coerente, a dire la verità, con il processo di reificazione delle persone che, parole a parte, di fatto tende a incarnare il sistema carcerario.

 

E invece ci sono i nomi, i volti, e le storie… A qualcuno dovrà pure importare di questi nomi , di questi volti, di queste storie. Dovrà pure importare sapere che si tratta di persone in carcere da decenni e che spesso un percorso in questi anni l’hanno pure compiuto. Come accade a Padova, ad esempio. Dove si sono compiuti percorsi molto interessanti, dove c’è un polo Universitario, dove qualcuno si è laureato, dove grazie alla redazione di Ristretti Orizzonti è stato possibile ricominciare a tessere relazioni, basta pensare agli effetti positivi degli incontri con le scuole…. Dove, in una parola, si cerca di realizzare quello che pure la Costituzione chiede, ossia il famoso  “recupero”. Che altro non può essere che riavvicinamento alla società…

Alcuni di questi ‘cattivissimi’ dell’Alta Sicurezza li ho conosciuti, con alcuni, qua e là per l’Italia, ci scambiamo lettere. Mi raccontano dei loro percorsi, delle difficoltà, delle  letture, degli studi che comunque portano avanti. Nulla a che vedere, vi assicuro , con l’immagine stereotipata su cui insistono ( ahinoi) i media, del delinquente rozzo e analfabeta. Molti, a volte, mi mettono in difficoltà, perché tante cose io non le ho studiate… e non è facile confrontarsi con la nuova forza di chi  nello studio ha scoperto nuove dimensioni, di chi nella storia cerca anche le ragioni della propria vicenda esistenziale… Perché in AS1 si incontra anche questo e non necessariamente, come ho letto in uno sbrigativo articolo sui futuri ospiti delle carceri sarde, “pericolosi criminali”.

Ma per i più rimane la condanna all’Alta sicurezza.

Eppure, c’è qualcosa che non va, mi sono sempre detta, se dopo decenni di carcere le procure continuano a negare declassificazioni, inchiodando le persone al momento del reato. Ci sarebbe da chiedersi, se dopo lunghissime carcerazioni queste persone  sono ancora così pericolose, se sono esattamente quello che erano quando sono entrate, cosa ha mai fatto il carcere? Non è questo un dichiarare il suo stesso fallimento? La sua inutilità? Personalmente penso che a volte le mancate declassificazioni siano anche il risultato di un’attività, e di una pigrizia, del tutto burocratica, che, per non assumersi responsabilità in merito, inchioda al passato persone che oggi nulla hanno a che vedere con quello che sono state,  indipendentemente dal fatto che siano state o no collaboratori di giustizia. Che, diciamoci la verità, è scelta processuale e non testimonianza di vero pentimento. “Il  problema rimane sempre lo stesso, mi scrive da Padova Giovanni Zito, sono convinti che se le persone non diventano collaboratori di giustizia non potranno cambiare… comunque sono ancora vivo e fiducioso”. Giovanni Zito… che qualche anno fa ha scritto un bellissimo racconto, dal titolo ‘Sono Giovanni e cammino sotto il sole’. Oggi, nella lettera che mi manda annota: “Giovanni ha smesso da tempo di camminare sotto il sole…”

La verità, permettetemi, da quello che vedo, da quello che so, è che il carcere non vuole rieducare. Ma punisce e vessa. E continuo a pensare che tutto quello che non è privazione della libertà (non è in questo, e scusate se è poco,  che  deve consistere la pena carceraria? ), tutto quello che vi si aggiunge è solo tortura…

E non è tortura spezzare percorsi faticosamente ricostruiti? Non è tortura dire, senza guardare in faccia nessuno, non mi interessa capire se sei cambiato, se recido i rapporti ricostruiti, se rendo ancora più difficile, allontanandoti, i rapporti con i familiari… Già, i familiari, ad esempio. Che fine faranno i rapporti familiari, già difficili e tormentati, per chi dovrà essere inseguito fino in Sardegna, ad esempio?

E non è questa punizione che si aggiunge a punizione? Eppure l’ordinamento stesso riconosce l’importanza dei legami familiari e il principio della territorialità della pena… e bla bla bla… eppure, a Mario Trudu, sardo, in carcere da 36 anni, che chiede di avvicinarsi ai suoi in un carcere della Sardegna, il trasferimento non è concesso…

Ma come può mai insegnare la legalità uno stato che viola le sue stesse norme? Che riesce, mi ha scritto qualcuno, “ad essere più cattivo di noi”.

“Ma  cosa deve fare un uomo per dimostrare che non è più ciò che è stato un tempo? (...) avevo incominciato a pensare, a sognare, e soprattutto a sperare, dando a mia volta speranza alla mia famiglia che da ormai ventiquattro anni  mi segue in questo inferno senza fine (...)”. Queste sono le parole di Giuseppe Zagari, trasferito qualche settimana fa da Padova al carcere dei suicidi, Sulmona, appunto…

Scusate le tante domande e il tono da  predica, ma da quando ho conosciuto qualcosa della realtà del carcere, me ne vergogno, e  molto... Oggi mi vergogno molto di quest’ultima violenza che viene fatta a persone che con un colpo di penna rischiano di essere ributtate nel nulla.

 

Francesca de Carolis

 

L'articolo è stato pubblicato nella rassegna stampa  del 20 giugno di Ristretti Orizzonti http://www.ristretti.org/Le-Notizie-di-Ristretti/detenuti-as-pedine-da-spostare-in-un-disumano-gioco-per-riempire-caselle e su "Il Garantista" del 21 giugno   Trasferire i detenuti è solo tortura




Trasferire i detenuti è solo tortura Condividi di Francesca De Carolis   Il Garantista, 21 giugno 2015   Qualcosa non va se dopo decenni in cella le Procure negano le declassificazioni, inchiodand...
Visualizza su www.ristretti.org Anteprima da Yahoo

 

GIAPPONE: UN GIUSTIZIATO PER OMICIDIO, DODICESIMA ESECUZIONE DEL GOVERNO ABE

25 giugno 2015: il Giappone ha giustiziato un uomo di 44 anni che aveva rapinato e ucciso una donna di 31 anni dopo aver pianificato il crimine con complici conosciuti online.
L'esecuzione porta a 12 il numero totale di condanne a morte eseguite da quando il Primo Ministro Shinzo Abe ha preso il potere nel 2012.
Tsukasa Kanda è stato impiccato a Nagoya per l'omicidio di Rie Isogai, commesso nel 2007 nella stessa città.
Insieme a due complici incontrati online, aveva ideato un piano per colpire una donna vittima casuale. Dopo di che, i tre hanno rapito Isogai per strada a Nagoya e l'hanno soffocata avvolgendole la testa con un sacchetto di plastica, nastro adesivo e corda, prima di ucciderla a martellate.
Kanda non ha fatto appello contro la condanna a morte inflitta dal tribunale distrettuale, mentre i suoi complici, che lo hanno fatto, stanno scontando condanne a vita. (Fonti: AFP, 25/06/2015)

CINA: GIUSTIZIATI TRE TRAFFICANTI DI DROGA

24 giugno 2015: tre persone sono state giustiziate nel più grande caso di droga venuto alla luce nella provincia cinese di Liaoning.
Ma Min, Yao Hongguo e Li Na erano stati riconosciuti colpevoli del traffico di 2.000 pillole di metamfetamina e 36 Kg della droga, ha reso noto in un comunicato l'Alta Corte del Popolo della provincia di Liaoning.
A partire da maggio 2008, i tre avrebbero trasportato la sostanza dalla città di Shenzhen per venderla nella città di Yingkou. Sono stati arrestati mentre ritiravano la droga alla stazione ferroviaria di Yingkou, nel maggio 2010.
Dall'inizio del 2014, 2.365 trafficanti di droga sono stati puniti nella capitale cinese, compresi 446 che hanno ricevuto pene detentive superiori a cinque anni.
Più del 90% della droga sequestrata in Cina nel 2014 proveniva dal Triangolo d'Oro nel Sudest asiatico, secondo un rapporto sulle droghe pubblicato il 24 giugno. (Fonti: Xinhua, 24/06/2015)

 

20 giugno 2015

Incontro dal titolo:

Pena di Morte e Giustizia negli USA: parliamone con un protagonista

Presso:

Sala del Consiglio Comunale di Ravenna, piazza del Popolo, Ravenna

 

L’incontro si e’ svolto nella meravigliosa cornice della Sala del Consiglio Comunale di Ravenna dalle 10 alle 12. Diversi i partecipanti provenienti anche da altre citta’. Ha introdotto e moderato la giornalista e scrittrice Mirella Santamato. Sono intervenuti, nell’ordine, Giovanna Piaia, assessore alle politiche e culture di genere del Comune di Ravenna, la quale ha ribadito il proprio impegno in difesa dei diritti umani, Arianna Ballotta, presidente della Coalizione Italiana contro Pena di Morte Onlus, che ha fatto una panoramica sull’uso della pena capitale nel mondo, e Karl Guillen, scrittore ed ex detenuto americano, il quale ha raccontato la propria triste e toccante vicenda. Le sorelle cantanti Matilde e Celeste Pirazzini hanno toccato i presenti con le loro splendide voci e le parole struggenti della Ballata di Sacco e Vanzetti ed il brano The Book of Love. La traduzione simultanea e’ stata affidata a Rebecca Bizot, la quale ha operato a titolo gratuito.

Al termine dell’incontro la Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus ha offerto il pranzo a Karl e ad altri collaboratori.

Si ringrazia in particolare l'assessore Piaia per la partecipazione, il Comune di Ravenna che ha offerto il proprio patrocinio, e tutti coloro che, a vario titolo, hanno collaborato alla buona riuscita dell’evento, in particolare gli amici Billy e Kingsley, che hanno allestito la sala e gestito il banchetto dei libri.

Un grande grazie e Karl per la forza e la speranza che riesce a donarci con il suo messaggio.

 

Arianna Ballotta

Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus

 

19 giugno 2015

Incontro dal titolo:

Pena di Morte e Giustizia negli USA: parliamone con un protagonista

Presso:

Associazione Culturale Umberto Foschi, Castiglione di Ravenna

L’incontro si è svolto dalle 21 alle 23:30. I presenti, anche se non molto numerosi, si sono dimostrati molto partecipi. Ha introdotto e moderato Marcello Fariselli, vice-presidente dell’associazione culturale Umberto Foschi, e - dopo i saluti del Presidente Angelo Gasperoni - sono intervenuti, nell’ordine, Arianna Ballotta, presidente della Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus, Mirella Santamato, scrittrice e giornalista, e Karl Guillen, scrittore ed ex detenuto americano. Il pubblico, molto toccato dal racconto di Karl e dalle informazioni fornite durante la serata sulla pena di morte nel mondo (traduzione simultanea a cura di Rebecca Bizot, che ha operato a titolo gratuito), ha posto a Karl e agli altri relatori molte domande interessanti. Il tutto si è svolto in un clima sereno e quasi famigliare. Al termine dell’evento è stato offerto un piccolo rinfresco dall’associazione culturale Umberto Foschi. Prima dell’incontro, Karl è stato ospite a cena degli amici Camilla e Bruno Pirazzini, di Castiglione di Ravenna, presso cui Karl ha anche pernottato. A loro vanno i nostri sentiti ringraziamenti per la cortesia e l’amicizia dimostrate. Si ringraziano anche il presidente ed il vice-presidente dell’associazione culturale Umberto Foschi per aver ospitato l’evento e per aver dimostrato, nuovamente, competenza e sensibilita’ in merito ai temi trattati.

Ci auguriamo, in un futuro non troppo lontano, di rinnovare la collaborazione con l’associazione culturale Umberto Foschi, anche insieme – come sempre - alla preziosa ed insostituibile amica Mirella Santamato.

 

Arianna Ballotta

Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus

BURKINA FASO: VERSO L'ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE?


10 giugno 2015: in una riunione a porte chiuse a Ouagadougou, l'ufficio del Consiglio Nazionale di Transizione (CNT) ha adottato all'unanimità sette progetti di legge da sottoporre all'approvazione del Governo, tra cui quello relativo all'abolizione della pena di morte.
"Abbiamo ritenuto necessario risolvere definitivamente la questione, che è controversa. La proposta non mira a eliminare la pena di morte, ma a creare sanzioni alternative", ha detto il primo Vice Presidente del CNT, Colonnello Lucien Honoré Nombré. (Fonti: fasopresse.net, 11/06/2015)

NIGERIA: PROSCIOLTA SPOSA-BAMBINA ACCUSATA DI AVER UCCISO IL MARITO, UN'ALTRA RIMANE NEL BRACCIO DELLA MORTE

9 giugno 2015: un giudice della Corte Suprema di Gezawa, nello Stato di Kano, ha ordinato il rilascio di Wasila Tasi'u, una bambina costretta a sposarsi a soli 13 anni e che poi ha avvelenato il marito di 35 anni e tre amici. Un'altra tredicenne che ha ucciso il marito di 35 anni rimane nel braccio della morte, nonostante una sentenza della Corte di Giustizia della Comunità dell'Africa Occidentale nel 2014 che ha considerato la sua condanna a morte illegale perché era minorenne. Entrambe le ragazze erano diventate seconde mogli nella parte settentrionale musulmana della Nigeria, dove la poligamia e il matrimonio infantile sono comuni. Nessuna delle due era mai andata a scuola e non sapeva leggere o scrivere. (Fonti: Associated Press, 10/06/2015)

KENIA: PROPOSTA ABOLIZIONISTA PRESENTATA IN PARLAMENTO

16 giugno 2015: un parlamentare ha presentato due disegni di legge la cui promulgazione comporterebbe l'abrogazione della pena di morte in Kenia e una soluzione all'insostenibile sovrappopolazione nel braccio della morte.
I disegni di legge, redatti dal deputato John Waiganjo, cancellerebbero la pena capitale dal codice penale e dal codice di procedura penale.
Waiganjo ha sostenuto che avere la pena di morte nell'ordinamento è in contrasto con il Bill of Rights insito nella Costituzione. "L'articolo 26 della Costituzione garantisce il diritto alla vita di tutti i cittadini e prevede che tale diritto possa essere limitato solo dalla Costituzione o da una legge del Parlamento", ha detto il deputato. "La pena di morte è immorale, inefficace come deterrente e non è riuscita a rendere una giustizia davvero riparatoria alle vittime di reati per i quali è prescritta."
I due disegni di legge sono nella fase di esame da parte della Commissione Giustizia prima della loro pubblicazione e presentazione formale alla Camera. La proposta ha suscitato un intenso dibattito nel corso della riunione del comitato, che era chiuso al pubblico, essendo un certo numero di deputati favorevoli alla condanna a morte.
L'ultima esecuzione in Kenya è avvenuta nel 1987 quando Hezekiah Ochuka e Pancras Oteyo Okumu sono stati giustiziati per aver tentato un colpo di stato il 1° agosto 1982.
L'amministrazione penitenziaria del Paese è alle prese con un numero crescente di detenuti nel braccio della morte, che, nel marzo 2015, erano poco più di 4.000, secondo i dati del Governo. (Fonti: gbooza.com, Nessuno tocchi Caino, 19/06/2015)

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 9 di 61

News


Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/clients/client16/web5/web/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/clients/client16/web5/web/modules/mod_k2_content/helper.php on line 363

Newsletter